Skip to content

'C'è poco da ridere'. Ironia e umorismo nella relazione d'aiuto

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Papa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Gianni Del Rio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

Essere assistente sociale è sicuramente un lavoro complesso e faticoso, forse non dal punto di vista dell’impegno fisico richiesto, ma in quanto l’operatore deve misurarsi quotidianamente con la sofferenza umana, nelle diverse forme che essa può assumere: individui che si muovono ai confini della marginalità, sofferenza psichica, nuove e vecchie povertà, disagio minorile, tossicodipendenze, e chissà cos’altro.
E come se tutto questo non fosse sufficiente, la riorganizzazione dell’intero sistema di welfare rende sempre più difficoltoso il reperimento di risorse per affrontare le diverse problematiche che vedono coinvolto l’assistente sociale. Si tratta di un quadro sicuramente non esaltante, quindi la domanda che sorge spontanea è la seguente: per quale motivo un operatore, costretto a navigare a vista in questo mare di difficoltà, con il rischio sempre presente di naufragare, come professionista e come persona, dovrebbe concedersi il lusso di sorridere per una battuta?
Nonostante le difficoltà, a mio giudizio, un motivo c’è, perché ridere (o sorridere) fa sicuramente bene.
La risata è il seme dal quale nasce il ragionevole dubbio, e quest’ultimo è strumento di conoscenza, in quanto dal dubbio nasce la ricerca per una risposta nuova a vecchie domande. Tramite il sorriso, l’uomo può liberarsi dalla schiavitù di un’idea, e rifiutare il fascino seducente di ideologie che non ammettono nulla fuorché se stesse. Rido di me stesso e dei fantasmi che porto dentro.
L’ironia, allora, non si riduce a mero strumento di offesa nei confronti del mio avversario, coincide, anzi, con un percorso di conoscenza, come già Socrate aveva intuito. L’ironia socratica, infatti, trae la sua forza dal dubbio, e quest’ultimo è diffusivo di sé, costringendo gli altri a interrogarsi ed a superare la sicurezza ingannevole delle false evidenze. Tramite l’ironia, l’uomo, intorpidito ed appagato, riprende il proprio cammino di conoscenza.
Inoltre, l’umorismo non è solo l’arte di far ridere, piuttosto rappresenta il momento di sintesi tra concetti solo apparentemente antitetici: gioia e dolore, saggezza e follia, vita e morte. La risata non è l’esito di una battuta fine a se stessa, ma può rappresentare il mezzo per scaricare parte di quell’aggressività presente in ognuno di noi, eredità latente di un retaggio animale. Questo meccanismo di scarica ci rende un po’ migliori, e capaci di maggior comprensione nei confronti degli altri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
i Introduzione Essere assistente sociale è sicuramente un lavoro complesso e faticoso, forse non dal punto di vista dell’impegno fisico richiesto, ma in quanto l’operatore deve misurarsi quotidianamente con la sofferenza umana, nelle diverse forme che essa può assumere: individui che si muovono ai confini della marginalità, sofferenza psichica, nuove e vecchie povertà, disagio minorile, tossicodipendenze, e chissà cos’altro. E come se tutto questo non fosse sufficiente, la riorganizzazione dell’intero sistema di welfare rende sempre più difficoltoso il reperimento di risorse per affrontare le diverse problematiche che vedono coinvolto l’assistente sociale. Si tratta di un quadro sicuramente non esaltante, quindi la domanda che sorge spontanea è la seguente: per quale motivo un operatore, costretto a navigare a vista in questo mare di difficoltà, con il rischio sempre presente di naufragare, come professionista e come persona, dovrebbe concedersi il lusso di sorridere per una battuta? Nonostante le difficoltà, a mio giudizio, un motivo c’è, perché ridere (o sorridere) fa sicuramente bene.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi