Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato del networking in Italia: la parte passiva della Infrastruttura di rete

Definizione di mercato del Networking in Italia

Per mercato del Networking in Italia intendiamo il settore economico relativo alla progettazione e produzione di apparati di reti telematiche, alla commercializzazione di tali apparati, alla progettazione e installazione di infrastrutture di reti WAN/LAN all’interno del territorio italiano.
Pur trattandosi di una definizione semplice e breve, comprende uno scenario alquanto ampio e complesso. Per meglio avere un’idea di ciò che il Networking rappresenta possiamo pensare a tutta la tecnologia informatica che ci permette di comunicare a distanza, ovvero la comunicazione sia verbale che scritta attraverso il trasferimento di dati (e-mail).
Una filiera lunga e per certi versi trasversale, che comprende una serie di realtà come i produttori di cablaggio strutturato e sistemi in fibra ottica che consentono il collegamento tra i vari utenti, i produttori di Racks (armadi in acciaio che consentono l’alloggiamento degli apparati di rete), i produttori di apparati di rete quali trasmettitori, ripetitori, sistemi wireless, ricevitori, routing, switch e moden, in grado di rielaborare e trasferire tutte le forme di comunicazioni oggi trasmissibili, i produttori di gruppi di continuità (UPS), i produttori di centralini telefonici, i distributori che vendono e (i più evoluti) operano come consulenti di tutti i prodotti sopra citati, gli installatori, che fisicamente assemblano tutti o parte dei prodotti di Networking, ed infine i progettisti di impianti di reti telematiche e telefoniche.
Relativamente ai prodotti, si è soliti suddividere tra apparati attivi e apparati passivi. I primi costituiscono il vero cervello delle reti telematiche dove la parte software è predominante. I secondi vengono identificati come il canale fisico che consente il passaggio dei dati e segnali voce, li si definisce passivi in quanto non capaci di interagire con il sistema di comunicazione e pertanto privi di software. Di quest’ultimi ci occuperemo meglio nel dettaglio.
Volendo dare solo una veloce panoramica degli apparati attivi si parte dai router, i switch, per arrivare ai centralini telefonici. Storicamente l’azienda più importante nel settore dello switching and routing (la creatrice del moderno Networking) è Cisco System, anche se altre aziende hanno visto crescite importanti negli ultimi anni, ad esempio HP (oggi Procurve), Ati, Tricom, Netgare ecc. Relativamente ai centralini telefonici tra i brands più importanti citiamo Siemens, Alcatel, Bosch, Nortel, Avaya, Philips.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Il settore del Networking 1.1 Definizioni di LAN e WAN Per LAN, Local Area Network, si intende una area di dimensione massima di 1.000.000 m² denominata Campus , nella quale sono dislocati una serie di siti (palazzi, uffici, aree produttive, ecc.), noti come Building , i quali devono essere tra loro fisicamente collegati per poter trasmettere segnali voce (servizi di fonia) e dati. Devono cioè essere in grado di comunicare, condividere informazioni e integrare una serie di servizi (quali dati, voci, immagini ecc.). LAN identifica quindi l’infrastruttura di comunicazione all’interno di un Campus, la parte tecnologica che consente la trasmissione di dati e voce in una area delimitata. Per WAN, World Area Network, si intende la parte tecnologica che consente la trasmissione di dati e voce tra le varie LAN (o Campus). Può essere identificato anche con il termine di Rete Metropolitana. A differenza della LAN non ci sono (e non potrebbero esserci) limiti spaziali . Lo scopo principale della WAN è quella di portare all’interno dei Campus/LAN i segnali provenienti dall’esterno, in modo da poter mettere in comunicazione tutto il mondo (come si evince dalla denominazione stessa). Il punto di separazione o meglio di incontro della WAN con la LAN viene definito con il termine di Demarcation Point , ed è il punto nel quale i segnali provenienti dal mondo esterno vengono filtrati ed instradati all’interno della LAN fino al raggiungimento dell’ intestatario/utilizzatore. La parte passiva di rete altro non è che l’infrastruttura tecnologica che consente il passaggio fisico di dati e voce all’interno della WAN (con collegamenti prevalenti in fibra ottica) tra la WAN e la LAN (attraverso il Demarcation Point) all’interno della LAN (con collegamenti sia in fibra ottica sia mediante cavi in rame). 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Enzo Rosina Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 677 click dal 05/01/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.