Skip to content

Lo scudo fiscale del 2009-2010 visto dalla Svizzera

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Martino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Alessandro Volpi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

La pessima situazione finanziaria ed economica mondiale, nata nel 2007 con la crisi statunitense dei subprime, ha spinto tantissimi paesi a dare la caccia agli evasori del fisco nella speranza di aggiungere qualcosa ai loro magri budget. Per fare riemergere questi ingenti capitali le soluzioni sono due: rafforzare i controlli da parte delle autorità fiscali e prendere dei provvedimenti per incitare gli evasori a rimpatriare i loro soldi. L’obbiettivo di rimpatriare dei capitali sottintende quindi che siano stati nascosti all’estero, ovviamente in quel che si chiama comunemente un “paradiso fiscale”. Non a caso durante il summit del G20 di Washington, a novembre 2008, al centro delle discussioni ci sono state proprio le questioni di una maggior trasparenza finanziaria internazionale, di un miglioramento nell’assistenza amministrativa fra i paesi e di un rafforzamento della pressione sui cosiddetti paradisi fiscali. Per il ministro delle finanze e dell’economia italiano Giulio Tremonti, come per tanti altri suoi omologhi europei, quel paradiso fiscale che si trova alle nostre porte e in mezzo all’Europa è la Svizzera, a parer suo “caverna di Ali Babà”. In questo contesto, la Confederazione ed il suo segreto bancario hanno conosciuto dal 2008 continui attacchi da parte di numerosi paesi: Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito e persino India fanno la voce grossa.

Questa tesi, dopo aver brevemente ricordato in che consiste il segreto bancario elvetico, spiega come, sotto pressione da ogni lato e inserita in una lista nera dall’OCSE, la Svizzera ha finalmente deciso a marzo 2009 di recepirne gli standard in materia di assistenza amministrativa. Tale decisione ha dato il via ad una revisione delle sue convenzioni di doppia imposizione con tanti paesi in conformità alle esigenze internazionali in materia di collaborazione fiscale e si è subito pensato da ambo le parti che quella con l’Italia sarebbe stata una delle prime ad essere rinegoziata, permettendo così al fisco italiano una miglior lotta all’evasione. Ma le casse vuote hanno spinto il governo italiano a scegliere la via dello scudo fiscale, considerato dall’opposizione una vera e propria amnistia. Questa tesi si propone di dimostrare come tale provvedimento di politica interna abbia suscitato molte reazioni oltre confine e come le successive dichiarazioni di Tremonti, accompagnate da spettacolari mosse della Guardia di Finanza, abbiano dato vita a sempre più aspre tensioni fra i due paesi, portando ad un gelo dei negoziati per una nuova CDI. Ma soprattutto tale situazione ha fatto crescere tanti malumori nel Canton Ticino, territorio da sempre legato al nord Italia e che ospita 48'000 lavoratori frontalieri che ogni giorno arrivano dalla confinante Lombardia. Come si propone di dimostrarlo questa tesi, l’attacco alla sua piazza finanziaria, i toni usati nei suoi confronti dall’Italia e la poca assistenza ricevuta da Berna hanno rafforzato il peso politico della Lega dei Ticinesi, partito populista e anti-frontalieri, alle ultime elezioni cantonali del 10 aprile 2011.

In questa tesi infine si presentano i risultati dello scudo fiscale nella versione di Bankitalia e nella versione del ministero dell’economia e delle finanze: l’incasso per l’Erario è stato di 5.6 miliardi di euro ma alla fine ci si può chiedere se tutta questa agitazione abbia molto cambiato la situazione. La piazza finanziaria ticinese non è crollata e continua a gestire ingenti capitali italiani, tal volte dichiarati, tal volte no. Ma soprattutto l’evasione fiscale continua ad essere importante in Italia e nel corso del 2010 sono stati portati allo scoperto dalla Guardia di Finanza redditi occultati per circa 50 miliardi di euro. Polemicamente, come lo faceva una giornalista elvetica, ci si potrebbe chiedere se il vero “paradiso fiscale” non sia l’Italia dove a volte sembra così facile evadere il fisco nell’attesa che si pronunci un nuovo scudo fiscale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa "Se fosse per me manderei l'esercito. La Svizzera e in modo particolare i ticinesi, sono tutti quanti mafiosi. Se fosse per me, vi manderei l'esercito." 1 Queste parole rivolte dal ministro italiano dell’economia e delle finanze Giulio Tremonti al suo omologo elvetico Hans-Rudolf Merz a inizio ottobre 2009 potrebbero apparire come una dichiarazione di guerra. In effetti, nel versante svizzero, lo scudo fiscale italiano del 2009-2010 è stato percepito di fatto come un pesante atto di ostilità quando, pochi giorni dopo, il 27 ottobre 2009 le Fiamme Gialle entrarono in settantasei filiali italiane di istituti di credito e banche svizzere mettendo in atto inattese perquisizioni in un contesto dove di solito regna la “discrezione”. Alla luce di questa reazione pare opportuno esaminare come questo provvedimento del governo italiano è stato seguito per molto tempo da parte dei media elvetici e ticinesi, suscitando non poche reazioni dalle istituzioni politiche, dai partiti e dai gruppi d’interesse e mettendo in evidenza le relazioni mai facili fra i due paesi in materia di fiscalità.                                                                                                                           1 Tremonti: Svizzeri tutti mafiosi, specialmente i ticinesi, “Ticinonline.ch”, 26.11.2009. http://www.tio.ch/aa_pagine_comuni/articolo_interna.asp?idarticolo=508443&ids ezione=1&idsito=1&idtipo=3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
banche
ticino
ocse
svizzera
guardia di finanza
evasione
tremonti
scudo fiscale
paradiso fiscale
frontalieri
piazza finanziaria
merz
calmy-rey
lega dei ticinesi
bernasconi
diplomazia
segreto bancario
consiglio federale
fiscovelox

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi