Skip to content

Photons of Culture - Getting inspired by history and space in the design of light interactive experiences

Informazioni tesi

  Autore: Simona Conti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Teoria della comunicazione
  Relatore: Patrizia Marti
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 182

The aim of this thesis is to investigate and reflect on the role of designing in specific contexts. How can the peculiarity of a site influence and shape the design process? What are the distinctive characteristics and values of such an approach? In short, what kind of design experience can rise from a context-centred approach?
To answer these and similar questions I will use as a case study, the design of an interactive light installation created into a specific historical place crammed with cultural meaning: the ancient hospital of Santa Maria della Scala of Siena, today one of the most remarkable museums in Italy’s rich heritage.

From 26th of February until 13th of March 2011 I participated to “Light through Culture”, a design school that took place at Santa Maria della Scala, involving six master students from the Technische Universiteit of Eindhoven (TU/e), Industrial Design Department, and six master students from the University of Siena, Engineering Department and Communication Sciences Depertment., together with some faculties from both the universities.
Specifically, the first level of the huge building of Santa Maria della Scala housed the design school in fascinating spaces, flanked by a covered inner street called Chiasso di Sant’Ansano. During the past, that street represented the vibrating centre of the whole building: every day craftsmen, monks, traders and so on, passed from there and gave life to the great hospital institution of Santa Maria della Scala. But that inner street constituted also one appendix of a long pilgrimage route crossing Europe from North to South: the ancient Via Francigena.
From the early Middle Ages, thousands of pilgrims from all over Europe consistently strayed to Rome through Via Francigena. Rome was (and still is) one of the major centres of Christianity, and there pilgrims wanted to go to finally expiate their sins and receive indulgence by the Pope. During the Middle Ages, doing a pilgrimage was difficult and risky but the motivation was strong enough to make that the whole effort was worth it.
The ancient hospital of Santa Maria della Scala was one of the mansiones, is to say the historical places of rest, located along Via Francigena: travellers and pilgrims where hosted and given a place to sleep and food to regain energy to follow their travel.

The aim of “Light through Culture” design school, was to unveil and give light to this cultural heritage hidden in Santa Maria della Scala . Students were divided in four groups and were asked to create interactive light installations connected to the phenomenon of pilgrimage through Via Francigena and its link with the spaces of the first level of Santa Maria della Scala. Each design group had the assignment to design one of four physically connected spaces (dark corridors, a room used as morgue of the hospital, an ossuary and a room with an ancient washing facility) using innovative lighting technologies.
The final objective was to shape a path that visitors could have experienced as something continuous and not fragmented. A real narrative path, with a start, a development and an end.
For this purpose, a first opening space was created by a team constituted by professors and tutors from both the universities. This first space had the objective of furnishing an introductory framework that should have helped visitors to experience the whole “journey” through the four spaces as something fluid and seamless.
The designed path was also meant to be experienced with the whole body: moving around the spaces, and interacting with them would have changed its appearance and consequently its meaning. All the projects were exhibited on 13th of March 2011 just for few school classes and then on 16th March 2011 for the broad public, in occasion of the commemoration of 150 years of unity of Italy.

“Light through Culture” was a school of design but also a didactic experiment: breaking the walls of academic rigidity based on a frontal and aseptic approach, this school proposed and explored a new didactic modality based on being-in-context and physically explore that context to better understand it.
I specifically took part to the design of the dark corridors, teaming with two other students from both the University of Siena and the Technische Universiteit of Eindhoven. The account of this specific design process will constitute the case study of this thesis. What I will try to investigate is how being immersed and physically exploring those spaces represented the conditio sine qua non at the base of the whole project. Designing in context constituted the unavoidable departing point to ideate lighting installations inherently connected to the space and its cultural heritage.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 THESIS of Simona Conti SUPERVISORS: prof. Patrizia Marti & prof. Kees Overbeeke Master in Design of Communication Environments University of Siena Academic Year 2010/11 // GETTING INSPIRED BY HISTORY AND SPACE IN THE DESIGN OF LIGHT INTERACTIVE EXPERIENCES / PHOTONS OF CULTURE / / ~ / "- - II~~/ ( (I. t \

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pellegrinaggio
design
siena
luce
brainstorming
interaction design
pellegrino
interactive installation
via francigena
perception
arduino
physical computing
experience design
tu/e
installation
interactive path
installazioni interattive
interactive art
didactic experiment
santa maria della scala
pilmigrage
immersive space
context design
context-driven design

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi