Skip to content

Profili penalistici del doping sportivo

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Triolo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vincenzo Muscatiello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

L’esigenza di migliorare il rendimento dell’atleta nelle performance agonistico-sportiva ha da sempre favorito la diffusione del convincimento di poter ricorrere, spesso a discapito dell’integrità psicofisica, all’assunzione di farmaci o altre sostanze esogene capaci di indurre un’azione stimolante-energizzante e quindi a presunta valenza migliorativa sulle prestazioni stesse.
In un contesto che chiede al "campione" prestazioni sempre memorabili, si è passati quindi dall’affinamento del talento naturale agli allenamenti particolari, al ricorso a diete altamente sofisticate ed allo sviluppo di tecniche di training, all’uso, o meglio all’abuso di preparati farmacologicamente attivi, assunti per modificare artificiosamente le performance atletiche.
Tale problema è divenuto ancor più cogente negli ultimi anni attese le numerose e ineludibili sollecitazioni e pressioni di varia natura (in primis quelle economiche) che ricorrono sul rendimento di quanti primeggiano nelle specifiche discipline sportive.
A ben guardare, il ricorso a sostanze "miracolose" ha origini ataviche. Si ricordi a tal proposito, presso l’antica Grecia, la somministrazione agli atleti di funghi ad azione stimolante, riportato da Filostrato e da Galeno nei loro commenti sull’etica degli atleti ai giochi olimpici; la somministrazione ai gladiatori di droghe prima dei combattimenti.
Risale, tuttavia, al 1963 la prima definizione ufficiale di doping allorquando il Comitato Europeo per l’educazione extrascolastica lo adoperò per indicare la "ingestione o l’uso di sostanze non biologiche da parte di individui sani, con il solo scopo di migliorare artificialmente e slealmente la propria prestazione in vista di una gara".
A questo punto, è sembrato doveroso svolgere una panoramica degli antesignani della l. 376, o per meglio dire di normative che, senza essere espressamente dedicate al doping, giurisprudenza e dottrina hanno di volta in volta reputato di poter richiamare in chiave di contrasto del fenomeno.
Del tutto "benvenuta" allora, in via di massima, una legge ad hoc sul doping; infatti il legislatore nella consapevolezza dell’impiego, sempre più diffuso, di prodotti e metodi vietati tra gli sportivi e delle conseguenze per la salute dei coloro che ne fanno uso, ha ritenuto necessario introdurre delle specifiche fattispecie penali che sanzionassero quei comportamenti che, per modalità e scopo, si presentavano in contrasto con gli ideali ed i principi di correttezza e lealtà sportiva (cosa peraltro da tempo auspicabile, dato che a livello Comunitario, il 16 novembre 1989 fu stipulata a Strasburgo la Convenzione contro il doping, ratificata dall’Italia con l. 522/1995).
Ciò ha portato, appunto, all’emanazione della l. 14 dicembre 2000 n. 376, contenente la "Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping", composta da nove articoli, cui si aggiunge un decimo relativo alla copertura finanziaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO PRIMO NORMATIVA ANTIDOPING SOMMARIO: 1.1. Premesse. - 1.2. Prime disposizioni in materia antidoping. – 1.3. Azioni della Comunità Europea in materia di tutela sanitaria delle attività sportive: il Codice Mondiale Antidoping – 1.4. L. 14 dicembre 2000 n. 376. – 1.5. Esigenza di coordinamento per un’adeguata strategia antidoping: il regolamento antidoping del C.O.N.I. . 1.1. Premesse. L’esigenza di migliorare il rendimento dell’atleta nelle performance agonistico-sportiva ha da sempre favorito la diffusione del convincimento di poter ricorrere, spesso a discapito dell’integrità psicofisica, all’assunzione di farmaci o altre sostanze esogene capaci di indurre un’azione stimolante-energizzante e quindi a presunta valenza migliorativa sulle prestazioni stesse 1 . Tale problema è divenuto ancor più cogente negli ultimi anni attese le numerose e ineludibili sollecitazioni e pressioni di varia natura (in primis quelle economiche 2 ) che ricorrono sul rendimento di quanti primeggiano nelle specifiche discipline sportive. 1 Cfr. R. GAGLIANO-CANDELA, Tossicologia forense, Milano, 2001, pp. 89-91. 2 Così M. MICCIO, Comunicazione, evoluzione e denari nel calcio, in Analisi giuridica dell’economia, 2005, pp. 521-527.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto penale
giurisprudenza
doping
antidoping
c.o.n.i.
14 dicembre 2000

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi