Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Holding di partecipazioni quale strumento di gestione dei patrimoni: l’analisi di un caso

La gestione di un patrimonio, piccolo o grande che sia, è una questione di enorme interesse al giorno d’oggi. A tale fine il panorama normativo italiano offre svariati strumenti gestionali, tra i quali spicca la Holding di partecipazioni. Il presente lavoro parte dall’analisi delle peculiarità che contraddistinguono le Holding in generale con una trattazione teorica facendo un excursus della normativa vigente e le principali implicazioni, delineando il regime fiscale in capo ad esse, approfondendo la tematica riguardante le Holding di famiglia e facendo una breve comparazione con i principali strumenti gestionali alternativi alla Holding. Il presente lavoro si conclude con l’analisi di un caso aziendale mostrante in che modo creare una Holding di partecipazioni, le condizioni iniziali che rendono necessaria l’attuazione di tale operazione, le motivazioni che stanno alla base della scelta di uno strumento gestionale come questo, le modalità di conferimento delle partecipazioni che vogliono essere incorporate nella Holding, la scelta di un particolare diritto di riferimento secondo le diverse esigenze e gli svariati problemi operativi che si incontrano.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La gestione di un patrimonio, piccolo o grande che sia, è una questione di enorme interesse al giorno d‟oggi. A tale fine il panorama normativo italiano offre svariati strumenti gestionali, tra i quali spicca la Holding di partecipazioni. Nella presente trattazione si cercherà di analizzare le peculiarità che contraddistinguono le Holding in generale con una trattazione teorica e verrà esaminato uno specifico caso aziendale, per poter meglio estrapolare pregi e difetti di questi gruppi aziendali e verificare diritti e obblighi che essi implicano. Le ragioni della scelta di questo specifico e complesso argomento sono molteplici, innanzitutto l‟approfondita conoscenza del caso aziendale presentato nel Capitolo Quarto mi ha fornito una forte motivazione; inoltre ritengo che questo specifico caso aziendale, per l‟inconsueta complessità della sua strutturazione, possa risultare di peculiare interesse; infine considero il tema trattato particolarmente attraente, poiché l‟utilizzo delle Holding per la gestione del patrimonio in Italia è ancora molto limitato, anche se, a mio modesto parere, queste ultime possono fornire ottime soluzioni a molteplici problemi finanziari, gestionali, fiscali e amministrativi. La presente tesi affronta l‟argomento delle Holding di partecipazioni quale strumento di gestione del patrimonio attraverso una trattazione teorica, partendo dalla definizione più generale di Holding, facendo una scorsa della letteratura che riguarda l‟argomento e dando alcuni cenni storici per inquadrare il contesto socio-economico che ha permesso la nascita della stessa. Successivamente verrà illustrata la normativa di riferimento e i principali adempimenti a carico delle Holding, con le relative sanzioni in caso di negligenza. Una particolare attenzione verrà posta per quanto riguarda l‟importante tema del regime fiscale, che risulta essere una delle peculiarità più interessanti delle Holding di partecipazioni. Partendo dalla spiegazione del regime fiscale in capo alla Holding, verranno poi spiegati i vari regimi di gruppo con i particolari vantaggi che ne possono derivare in funzione delle scelte fatte. Concludendo e completando questa specifica questione verrà

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Stefania Valentin Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3496 click dal 15/09/2011.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.