Skip to content

La svendita di Alitalia e gli esiti della cassa integrazione dei lavoratori

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Ponti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze sociologiche
  Relatore: Antonietta Censi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Ho fatto l’assistente di volo in Alitalia per quasi venticinque anni, e ora sono anch’io in cassa integrazione dalla fine del 2008. Ho vissuto in prima persona le fasi del tentativo di cessione al gruppo Air France-Klm e la successiva vertenza che, a giudizio di molti, è sfociata in una vera e propria svendita alla famosa cordata dei “patrioti italiani” della Cai.
Nel primo capitolo sono state illustrate le vicende che hanno portato alla liquidazione della nostra Compagnia di Bandiera. Le trattative tra la Cai e tutte le organizzazioni sindacali si sono contraddistinte per le modalità e la durezza dei confronti. I negoziati hanno rappresentato un punto di svolta senza precedenti nelle relazioni industriali, un modello che, come era prevedibile, ha avuto un seguito. Quello che è accaduto successivamente negli stabilimenti Fiat di Mirafiori e Pomigliano lo dimostra senza ombra di dubbio.
La vicenda si è conclusa in modo molto doloroso per quasi diecimila persone, dipendenti diretti di Alitalia che hanno perso il proprio impiego. A questi dobbiamo aggiungere un numero non precisato di lavoratori dell’indotto, che non è esagerato calcolare in almeno il doppio dei dipendenti diretti della nostra compagnia di bandiera. Una perdita occupazionale di tale portata, in un'unica soluzione, è difficile da ritrovare nel passato di questo paese.
Se volessimo calcolare la quota complessiva di persone interessate dagli esiti della vertenza non sarebbe esagerato fare il numero di centomila.
La cassa integrazione straordinaria a zero ore è una forma di disoccupazione assistita che risolve in parte, ma non in tutti i casi, il problema del sostegno economico nel momento in cui viene meno la retribuzione. Restano tuttavia intatti gli effetti negativi di altro genere, che l’assenza del lavoro procura all’individuo.
In via generale la perdita della retribuzione sembra sia l’unico aspetto meritevole di essere preso in considerazione, in maniera talvolta anche efficace, dalle normative vigenti in materia. Il disagio sociale, familiare e psicologico di chi si ritrova senza lavoro, resta un elemento di secondaria importanza, che non viene preso in considerazione dalle istituzioni, ma che ha un peso enorme sulla qualità della vita dei disoccupati.
Anche rispetto al reinserimento nel mondo produttivo, non esistono percorsi sufficientemente riusciti, né dal punto di vista qualitativo, né da quello quantitativo.
Il trattamento economico dei dipendenti Alitalia in cassa integrazione non è stato quello minimo, certamente non sufficiente, che in alcuni casi è di circa settecento euro al mese. Eppure, questa circostanza ha reso più evidenti gli effetti di altro genere che la disoccupazione produce. Perché quando si perde il lavoro ovviamente svaniscono anche le funzioni che esso fornisce.
Nel secondo capitolo scopriamo oltre alle funzioni manifeste anche quelle latenti, che più hanno interessato l’indagine approfondita delle nostre interviste. Dopo aver dato uno sguardo agli effetti e alle dimensioni della disoccupazione, ci si è dedicati a una verifica del suo rapporto con la psicologia, considerando alcuni studi sugli effetti psichici individuali.
Il terzo capitolo fa il punto del rapporto tra la sociologia e la disoccupazione, un’attenzione particolare è stata dedicata alla centralità del lavoro e al concetto di “employment commitment”, perché entrambe queste variabili determinano quanto il lavoro, e la sua mancanza, influenzi la vita dell’individuo.
Per ultimo si è affrontata l’analisi delle interviste focalizzate, rivolte a quindici cassintegrati Alitalia. In particolare sono stati approfonditi quattro argomenti.
La centralità del lavoro è stata analizzata ipotizzando che l’entità dei disagi individuali fosse direttamente proporzionale all’attaccamento al lavoro. Sembrerebbe ovvia una risposta positiva, ma come vedremo in seguito, in alcuni casi un processo di ristrutturazione cognitiva ha portato i soggetti a modificare l’importanza attribuita al lavoro.
Il tema dell’identità personale, e delle sue possibili trasformazioni, è stato affrontato con l’intenzione di comprendere quanto la cassa integrazione abbia determinato un «crollo della struttura della personalità sociale» [Lazarsfeld, P. F., 1971, p. 45], e costretto i soggetti a rimettere in discussione buona parte dei propri valori, spingendoli verso processi di risocializzazione individuale.
In connessione con questo aspetto si sono osservate le relazioni familiari e le eventuali modificazioni avvenute a seguito della nuova condizione di cassintegrato.
Un altro elemento di analisi attenta è stato il rapporto col tempo liberato dal lavoro, cercando di comprendere se i risultati venuti fuori nella ricerca su Marienthal [Jahoda, Lazarsfeld, Zeisel, 1933] circa le difficoltà di organizzare le proprie giornate, siano verificabili ancora oggi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Avendo vissuto sulla mia pelle la fine della nostra compagnia di bandiera, era logico che tra le scelte possibili, oggetto della mia tesi di laurea, vi fosse anche questa vicenda. La decisione in questo senso è maturata dopo aver organizzato un incontro nella Facoltà di Sociologia dal titolo: “La cassa integrazione dei dipendenti Alitalia: effetti sociali e familiari”. È allora che ho capito quanto valesse la pena approfondire il tema e dire la mia su un evento che, a suo tempo, era stato al centro di un’attenzione mediatica eccezionale. Ho fatto l’assistente di volo in Alitalia per quasi venticinque anni, e ora sono anch’io in cassa integrazione dalla fine del 2008. Ho vissuto non da spettatore, ma in prima persona, sia le fasi del tentativo di cessione di Alitalia al gruppo Air France-Klm, sia la successiva vertenza che, a giudizio di molti, è sfociata in una vera e propria svendita alla famosa cordata dei “patrioti italiani”, azionisti della neonata società Cai. Nel primo capitolo sono state illustrate le vicende che hanno portato alla liquidazione della nostra Compagnia di Bandiera. Le trattative tra la Cai, in veste di controparte aziendale interessata all’acquisizione della sola parte buona di Alitalia, e tutte le organizzazioni sindacali si sono contraddistinte per le modalità e la durezza dei confronti, privi di qualsiasi margine di mediazione. I negoziati hanno rappresentato un punto di svolta senza precedenti nelle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi