Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema dei simboli religiosi. Profili storico – giuridici

Il fattore religioso viene posto in relazione alla legislazione dello Stato , in particolare nei periodi compresi dal 1884 al 1948 . I rapporti tra Stato e Chiesa, ed i problemi connessi al suddetto rapporto, rappresentano i capisaldi della storia italiana. La disciplina giuridica del fenomeno religioso deve essere esaminata tenendo conto delle vicende del passato: non può dunque prescindersi dalla storia delle relazioni tra Stato e Chiesa nel nostro Paese. Per convenzione, si suole trattare delle vicende che attengono alla politica legislativa ecclesiastica tra Ottocento e Novecento dove in corrispondenza ai diversi periodi storici sono connessi tre differenti regimi politici che hanno caratterizzato la vita del Paese: il periodo liberale, il regime fascista, la fase repubblicana e democratica. Prima di affrontare tale tematica, appare necessario soffermarsi sul significato e sulla rilevanza giuridica del fenomeno religioso, il quale oltre ad essere un fenomeno individuale esplica la sua importanza anche da un punto di vista sociale. L'aspetto comunitario si evidenzia ancor di più nell'ambito della Chiesa cattolica, laddove esistono veri e propri "centri organizzati" attraverso i quali vengono soddisfatti interessi di natura religiosa. E' la rilevanza sociale del fenomeno religioso che ha giustificato vari interventi da parte dello Stato che saranno poi analizzati. Laddove l'individuo conforma la propria condotta a regole morali tratte da dogmi religiosi, il comportamento che ne scaturisce è oggetto di attenzione da parte dello Stato , che si fa portatore degli interessi palesati dalla popolazione. Inoltre è trattata la questione del crocifisso di cui vengono tracciati i profili storici e giuridici . Infine una particolare attenzione è dedicata alle norme relative all'abbigliamento dei fedeli in alcuni ordinamenti religiosi ( l' hijab e l'ordinamento francese) .

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I LO STATO ED IL FATTORE RELIGIOSO 1.1 Legislazione in materia ecclesiastica dal 1848 al 1922 I rapporti tra Stato e Chiesa, ed i problemi connessi al suddetto rapporto, rappresentano i capisaldi della storia italiana. La disciplina giuridica del fenomeno religioso deve essere esaminata tenendo conto delle vicende del passato: non può dunque prescindersi dalla storia delle relazioni tra Stato e Chiesa nel nostro Paese. Per convenzione, si suole trattare delle vicende che attengono alla politica legislativa ecclesiastica tra Ottocento e Novecento dove in corrispondenza ai diversi periodi storici sono connessi tre differenti regimi politici che hanno caratterizzato la vita del Paese: il periodo liberale, il regime fascista, la fase repubblicana e democratica. Prima di affrontare tale tematica, appare necessario soffermarsi sul significato e sulla rilevanza giuridica del fenomeno religioso, il quale oltre ad essere un fenomeno individuale esplica la sua importanza anche da un punto di vista sociale. L’aspetto comunitario si evidenzia ancor di più nell’ambito della Chiesa cattolica, laddove esistono veri e propri “centri organizzati” attraverso i quali vengono soddisfatti

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Marina Valsiglia Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2243 click dal 22/09/2011.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.