Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Traduzione di ''At the Back of the North Wind'' di George MacDonald

Per caso, navigando in Internet, mi é capitato di imbattermi in George MacDonald, autore scozzese vissuto nel 1800, a me totalmente sconosciuto e comunque poco noto ai più. Il romanzo, scritto nel 1871, racconta la storia di Diamond, un ragazzino molto maturo che vive con i genitori, una sorellina ed un fratellino. Una notte Vento del Nord, che ha l'aspetto una splendida donna dai lunghissimi capelli, lo porta con sé a visitare il mondo. A questa notte ne seguono tante altre, durante le quali Diamond viaggia anche oltre il reale, arrivando alla casa di Vento del Nord, luogo paradisiaco che non sembra appartenere a questo mondo. Parenti ed amici pensano che Diamond non sia perfettamente normale, e lo chiamano "il bimbo di Dio". L'autore sottolinea che questo bambino ha qualcosa in più rispetto agli altri, quella genialità che lo rende incomprensibile a chi gli sta intorno. I suoi pensieri e le sue meditazioni metafisiche sono di un livello così alto che trascendono la vita ordinaria così come gli altri la conoscono. Diamond troverà tutte le risposte quando, alla fine del romanzo, morirà per andare davvero nella casa del vento del nord. Mi ha incuriosito questo romanzo, perché il bambino che lo legge apprezzerà la storia di un coetaneo che vive la splendida avventura di volare con il vento del nord e che scopre le meraviglie del mondo, mentre trova l’amicizia. Le minuziose descrizioni di luoghi e persone, i dialoghi tra Diamond e Vento del Nord, le filastrocche che il ragazzo inventa per gli altri, catturano l’attenzione dei giovani lettori che hanno la sensazione di vivere essi stessi in una fiaba. L’adulto, invece, leggerà tra le molte metafore la curiosità di una persona che vuole sapere, l’eterna ricerca della verità e della fede, il desiderio di comprendere il mistero della morte e dell’aldilà. Ho scelto di tradurre determinati capitoli, perché mi sono sembrati particolarmente significativi per inquadrare i diversi aspetti del romanzo, sia per quanto riguarda la trama che per quanto concerne i caratteri dei personaggi. Ho voluto con i primi capitoli (1 - 2 - 4 - 6) inquadrare la storia ed il personaggio principale, Diamond, con i suoi primi approcci con Vento del Nord. Questa figura femminile viene meglio descritta nei capitoli 9 - 10 - 11, nei quali viene riportato anche il viaggio di Diamond nella casa di Vento del Nord ed il suo ritorno alla casa dei genitori. Per quanto riguarda il capitolo 33, non ha una particolare valenza da un punto di vista della continuità della storia, ma contiene una filastrocca in rima che ho trovato interessante tradurre, riportandola in rima anche in italiano. Gli ultimi capitoli (37 - 38), infine, riportano l'epilogo della storia.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Prefazione Per caso, navigando in Internet, mi é capitato di imbattermi in George MacDonald, autore scozzese vissuto nel 1800, a me totalmente sconosciuto e comunque poco noto ai più. George MacDonald nacque a Huntley nell'Aberdeenshire il 10 dicembre 1824 da George MacDonald e Helen MacKay. Il padre, agricoltore, discendeva dai MacDonald di Glen Coe che avevano subito il massacro del 1692. Conseguì le lauree in chimica e filosofia naturale presso l'Università di Aberdeen nel 1840 e nel 1844. Successivamente si recò a Londra per tre anni di lezioni con un precettore e studiò all'Independent College di Highbury per diventare ministro Congregazionalista. La Chiesa Congregazionalista gli lasciò una forte impronta Calvinista.

Laurea liv.I

Facoltà: Mediazione Linguistica

Autore: Sabrina Discacciati Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 391 click dal 16/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.