Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo di Arnold Ruge al progetto mazziniano di European Democracy

Il presente lavoro di tesi si propone di descrivere quale sia stato il contributo che Arnold Ruge, filosofo e scrittore politico tedesco nato agli inizi dell'Ottocento, esponente di punta della sinistra hegeliana e del radicalismo repubblicano quarantottesco europeo, apportò al più ampio progetto mazziniano di costruire una federazione democratica dei popoli europei, di quella European Democracy tanto agognata da patrioti ed esuli.
Nella scelta dell'argomento del presente lavoro di tesi ha influito la rilevanza crescente della nascita e progressiva affermazione di quel complesso processo ideale e istituzionale che avrebbe portato – nell'intero, pluriennale corso del secondo dopoguerra sino ai nostri giorni – a quella che tutti definiscono, ormai, comunemente 'democrazia europea'.
Studiando la collaborazione tra Mazzini e Ruge nel corso degli anni '50, le sue origini storico-ideali ed i suoi presupposti, una domanda sorge spontanea: è possibile considerare Mazzini e Ruge come precursori dell'odierno processo di costruzione ed unificazione europea? E, in caso di risposta affermativa – della quale chi scrive e convinta –, in quali termini? A tali domande hanno cercato di rispondere alcuni studiosi del pensatore genovese e, anche se con alcune differenze, essi sembrano essere giunti alla conclusione che Mazzini non può essere definito l'unico propugnatore di primo piano della costruzione di uno Stato federale europeo.
Ciononostante, egli deve essere annoverato, assieme a Ruge, tra i principali precursori dell'unità europea. In entrambi i pensatori politici, infatti, si rinvengono – seppure con le differenziazioni sopra accennate – gli elementi fondamentali che stanno alla base dell'idea di un'Europa federale dei popoli e degli Stati, e delle ragioni profonde che dovevano faticosamente condurre alla progressiva costruzione della odierna costituzione economica, sociale e politico-istituzionale europea.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE. UN “DEFICIT DI DEMOCRAZIA” ALL'ORIGINE DELLA COSTRUZIONE FEDERALE EUROPEA? Sempre più spesso, in qualsiasi contesto, politico, sociologico, internazionale, sentiamo parlare di costruzione federale europea. A tal proposito, leggendo un articolo de “Il Sole 24ore” del giugno 2005, a firma di Michael Stürmer, ho dedotto che, sempre più frequentemente, è divenuta comune l'affermazione secondo cui, l'odierna costruzione europea, soffrirebbe di un sempre più evidente “deficit di democrazia”. A tale riguardo è importante verificare se il processo di unificazione europea sia effettivamente viziato in partenza, sul piano storico, politico e ideale, dal peccato originale di un “deficit di democrazia”. Le pagine seguenti sono dedicate a ricostruire il lascito politico-intellettuale di Arnold Ruge, alla costruzione di una federazione democratica dei popoli europei, e al progetto mazziniano di European Democracy, e intendono suggerire qualche stimolo alla riflessione contemporanea sulle sue radici ideali apparentemente più remote, attraverso la riproposizione di alcune pagine del dibattito ideologico-politico di metà Ottocento. Del resto, per capire la storia dei fatti e delle idee, del pensiero politico del singolo o la realtà storica di una nazione, come quella italiana, non possiamo e non dobbiamo prescindere dal calarla nel più ampio contesto internazionale nel quale essa ha sempre vissuto, e continua a vivere, in un rapporto di osmosi del quale è impossibile non tener conto. La storia dell'Europa, infatti, è culturalmente un tutto unico ed indivisibile pur essendo formata, oggi, così come lo era nei secoli passati, da tante diverse e spesso divergenti, realtà statali. Dall'unità dell'Impero, a quella religiosa, dall'ideale illuministico a quello delle nazionalità, molti e inscindibili sono stati i legami di quella che 1

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federica Ambrogio Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 948 click dal 20/12/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.