Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra educazione civica e pedagogia religiosa: le strategie comunicative di un catechismo islamico contemporaneo

Il ruolo dell'editoria per l'infanzia e dei siti internet in lingua araba nell'educazione religiosa dei ragazzi musulmani.

Il rapporto tra religione ed editoria per l’infanzia verrà ampliato nel capitolo 1, in cui verrà studiato il caso di una collana di libri per il catechismo islamico, dal titolo “Il Diario di Mu’min”, dedicata all’educazione religiosa dei bambini musulmani. Questa collana si inserisce all’interno della tradizione di libri islamici per bambini musulmani siriani, ai quali viene insegnato, attraverso al vita e i comportamenti del protagonista, come comportarsi correttamente.
Nel capitolo 2, invece, il rapporto tra religione e web, viene palesato nello studio della rivista palestinese per bambini “Al-fātih”, la quale è legata in qualche modo al movimento politico di Hamas.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il ruolo dell’editoria per l’infanzia e del web in lingua araba nell’educazione religiosa dei bambini musulmani Per più di cento anni, la diffusione dell’educazione sia primaria, sia secondaria, l’emergere di nuove classi sociali e l’acquisizione di tecnologie e tecniche di mercato, che incoraggiano una massiccia produzione sia di libri sia di periodici, ha aiutato a trasformare le tradizioni religiose nel mondo musulmano. Queste trasformazioni, sia formali sia istituzionali, hanno a che vedere con il modo in cui la conoscenza islamica è creata e trasmessa, e le trasformazioni più sostanziali hanno alterato il contenuto, il contesto e il significato del termine Islam: il significato che esso assume nei vari settori della popolazione nei paesi musulmani. Per meglio comprendere queste trasformazioni, che includono un insieme complesso di fenomeni, spesso descritti come “islamismo” o “Islam politico”, è richiesto uno sguardo al modo in cui i musulmani producono e comunicano i loro valori di appartenenza all’eredità islamica. Ovviamente, uno dei mezzi più importanti, per capire tutto questo, è la produzione letteraria: scritta e stampata, con lo scopo di informare, istruire, persuadere e mobilitare. L’editoria per l’infanzia ha da sempre un dichiarato intento moralistico: insegnare l’educazione alle buone maniere, alla virtù della generosità, dell’obbedienza, del rispetto di se stessi e degli altri. Questa prospettiva rimane immutata di generazione in generazione e, pur con le dovute differenze per ogni Paese, costituisce il punto di partenza 8

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Deborah Gianfreda Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 627 click dal 29/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.