Skip to content

Estimation of the infection rate in epidemic models with multiple populations

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Campanella
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Universidade Nova de Lisboa
  Facoltà: Faculdade de Ciências e Tecnologia
  Corso: Matematica
  Relatore: Isabel Cristina Maciel Natário
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 79

The effect of infectious diseases on human development throughout history is well established, and investigation on the causes of infectious epidemics -- and plagues in particular -- dates back at least to Hippocrates, the father of Western medicine. The mechanisms by which diseases spread, however, could not be fully understood until the late nineteenth century, with the discovery of microorganisms and the understanding of their role as infectious agents. Eventually, at the turn of the twentieth century, the foundations of the mathematical epidemiology of infectious diseases were laid by the seminal work of En'ko, Ross, and Kermack and McKendrick.
More recently, the application of graph theory to epidemiology has given rise to models that consider the spread of diseases not only at the level of individuals belonging to a single population (population models), but also in systems with multiple populations linked by a transportation network (meta-population models). The aim of meta-populations models is to understand how movement of individuals between populations generates the geographical spread of diseases, a challenging goal whose importance is all the greater now that long-range displacements are facilitated by inexpensive air travel possibilities.
A problem of particular interest in all epidemic models is the estimation of parameters from sparse and inaccurate real-world data, especially the so-called infection rate, whose estimation cannot be carried out directly through clinical observation. Focusing on meta-population models, in this thesis we introduce a new estimation method for this crucial parameter that is able to accurately infer it from the arrival times of the first infective individual in each population. Moreover, we test our method and its accuracy by means of computer simulations.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CHAPTER 1 Introduction and motivation Throughout history, infectious diseases have profoundly aected human development: for example, the Black Death (bubonic plague) that swept Europe in several waves during the fourteenth century is estimated to have caused the death of as much as one-third of the European population, re- curring regularly for more than three centuries [9]. The defeat of the Aztecs and Incas by invading Spaniards in 1519 and 1532, respectively, can also be partially attributed to outbreaks of infectious diseases, such as smallpox, measles and diphtheria, that were imported from Europe and to which the invaders were mostly immune. It is estimated that the population of Mex- ico was reduced to one-tenth of its previous size between 1519 and 1530 [9]. Further examples can be found in the book by McNeill [34], to which the reader interested in the history of epidemics is referred. In view of the im- portance of infectious diseases, people naturally started investigating their causes and searching for treatments; one of the oldest accounts is the book by Hippocrates [25] (see also [31]), who is often referred to as the father of Western medicine. The existence of microorganisms was not discovered be- fore the seventeenth century, with the aid of the rst microscopes; however, their role in the spread of infectious diseases was understood much later [22]: a rst theory of infectious agents (also called pathogens) was developed only in the latter part of the nineteenth century [9]. The rst application of mathematical modelling to infectious diseases is due to Bernoulli [5] (see also [6]), who developed models to understand the eectiveness of a mass vaccination campaign against smallpox in increasing life expectancy. The foundations of the mathematical epidemiology of in- fectious diseases were laid only about a century later by En’ko [17] (see also [15, 18]), Ross [38], and Kermack and McKendrick [27, 28, 29]; as we shall see, some of their ideas, such as that of a threshold behaviour, can still be found in more recent models. The aim of mathematical epidemiology of infectious diseases is threefold [13, Ch. 1]: (a) the rst objective is to understand the biological and so- cial mechanisms of disease spread by means of an appropriate mathematical structure that models available data; (b) the second goal is prediction of future epidemics, including assessment of the possible impact of outbreaks and estimation of associated medical costs; (c) the third aim is to under- stand how the spread may be controlled, for example through education, immunization and isolation, by introducing these measures in the model 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mathematical epidemiology of infectious diseases
meta-population models
infection rate estimation

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi