Skip to content

Il Collaboratore ed il Testimone di giustizia

Informazioni tesi

  Autore: Antonino Verbaro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e Cremona
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paola Corvi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 256

Dal 1965 in poi, il legislatore italiano ha cercato di contrastare il fenomeno mafioso con interventi che spaziano dal diritto penale a quello penitenziario, purtuttavia, l'intervento legislativo che più di tutti ha consentito allo Stato di infliggere duri colpi alle associazioni criminali di stampo mafioso, siano esse cosa nostra - 'ndragnheta - camorra - sacra corona unita, è rappresentato dal D.L. n. 82\91 poi modificato dalla L. n. 45\01. Per effetto di tali interventi è stato introdotto, nel nostro ordinamento, oltre ad un vero e proprio sistema di protezione per che decideva (e decide) di collaborare con la giustizia, anche e soprattutto una serie di disposizioni il cui raggio di azione abbraccia il diritto processuale penale.
Al fine di fornire un quadro quanto più esaustivo possibile del contesto giuridico e sociale in cui si è mosso il legislatore in ambito mafioso, si è deciso di descrivere i 4 "momenti" in cui si articola la disciplina antimafia (CAP. I), soffermandosi con attenzione sulle vigenti disposizioni speciali che, modificando quelle di cui al D.L. 8\91, delineano l'assetto normativo in base al quale il "pentito" di mafia assume la specifica veste di collaboratore di giustizia ed i benefici penali, penitenziari e tutori che sono connessi alla acquisizione di tale "status" (CAP. III). Vista la sua importanza e le molteplici questioni interpretative cui ha dato adito, poi, un intero capitolo è stato dedicato alla trattazione del verbale illustrativo dei contenuti della collaborazione (CAP. II). Da ultimo, (CAP. IV) ci si è dedicati alla analisi di quella che potremmo definire come la questione processuale che trova il suo apice nella utilizzabilità, in sede dibattimentale, delle dichiarazioni precedentemente rese dal collaboratore di giustizia. In altri termini, si è analizzato il rapporto intercorrente tra norme ordinarie (come modificate dalla L. n. 63\01 sul cd. "giusto processo") e norme speciali allorquando si arriva al processo. Di conseguenza, ci si è soffermati sulle varie "vesti" processuali del collaboratore di giustizia, vale a dire imputato di procedimento connesso ex art. 12, c. 1, lett. a c.p.p.; imputato di procedimento connesso ex art. 12, c. 1, lett. c c.p.p.; imputato di procedimento collegato ex art. 371, c. 2, lett. b c.p.p.; "testimone assistito". Infine, sono state analizzate le questioni relative alla videoconferenza ed al telesame.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Nell‟immaginario collettivo, il “pentito” di mafia è colui che, al momento della collaborazione, si limita a riferire a rendere dichiarazioni circa i fatti su cui è interrogato, in realtà si tratta di una considerazione piuttosto restrittiva del valore e della portata non solo giuridica, ma anche e soprattutto sociale, che contraddistingue la collaborazione. Appare necessario, pertanto, precisare che quando tale soggetto decide di rendere dichiarazioni, descrive una societas, con le sue strutture fondanti, le sue gerarchie di valori, i suoi meccanismi di autoconservazione; una realtà, cioè, che si sostanzia di rapporti interpersonali, di tessuto sociale, di modelli culturali. Ne consegue, allora, che il soggetto che abbia accettato, condiviso e sostenuto i valori propri della suddetta societas per poi tradirli (e quindi tradirla), sarà indotto a collaborare vuoi per vendicarsi della medesima vuoi per vendicare la medesima (accusando ingiustamente altri soggetti che abbiano trasgredito alle regole imposte dalla famiglia di appartenenza), ma difficilmente perché voglia abbandonarla. Ciononostante, egli decide di (o è indotto a) parlare, e quindi, tradire (oppure collaborare, a seconda dell‟angolo visuale da cui si osserva il gesto effettuato). Sempre nell‟immaginario collettivo, poi, la figura del testimone di giustizia è pressoché sconosciuta, nel senso che, per un verso, si sconosce la differenza ontologica intercorrente con il collaboratore di giustizia (e, ad onor del vero, il legislatore avrebbe potuto adoperare una terminologia che accentuasse una siffatta differenza), per altro verso, invece, si ignora la enorme valenza sociale e sociologica del comportamento del soggetto in discorso. Costui, infatti, decidendo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sistema di protezione
d.l. 8\91
collaboratore di giustizia
videoconferenza
processo penale
l. n. 45\01
testimone di giustizia
telesame
artt. 146 bis 147 ter disp. att. c.p.p.
verbale illustrativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi