Skip to content

Influenza di Freud nella letteratura francese: la Nouvelle Revue Française

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Guerini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Eleonora Sparvoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

La tesi si occupa delle prime influenze avute dal pensiero freudiano nella letteratura - e più in generale nella cultura - francese di inizi '900.
Si vuole anche approfondire il ruolo avuto dagli ambienti letterari nell'introduzione della psicanalisi in Francia: fino al 1926, anno della fondazione della Société Psychanalytique de Paris, psichiatri e psicologi di scuola francese si sono mostrati molto restii ad accettare il pensiero di Freud, mostrando resistenze e pregiudizi a cui i letterati sembrano invece estranei.
Si fa particolare riferimento agli ambienti della Nouvelle Revue Française e al suo direttore di quegli anni, Jacques Rivière, autore fra l'altro del saggio "Quelques progrès dans l’étude du coeur humain: Freud et Proust".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nel 1920, Robert de Traz, direttore de la Revue de Genève, si reca da Freud, in occasione della prima traduzione di un testo di quest‟ultimo in lingua francese. De Traz rievoca un momento del suo incontro con Freud: “Je lui raconte que des écrivains français en nombre grandissante s‟intéressent à ses découvertes. Il s‟en amuse tout d‟abord: „Vraiment? Mais je suis si peu traduit en français! Alors vous dite, les milieux littéraires?‟ L‟idée lui plaît…” 1 . La psicanalisi incontra in Francia numerose resistenze nell‟ambiente medico; nel momento della sua affermazione, la divulgazione del pensiero di Freud nella cultura francese dovrà senz‟altro molto agli intellettuali, agli artisti e, appunto, agli ambienti letterari. Come nota Elisabeth Roudinesco, nel suo bel libro La bataille de cent ans, fra gli scrittori (fra cui Cendrars, Breton, Rolland, Jouve, ma l‟elenco potrebbe allungarsi) ci sarà pressoché una “gara” nello stabilire chi sia stato il primo a conoscere le tesi freudiane, a comprenderne il reale contenuto nonché la fondamentale importanza. L‟entusiasmo mostrato dai letterati francesi è una questione di non poco conto, considerato che negli stessi anni molti psicologi e psichiatri loro conterranei mostrano una certa diffidenza nei confronti della psicanalisi, rifiutandone soprattutto i caratteri più innovativi. Nel momento in cui alcuni di essi tentano una divulgazione delle teorie freudiane, tendono a travisarne gli elementi principali. É nota la grande attenzione dedicata dal Surrealismo alla psicanalisi, espressa chiaramente fin dal primo Manifesto del Surrealismo (del 1924). Tuttavia tale interesse non è reciproco: Freud, ricevendo da André Breton una copia della sua ultima opera, Vases communicants, risponderà all‟autore con una lettera che testimonia la sua completa incomprensione nei confronti dell‟arte e della letteratura surrealista. Il padre della psicanalisi scrive: “Bien que je reçoive tant de témoignage de l‟intérêt que vous et vos amis portez à mes recherches, moi-même je ne suis pas en état de me rendre clair ce qu‟est e ce que veut le surréalisme. Peut-être ne suis-je en rien fait pour le comprendre, moi qui suis si éloigné de l‟art.” Freud esprime in diverse occasioni le sue perplessità nei confronti del Surrealismo. Eppure la giustificazione che adduce nella lettera qui sopra citata, la sua pretesa di essere “lontano dall‟arte”, sembra quanto mai fragile. Lo psichiatra viennese ha dimostrato in molte sue opere un vivo interesse per la letteratura. Per non fare che un esempio, nel suo saggio sulla Gradiva di Jansen (del 1906), sostiene che alcuni scrittori sono stati degli autentici anticipatori delle scoperte della psicanalisi: 1 Robert de Traz: Visite à Freud - Les nouvelles littéraires - 24-3-1923

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sigmund freud
freud
proust
psicanalisi
surrealismo
letteratura francese contemporanea
nrf
jacques rivière
psicanalisi e letteratura
proust e freud
la nouvelle revue française
critica letteraria francese
albert thibaudet

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi