Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi e valutazione biologica di inibitori di Hsp90 a struttura 5-aril-4-alchil/aril ammino-isossazol-3-carbossiammidica: nuova classe di molecole a potenziale attività antitumorale

Il chaperone molecolare Heat Shock Protein (Hsp90) fa parte di questa famiglia e regola la stabilità, l’attivazione e la funzione biologica di numerose proteine clienti implicate nella regolazione del ciclo cellulare e trasduzione dei segnali. Per queste ragioni, Hsp90 è stato considerato un potenziale target nella terapia antitumorale. Il suo funzionamento è diretto da un sito posto all’N terminale in grado di legare l’ATP e di idrolizzarlo ad ADP.
La ricerca di inibitori di Hsp90 ha portato alla scoperta di alcuni composti naturali, la Geldanamicina, un benzochinolone-ansamicina; il Radicicolo, un antibiotico macrolidico; la Novobiocina, un antibiotico cumarinico. Invece attraverso lo studio cristallografico delle interazioni Hsp90/ATP sono state sintetizzate nuove molecole come scaffold purinici e derivati pirazolico/isossazolico resorcinoli.
Negli ultimi anni il gruppo di ricerca dove ho svolto il mio lavoro di tesi ha individuato una nuova serie di inibitori di Hsp90 4-isossazol acilamminici strutturalmente correlati al derivato VER50589. Nell’ambito di questo progetto, il mio lavoro di tesi è stato finalizzato ad incrementare gli studi SAR di queste molecole sintetizzando 2 serie di composti:
-una in cui è stata modificata la posizione 3 dell'isossazolo inserendo degli atomi di fluoro, mantenendo inalterata la funzionalità ammidica in posizione 4;
-una seconda serie in cui il gruppo ammidico presente in posizione 4 dell’isossazolo è stato sostituito con un gruppo amminico.
La ridotta attività dei derivati amminici rispetto a quelli ammidici potrebbe essere spiegata dagli studi di docking che dimostrano come il carbonile ammidico in posizione 4 dell’isossazolo possa creare un ulteriore interazione con la Lys58 della tasca ATPasica della proteina, interazione che con i derivati amminici viene a mancare.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I 1.1 Introduzione Hsp90 è una Heath shock protein, una famiglia di chaperoni molecolari 1 altamente conservata ed espressa sia negli organismi eucarioti che procarioti. Il loro ruolo è legato al mantenimento della struttura delle proteine secondo quattro aspetti principali: • assicurano il raggiungimento e il mantenimento del corretto stato conformazionale delle catene polipeptidiche appena sintetizzate; • dirigono l'assemblaggio di complessi multi-enzimatici; • aiutano il mantenimento o la creazione di uno stato parzialmente non ripiegato delle proteine (folding), favorendone cos il trasporto attraverso le membrane dei ì mitocondri o dei plastidi; • stabilizzano le proteine danneggiate formatesi a seguito di stress chimici o fisici facilitandone la rinaturazione e/o la degradazione. In condizioni fisiologiche, la quantità di Hsp90 2 presente nell'organismo è stimata intorno all'1-2% di tutte le proteine cellulari ed è associata ad una vasta gamma di proteine dette “clienti”, che dipendono dalla funzione chaperonica di Hsp90 per acquisire la conformazione attiva. L'espressione di Hsp90 aumenta di circa dieci volte 3 quando la cellula è esposta a stress fisiologici quali calore, metalli pesanti, ipossia e bassi valori di pH, questa overespressione favorisce la sopravvivenza cellulare. 1

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Farmacia

Autore: Francesca Orsini Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 921 click dal 28/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.