Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I.O.R implicazioni politiche ed economiche

Il mio lavoro è uno studio di quello che sono i rapporti e le interazioni tra politica, economia e la Chiesa in Italia, nel corso del tempo. Partendo da questa premessa ho suddiviso la tesi in tre capitoli, ognuno dei quali inerente agli aspetti sopra citati.
Il primo capitolo verte attorno alla storia dello Stato Pontificio da un punto di vista prettamente istituzionale con una analisi, introduttiva, dell'aspetto economico finanziario della Chiesa stessa, in particolare, attraverso la lettura dell'Istituto delle Opere religiose, meglio conosciuto come I.O.R, dalla sua nascita fino ai giorni nostri, passando per il suo funzionamento interno e le relazioni con le sfere non specificatamente clericali.
Nel secondo capitolo la mia analisi si è rivolta, invece, alla trattazione delle vicende finanziarie che hanno profondamente colpito l'Istituto, sopra citato, nel corso degli anni. Lo studio di questa parte si è concentrato sulle figure principali della “Banca Vaticana” e delle relazioni che queste hanno intrattenuto con esponenti politici e della finanza internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I L’ISTITUTO PER LE OPERE DI RELIGIONE 1. Cenni sulla Storia dello Stato Pontificio Lo Stato Pontificio, è un’entità statale costituita dall’unione di territori sui quali la Chiesa esercitò il proprio potere temporale dal 728 1 al 1870 2 . 1 Nel 728 quindi Liutprando conquistò la città di Sutri (nell'alto Lazio ) ed il suo castello togliendola alle milizie bizantine. Papa Gregorio II chiese ed ottenne, con molto sforzo, di rinunciare ai territori già conquistati. Liutprando , invece di rinunciare a favore dei Bizantini (ai quali, secondo diritto, dovevano essere restituiti in quanto legittimi possessori ) donò ai «beatissimi apostoli Pietro e Paolo» solo il castello di Sutri. La donazione aveva ad oggetto la donazione alla Chiesa di Roma oltre che di Sutri, di altri castelli laziali. 2 Nel 1870 , alcune settimane dopo la caduta di Napoleone III ( battaglia di Sedan del 1º settembre ), l'esercito italiano si fece più ardito e, guidato dal generale Raffaele Cadorna , entrò in Roma , non più difesa dalle truppe francesi ( Breccia di Porta Pia del 20 settembre ), annettendo il millenario Stato della 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Tommaso Tortarolo Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3371 click dal 18/10/2011.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.