Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il nome proprio: processi semiotici dell'inglese e dell'italiano nei racconti di Richard Scarry

L'obiettivo della tesi è l'analisi dei processi semiotici dell'inglese e dell'italiano nei racconti di Richard Scarry. Per fare ciò abbiamo deciso di organizzare l'elaborato in tre capitoli. Due maggiormente teorici che trattano rispettivamente del tema della nominalità e della traduzione, e il terzo applicativo, in cui svolgo la verifica dei nomi propri dei personaggi dei racconti dell'autore statunitense nella lingua originale e delle relative rese traduttive.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Capitolo I: Il nome Introduzione alla nominalità Per affrontare il tema della nominalità, in particolar modo per lo sviluppo delle definizioni di nome proprio e nome comune e per la classificazione del nome nelle diverse categorie, abbiamo fatto riferimento al testo di E. Rigotti e S. Cigada, La comunicazione verbale 1 . Per la stesura di questo primo capitolo hanno rivestito un ruolo altrettanto fondamentale i testi di S. Cigada, Nomi e cose 2 e di B. Migliorini, Dal nome proprio al nome comune 3 , soprattutto perché ci hanno permesso di analizzare il nome in tutte le sue peculiarità, di metterne a fuoco gli usi principali, le funzioni e i “limiti”. Questa prima parte vuole fornire una presentazione di tale parte del discorso con particolare attenzione al nome proprio, l’oggetto principale della memoria, e porre l’accento sui diversi fattori che ne orientano la scelta. Per continuare lo sviluppo del tema della nominalità, ci è sembrato interessante esporre la distinzione che esiste tra name e noun nella lingua inglese e per portare a termine tale compito è stato determinante il saggio di Rita Caprini, Nomi propri 4 . Per concludere questo primo capitolo, abbiamo accennato al processo, cosiddetto all’interno di un testo, di impositio nominis che stabilisce il nesso denominativo che dovrà legare il nome alla nominatum. 1 E. Rigotti - S. Cigada, 2004, La comunicazione verbale, Milano, ed. Apogeo 2 S. Cigada, 1999, Nomi e cose, Milano, pubblicazioni dell’ I.S.U. Università Cattolica 3 B. Migliorini, 1927, Dal nome proprio al nome comune, Firenze, Leo S. Olschki editore 4 R. Caprini, 2001, Nomi propri, Alessandria, edizione dell’Orso

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Federica Corbetta Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 661 click dal 30/08/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×