Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'engagement del consumatore verso la marca:la prospettiva del mercato della comunicazione.

Il presente lavoro intende contribuire alla riflessione su un fenomeno complesso tradizionalmente indicato con il termine di lingua inglese “engagement” del consumatore verso la marca, ma che non trova un corrispondente adatto nella lingua italiana.
Come si avrà modo di vedere nel corso di questa trattazione questo termine racchiude una realtà molto articolata al cui centro si trova il consumatore e il suo approccio nei confronti della marca, e per questo motivo difficile da rendere in tutti i suoi aspetti nella lingua italiana.
Nello scenario del mercato attuale è cresciuta la consapevolezza che sono emersi elementi di carattere prettamente intangibile a ricoprire grande importanza nel processo d’acquisto, considerandoli criteri fondamentali su cui basare la scelta finale. Tutto ciò ha fatto nascere l’interesse di realizzare un percorso di studio sulla marca e approfondire le sue potenzialità relazionali. Infatti, quest’ultime sono oggi estremamente utilizzate e gli vengono attribuiti valori vettoriali dalle imprese che hanno assistito al crearsi una concorrenza sempre più competitiva e presente anche su scala mondiale e contemporaneamente all’elevata imitabilità delle caratteristiche tangibili.
In ogni agenzia e ufficio di pubblicità gli specialisti lavorano sistematicamente per approfondire le proprie conoscenze ed elaborare temi e concetti in grado di ingaggiare i consumatori.
L’impiego dei media specializzati da parte delle agenzie ha come scopo quello di rendere più efficiente la pubblicità ma con l’inesorabile crescita tecnologica e le nuove forme di telecomunicazione, il divario tra il numero di messaggi diffusi e il numero di quelli effettivamente posti dinanzi al pubblico aumenterà ulteriormente. Questo accresce l’importanza di ottenere il massimo da ciascun casuale/ breve momento di contatto con i potenziali consumatori. Ciò può essere realizzato solo studiando attentamente la relazione tra consumatori e imprese.
Utilizzando un approccio di ricerca di tipo Grounded Theory, ho cercato di sviluppare un possibile approccio che fornisca una spiegazione del fenomeno, a partire dall’analisi e dalla codifica di interviste narrative effettuate a delle agenzie di pubblicità. Sfruttando le potenzialità di ATLAS.ti è stato possibile analizzare la salienza dei contenuti narrativi espressi dai partecipanti allo studio.
La ricerca ha avuto come obiettivo il tentativo di giungere a comprendere la prospettiva delle agenzie pubblicitarie in riferimento ai consumatori e il loro engagement verso la marca.

Mostra/Nascondi contenuto.
~ 15 ~ Sommario l presente lavoro intende contribuire alla riflessione su un fenomeno complesso tradizionalmente indicato con il termine di lingua inglese “engagement” del consumatore verso la marca, ma che non trova un corrispondente adatto nella lingua italiana. Come si avrà modo di vedere nel corso di questa trattazione questo termine racchiude una realtà molto articolata al cui centro si trova il consumatore e il suo approccio nei confronti della marca, e per questo motivo difficile da rendere in tutti i suoi aspetti nella lingua italiana. Nello scenario del mercato attuale è cresciuta la consapevolezza che sono emersi elementi di carattere prettamente intangibile a ricoprire grande importanza nel processo d’acquisto, considerandoli criteri fondamentali su cui basare la scelta finale. Tutto ciò ha fatto nascere l’interesse di realizzare un percorso di studio sulla marca e approfondire le sue potenzialità relazionali. Infatti, quest’ultime sono oggi estremamente utilizzate e gli vengono attribuiti valori vettoriali dalle imprese che hanno assistito al crearsi una concorrenza sempre più competitiva e presente anche su scala mondiale e contemporaneamente all’elevata imitabilità delle caratteristiche tangibili. Questa trattazione si pone come obiettivo di dimostrare che l'engagement è nell’epoca attuale l’approccio più adatto da utilizzare nei confronti del consumatore, cercando di coinvolgerlo e di renderlo portavoce delle idee e dei valori di marca. Per raggiungere tale scopo è ovviamente necessario utilizzare degli strumenti adeguati, in grado di coinvolgere ed interessare il consumatore, come i new medi e il marketing non convenzionale. Tra i new media bisogna evidenziare come Internet rappresenti il mezzo più di ogni altro che ha reso possibile il passaggio dell'utente dall’essere un attore passivo ad uno estremamente attivo; aumentando, contemporaneamente, in maniera notevole la velocità dei flussi di scambio delle informazioni e l'accesso ai dati ricercati. Con l’avvento del web 2.0, che ha permesso agli utenti di poter usufruire le grandi potenzialità della rete senza necessariamente possedere delle conoscenze tecniche, ha completamente cambiato il modo in cui essa venga percepita e vissuta. Gli utenti sempre più numerosi hanno iniziato a condividere e creare contenuto dando così l’inizio all’epoca in cui i consumatori sono caratterizzati dalla cultura della partecipazione. Internet ha assunto un ruolo I

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienza Linguistiche

Autore: Veronica Scottoni Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5897 click dal 11/10/2011.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.