Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

UNI4PISA: il progetto di una biblioteca digitale e di un portale sui beni culturali di città e provincia

Il numero di laureati dell’Università di Pisa ruota ogni anno intorno a 7000 studenti.
Questo vuol dire che essi producono una numerosa quantità di elaborati finali per tesi triennali, magistrali, master e dottorati.
A questi si aggiungono tutti quei progetti richiesti per il superamento dell’esame di alcuni corsi.
Non esiste però un regolamento che preveda il deposito obbligatorio di tutti i lavori finali in formato digitale e l’unico modo per aggiungerli è quello di sapere che il “deposito” esiste e decidere autonomamente di rendere disponibile il proprio elaborato.
Consapevoli di tutto ciò, alcuni docenti del CISIAU (Centro Interdipartimentale di Servizi Informatici per l’Area Umanistica) hanno proposto un’idea che possa in qualche modo rendere le cose un po’ più facili almeno in un determinato settore: il progetto UNI4PISA, ovvero la creazione di una biblioteca digitale interfacciata ad un portale che permetta in modo facile e veloce per tutti l’accesso a questi elaborati in modo da trasformarli in strumento utile anche al di fuori dell’ambiente universitario.
L’obiettivo di questa tesi prevede quindi lo sviluppo del progetto così presentato.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo 1 – Il progetto: UNI4PISA 1.1 Gli obiettivi Il nome dato al progetto, UNI4PISA ovvero l’Università di Pisa PER la sua città, ha già in sé parte delle motivazioni che hanno spinto alla sua realizzazione: la volontà è che il legame tra l’Ateneo e la sua città si rafforzi e possano insieme collaborare perché il patrimonio culturale sia ancora più apprezzato. UNI4PISA ha come oggetto di studi i beni culturali considerati in senso lato: non solo opere d’arte (quadri, collezioni, monumenti ed edifici), ma anche persone, progetti di riqualificazione, studi, analisi e proposte per tutto ciò che riguarda la città. Nella fase di stesura del progetto, sono stati individuati anche obiettivi di carattere più specifico. Tra i primi si colloca la divulgazione di tutti gli elaborati che purtroppo, come è già stato accennato, sono poco noti all’esterno dell’ambiente universitario. Fare in modo che questi elaborati siano conosciuti e apprezzati, non solo non renderebbe vano il lavoro di tutti coloro che hanno dedicato tempo ed energie alla loro realizzazione, ma darebbe ad essi un valore aggiunto oltre a quello del conseguimento del titolo desiderato. La promozione tramite la visibilità sul web, renderebbe la loro diffusione più immediata e raggiungerebbe in modo più rapido un numero maggiore di persone, soprattutto quelle al di fuori dell’ambiente universitario. A questi, si aggiunge un altro aspetto da non sottovalutare: tutti i lavori (quali più, quali meno) sono frutto di una ricerca di tipo scientifico e perciò con un certo grado di autorevolezza derivato anche dall’essere supervisionati nella preparazione da personale docente qualificato. Questo ci porta così a un altro degli obiettivi: la loro valorizzazione. Sapere che esistono, ma soprattutto che sono fonti affidabili, può servire come punto di partenza per chiunque abbia necessità di conoscere cosa è già stato fatto su un determinato bene trasformando così i lavori in un vero e proprio strumento di studio. Il progetto vuole allo stesso tempo valorizzare la città di Pisa e offrire ai suoi cittadini l’opportunità di conoscerla in modo più specifico e documentato e mettere a disposizione degli enti turistici nuove possibilità di scoperta del proprio patrimonio culturale. 1.2 A chi si rivolge UNI4PISA è stato pensato perciò per mettersi a disposizione di un target vario per tipologia e interessi: studiosi di diversi ambiti di ricerca: architetti, restauratori, critici d’arte, storici e tutti coloro che abbiano interesse alla storia culturale della città e della sua salvaguardia; ordini professionali e organismi di tutela per un eventuale intervento di scavo, restauro o rivalutazione della città; docenti di ogni ordine e grado, sia per ricerche proprie in ambito pisano, sia per la divulgazione ai propri studenti; cittadini pisani che vogliano riscoprire la loro città documentandosi magari su un particolare aspetto;

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Sarti Contatta »

Composta da 28 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 281 click dal 09/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.