Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno del doping tra esigenza di legalità e diritti dell'individuo

Questa tesi si propone di studiare le metodologie antidoping partendo da una prospettiva innovativa: punto di partenza e filo conduttore di questo lavoro sono i diritti dell'individuo.
In particolare, lo studio si concentra sulla portata dei metodi di controllo impiegati dalla magistratura sportiva inquirente e su quanto questi incidano sul diritto alla privacy degli sportivi.
Ci si concentra perciò su quale sia la tutela effettiva del diritto di privacy, oggi ampiamente riconosciuto come diritto fondamentale dell'individuo, nei codici antidoping, in particolare nel Codice antidoping del 2009 della WADA (World Antidoping Agency).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L‟ argomento di questa tesi può in un primo momento sembrare andare oltre quelle che sono le tematiche classiche di un corso di laurea specialistica in politica internazionale e diplomazia ma a mio parere mai come in questi ultimi anni il fenomeno “sport” sta assumendo una rilevanza politica ed economica sempre maggiore. Oggi sport non è più solo sinonimo di competizione e di agonismo, oggi è sinonimo anche di sponsorizzazioni e di diritti televisivi, di merchandising, di pubblicità e di organizzazione di eventi e lo è ad un tale livello da farne uno dei campi più importanti dell‟azione politica, nazionale, internazionale e sovranazionale. Per quanto riguarda l‟Italia, per esempio la famigerata direttiva governativa sulla “tessera del tifoso” (uno strumento di fidelizzazione adottato dalle società calcistiche a seguito di una direttiva del Ministero dell‟Interno che prevede verifiche della Questura al fine di identificare i tifosi di una squadra di calcio) ha scatenato polemiche che, oltre a tifosi e ad “addetti ai lavori”, ha coinvolto anche maggioranza ed opposizione e questo è solo l‟ultimo esempio in ordine di tempo. A livello comunitario l‟importanza dell‟attività sportiva come pratica diretta alla tutela della salute e come veicolo di valori educativi ha raggiunto il suo apice nel 2004, dichiarato Anno europeo dell‟educazione attraverso lo sport. L‟indiscutibile crescita della rilevanza economica e mediatica delle competizioni sportive, associata ai passi da gigante compiuti dalla medicina sportiva, ha però accentuato il ricorso a sostanze proibite da parte degli atleti che cercano così di migliorare le loro prestazioni agonistiche, appoggiati e/o incoraggiati spesso anche da dirigenti e da altre figure che

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giorgia Pasello Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1110 click dal 13/01/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.