Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Moravia saggista in articoli noti o sconosciuti: 1927-1945

La tesi propone, attraverso un'accurata ricostruzione del panorama socio-culturale dell'epoca, una ricognizione minuziosa della biografia dello scrittore Alberto Moravia dagli esordi, con Gli Indifferenti, al 1945 attraverso la ricognizione della poetica del romanzo rintracciabile da articoli, a tutt'oggi inediti, pubblicati si quotidiani e riviste del periodo fascista e del secondo dopoguerra con o senza l'uso di pseudonimi, fornendo una nuova chiave di lettura per l'interpretazione globale della sua opera letteraria.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO GLI ESORDI DI MORAVIA Premessa. «Alberto Moravia morì a Roma, nel suo appartamento di Lungotevere della Vitoria, la matna del 26 Setembre 1990, colpito da ictus cerebrale. Cadde con il mistero della morte negli occhi, stringendo i pugni in un moto di stzza. Così si concluse la sua vita controvoglia» 1 . Tutavia, dopo quel fatale 26 Setembre, lo scritore degli Indifferent «ha contnuato a morire socialmente, a morire nella memoria della colletvità» 2 . Il critco Antonio Debenedet sostene infat che «i romanzi di Moravia si leggono sempre meno, mentre di questo autore, che rimane tra i più grandi del nostro Novecento, non si scrive quasi più.». Se, però, Debenedet rivolge le sue accuse proprio contro quei giovani leterat che, dopo aver «mosso i primi passi nella leteratura grazie a Moravia ed a “Nuovi Argoment”» hanno abbandonato il loro nume tutelare nell’oblio, Sandro Veronesi aferma in generale che «Moravia è stato scritore scomodo, è stato vitma di censura e di campagne denigratorie, che se non gli hanno impedito di diventare uno dei massimi autori del ‘900, l’hanno tutavia tagliato fuori dal bagaglio culturale dell’Italia borghese, quella che lavora, che produce, che paga le tasse» 3 . Proprio in un’otca di sensibilizzazione nei confront dell’opera dello scritore romano si colloca, quindi, questa nostra indagine, che, senza avere la pretesa di fornire un’interpretazione globale dell’universo moraviano, rivolge la propria atenzione a quello che può essere considerato il periodo più oscuro della vita di Moravia, gli Anni Trenta. 1 R. Paris, Moravia, una vita controvoglia , Firenze, Giunt, 1996, p.374. 2 A. Debenedet, Quegli amici smemorat di Moravia , in “Corriere della Sera”, A. 125, n.211, 6 Setembre 2000, p.1. 3 S. Veronesi, Per non dimentcare Alberto Moravia , in “Corriere della Sera”, A. 125, n.214, 9 Setembre 2000, p.35. 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Serena Senesi Contatta »

Composta da 301 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1133 click dal 02/11/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.