Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Reti Museali su Internet

Nel corso della seconda metà del XX Secolo, una serie di importanti cambiamenti storico-politici e sociali ha svelato una nuova dimensione dell’istituzione museale, la quale, da passatempo elitario, hortus conclusus degli studiosi, si è trasformata in un’impresa competitrice nell’industria del tempo libero, aperta al pubblico di massa, pur senza tralasciare i propri fini scientifico-didattici. Dall’altra parte, l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche e telematiche ha contribuito a modificare ulteriormente le modalità di fruizione di beni e servizi culturali, in direzione di un consumo divenuto multimediale, ipertestuale e interattivo, che ha permesso di dilatare i confini materiali e l’esperienza culturale del museo oltre i limiti fisici dell’edificio.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I DAL TEMPIO DELLE MUSE AL MUSEO DEL TERZO MILLENNIO 1.1 La nascita e l’evoluzione dell’istituzione museale «Il museo è un’istituzione permanente senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo. È aperto al pubblico e compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali dell’umanità e del suo ambiente: le acquisisce, le conserva, le comunica e, soprattutto, le espone a fini di studio, educazione e diletto» 1 . Il museo così come lo si concepisce oggi è un prodotto tardo di un’evoluzione concettuale e architettonica che attraversa diversi secoli; la sua storia è lunga e complessa 2 , essa affonda le sue radici nel bisogno primordiale dell’uomo di raccogliere e conservare gli oggetti preziosi e le memorie del proprio passato, si pensi, ad esempio, al fenomeno dei “ripostigli”, gli accumuli di manufatti e lingotti di metallo che si diffusero in Europa a partire dal Bronzo Antico. Già nell’antico Egitto e in Grecia i cosiddetti “tesori”, costruiti nei più importanti santuari per celebrare vittorie militari o sportive, per commemorare particolari eventi storici o come monumentali offerte alle divinità, erano riccamente decorati da statue, rilievi scultorei e dipinti, e custodivano raccolte di opere d’arte, 1 Estratto dall’art. 2 dello Statuto dell’International Council of Museum (ICOM). In questa definizione rientrano anche «i siti e i monumenti naturali, archeologici ed etnografici, nonché i siti e i monumenti storici aventi la stessa natura dei musei in quanto acquisiscono, conservano e comunicano le testimonianze materiali dell’umanità e del suo ambiente; le istituzioni che conservano collezioni e presentano esemplari viventi di vegetali o animali, quali gli orti botanici e i giardini zoologici, gli acquari e i vivaria; i centri scientifici e i planetari; le gallerie d’arte senza scopo di lucro; gli istituti destinati alla conservazione e le gallerie destinate all’esposizione, dipendenti da biblioteche e da centri archivistici; i parchi naturali; le organizzazioni museali nazionali, regionali o locali; le pubbliche amministrazioni responsabili di musei come sopra definiti; le istituzioni o le organizzazioni senza scopo di lucro che svolgono attività di ricerca in materia di conservazione, nonché attività di educazione, formazione, documentazione o altro, collegate ai musei e alla museologia; i centri culturali o altre istituzioni che hanno il fine di contribuire alla salvaguardia, alla permanenza e alla gestione di beni patrimoniali tangibili e intangibili (patrimonio vivo e attività creativa digitale)» [art. 3]. Si veda <http://icom.museum>. 2 Si vedano, tra gli altri, De Benedictis C., Per la storia del collezionismo italiano. Fonti e documenti, Firenze, Ponte alle Grazie, 1991; Mottola Molfino A., Il libro dei musei, Torino, Allemandi, 1998; Mottola Molfino A., L’etica dei musei, Torino, Allemandi, 2004; Schubert K., Museo. Storia di un’idea. Dalla Rivoluzione francese a oggi, Milano, Il Saggiatore, 2004.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Filomena Zurlo Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1386 click dal 23/08/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.