Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le indagini bancarie e finanziarie: tra presunzioni e diritto al contraddittorio

Gli studi di diritto tributario sin dal loro fiorire negli anni 30 si caratterizzano per la centralità attribuita al tema dell’accertamento. Le tendenze evolutive mostrano come il tema dell’accertamento esprima appieno le preminenti esigenze di tempestività e certezza del gettito, di contrasto all’evasione e all’elusione, di acquisizione del maggior tributo corrispondente all’imponibile potenzialmente evaso nel rispetto dei principini capacità contributiva. Del resto, in un’ottica di costante bilanciamento di interessi, alle maggiori garanzie per il contribuente in termini di trasparenza, equità e correttezza dell’azione amministrativa si fanno corrispondere poteri sempre più penetranti per il fisco.
Tra questi ultimi senza dubbio posizione preminente riveste quello che è, oggi più che mai, lo strumento più pregnante ed incisivo ai fini della sostanziale verifica della posizione fiscale di un soggetto: l’indagine bancaria.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Gli studi di diritto tributario sin dal loro fiorire negli anni 30 si caratterizzano per la centralità attribuita al tema dell’accertamento. Le tendenze evolutive mostrano come il tema dell’accertamento esprima appieno le preminenti esigenze di tempestività e certezza del gettito, di contrasto all’evasione e all’elusione, di acquisizione del maggior tributo corrispondente all’imponibile potenzialmente evaso nel rispetto dei principini capacità contributiva. Del resto, in un’ottica di costante bilanciamento di interessi, alle maggiori garanzie per il contribuente in termini di trasparenza, equità e correttezza dell’azione amministrativa si fanno corrispondere poteri sempre più penetranti per il fisco. Tra questi ultimi senza dubbio posizione preminente riveste quello che è, oggi più che mai, lo strumento più pregnante ed incisivo ai fini della sostanziale verifica della posizione fiscale di un soggetto: l’indagine bancaria. L’indagine bancaria rappresenta, infatti, il più invasivo grimaldello che l’amministrazione finanziaria può utilizzare in sede di accertamento. L’accertamento bancario si basa sul “metodo induttivo”: in tal caso l’Amministrazione determina il reddito d’impresa «sulla base dei dati e delle notizie comunque raccolti e venuti a conoscenza, con facoltà di prescindere in tutto o in parte dalle risultanze del bilancio e delle scritture contabili nonché con la facoltà di avvalersi anche di presunzioni prive dei requisiti di gravità, precisione, concordanza». 1 . Basandosi sul metodo induttivo, le indagini finanziarie andrebbero però adottate sempre in termini di attendibilità e verosimiglianza senza cadere in prassi che conducano tale strumento a mero meccanismo sanzionatorio per 1 Art. 39, comma 2, D.P.R. 600/73.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Nicla Sollazzo Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5552 click dal 12/10/2011.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.