Skip to content

Karl Pribram e la fisica della mente. Emergentismo e virtualità

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Gramiccia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia e storia della scienza
  Relatore: Nunzio Allocca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

La tesi si snoda, a partire dalla riflessione kuhniana, lungo questioni che toccano l’epistemologia, la filosofia della scienza, le teorie del linguaggio e della comunicazione fino ad arrivare a sfiorare la questione dell’Essere e della virtualizzazione come fenomeno fondamentale dell’ominazione ruotando, però, intorno a quella che ritengo la rivoluzione principale nella scienza del ‘900, la Meccanica Quantistica, rivoluzione che ci pone dinnanzi ad un problema che è categoriale e linguistico e ci mostra l’impossibilità di esprimere, attraverso il linguaggio ordinario e le categorie della fisica classica, una realtà che risulta essere impensabile e inesprimibile “entro i limiti del linguaggio”.
Una soluzione verosimile è, allora, cercare di ampliare il più possibile il confronto dialogico fra le varie discipline e soffermare lo sguardo su quei concetti fluidi che si vengono a costituire quando, con un’operazione di metaforizzazione, i concetti vengono traslati da un ambito disciplinare ad un altro. Il crossing disciplinare è allora la strada più promettente da percorrere per indagare quei fenomeni che, necessariamente, sono oggetto di diversi ambiti di campi di indagine, come la memoria e la coscienza, e fare dell’Epistemologia del Confine una pratica di ricerca.
I linguaggi del cervello sono allora i numerosi punti di vista che possono cogliere aspetti diversi e tutti egualmente importanti di un “oggetto” tanto complesso e articolato come la mente umana, che come ogni sistema complesso entra in relazione con altri in uno scambio dinamico. In una visione della mente che fa dell’oggetto pensante una struttura “bi linguistica” organizzata da differenti strutture semiotiche, il meccanismo a due processi proposto da Karl Pribram consente di affiancare ad un pensiero basato sulla manipolazione di simboli e su operazioni algoritmiche una modalità di pensiero “emergente” e distribuito che giustifica le proprietà “anomale” dei fenomeni mnestici e getta una luce su quei fenomeni non riducibili al pensiero algoritmico come il riconoscimento di configurazioni complesse e mutevoli, i volti, che può essere intesa come condizione di possbilità per la creazione di analogie, primitive operazioni di metaforizzazione e virtualizzazione del reale, e per la creazione di significato.
La memoria così come descritta da Karl Pribram è allora, dal mio punto di vista, un modello economico, plausibile e compatibile con l’esigenza di concepire la mente come sistema complesso, auto poietico e dinamico.
La comprensione del funzionamento della memoria, che è precondizione imprescindibile dell’unità del Sé e primo meccanismo di virtualizzazione del presente e dell’Io, diviene allora un momento irrinunciabile dell’indagine sull’Uomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Int r oduzione Le anomalie con cui inevitabilmente le teorie scientifiche si trovano a dover fare i conti costituiscono delle aporie che, secondo Thomas Kuhn, mettono in crisi la visione stessa del mondo e causano la proliferazione di teorie concorrenti - più o meno interne/esterne al paradigma di riferimento e che possono portare poi al mutamento stesso di paradigma che si ha nelle rivoluzioni scientifiche. Sulla base delle critiche e dei suggerimenti rivolti alle teorie di Kuhn da epistemologi come Paul Feyerabend, tenterò nel corso del seguente lavoro di proporre una recupero del pensiero kuhniano integrandolo con una lettura dinamica e meno descrittiva della storia del pensiero scientifico. Una lettura che sia il più possibile inclusiva di un processo di interazione continuo e sempre in atto tra le aspettative individuali dei ricercatori e degli scienziati, gli interessi della comunità scientifica e i dati di ricerca, un processo coinvolge necessariamente il linguaggio ed alcune forme di comunicazione, in particolar modo la controversia scientifica presente sia nelle pubblicazioni che nei convegni, in forma orale o scritta. Partendo dunque dalla convinzione dell’esistenza di un rapporto inscindibile del linguaggio con la conoscenza scientifica, procederò ad analizzare il caso della Meccanica Quantistica, caso emblematico in quanto ritenuto da Paul Feyerabend, in opposizione alla teoria kuhniana delle rivoluzioni scientifiche, non esemplificativo di una rivoluzione scientifica ma in un certo senso un paradigma alternativo ampliativo 1 . L’affermarsi della Meccanica Quantistica, non determinando l’espulsione della fisica classica dal novero delle teorie valide e comportando un incremento di conoscenza di tipo cumulativo, non può essere considerata per Feyerabend un mutamento rivoluzionario nello sviluppo scientifico a meno di non invalidare la teoria kuhniana e dimostrare così come la scienza non evolva per sostituzioni paradigmatiche, per rivoluzioni teoriche, bensì per accumulazioni successive. Dal mio punto di vista, invece, la Meccanica Quantistica rappresenta un nuovo paradigma poiché determina un mutamento nella visione del mondo 2 e pur non 1Paul Feyerabend in Dogma contro critica. Mondi possibili nella storia della scienza a cura di Stefano Gattei, Raffaello Cortina Editore, 2000, a p. 255 critica in realtà l’utilizzo della nozione di “paradigma” poiché, dal suo punto di vista, questa nozione conduce ad una posizione intrinsecamente monista in relazione alla storia della scienza e la sostituisce l’espressione “fascio di alternative”; 2in relazione a ciò Stefano Gattei, nel capitolo La filosofia della scienza di Thomas S.Kuhn. Una ricostruzione in Kuhn Thomas, Dogma contro critica. Mondi possibili nella storia della scienza, Raffaello Cortina Editore, 2000, parla di un 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immagini
memoria
filosofia della mente
virtuale
emergenza
meccanica quantistica
olografia
fisica della mente
linguaggio
coscienza
blending
epistemologia del confine
crossing disciplinare
karl pribram
quantum brain dynamic
comunicazione
intelligenza artificiale
metafore
io
analogie
sistemi subsimbolici
vedere-come
concetti fluidi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi