Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’acquisizione del linguaggio da parte dei bambini. Le teorie di Chomsky e Bickerton a confronto.

Il presente lavoro si inserisce nel campo, in sempre maggiore ampliamento, dello studio e dell'indagine sull'acquisizione del linguaggio da parte dei bambini. In che modo i bambini imparano a parlare? Questa domanda porta con se innumerevoli altri quesiti come: da quanto tempo l'uomo ha l'abilità di usare il linguaggio? Come si sono sviluppate le prime lingue? Perché un adulto ha difficoltà ad imparare una lingua? Ci sono stati molti tentativi di dare una risposta a tutte queste domande, ma al momento la questione risulta irrisolta e vi sono una moltitudine di teorie a proposito. Nel presente lavoro verranno prese in analisi e messe a confronto le posizioni assunte riguardo al fenomeno di acquisizione del linguaggio da due esponenti di primo piano della linguistica moderna - i linguisti Noam Chomsky e Derek Bickerton.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 A. INTRODUZIONE a. Definizione del problema e scopo della tesi Il presente lavoro si inserisce nel campo, in sempre maggiore ampliamento, dello studio e dell’indagine sull’acquisizione del linguaggio da parte dei bambini. In che modo i bambini imparano a parlare? Questa domanda porta con se innumerevoli altri quesiti come: da quanto tempo l’uomo ha l’abilità di usare il linguaggio? Come si sono sviluppate le prime lingue? Perché un adulto ha difficoltà ad imparare una lingua? Ci sono stati molti tentativi di dare una risposta a tutte queste domande, ma al momento la questione risulta irrisolta e vi sono una moltitudine di teorie a proposito. Nel presente lavoro verranno prese in analisi e messe a confronto le posizioni assunte riguardo al fenomeno di acquisizione del linguaggio da due esponenti di primo piano della linguistica moderna - i linguisti Noam Chomsky e Derek Bickerton. La questione dell’acquisizione del linguaggio ha affascinato gli studiosi di tutto il globo da diversi millenni, ma solo negli ultimi due secoli possiamo parlare di studi sistematici approfonditi e ben documentati. Superata la fase di teorie di stampo comportamentista, con la nascita del cognitivismo verso la metà del XX secolo pochi sembrano avere dei dubbi sull’esistenza e contributo di un meccanismo innato e geneticamente trasmettibile alla capacità dell’uomo di parlare. “Il linguaggio è invece un pezzo a sé del corredo biologico del nostro cervello. Il linguaggio è un’abilità complessa e specializzata, che si sviluppa spontaneamente nel bambino senza sforzo conscio o istruzione formale, che viene usato senza la coscienza della sua struttura logica....” 1 “...il linguaggio sembra veramente essere una proprietà legata alla specie, una proprietà unica della specie umana nella sua essenza e comune alla nostra dotazione 1 Pinker 1997, p. 10

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Dmitrij Lisovskij Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7231 click dal 16/12/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.