Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Soggettività Riscoperta. Percorsi psico-educativi di coscientizzazione genitoriale

Il nostro lavoro si pone come obiettivo quello di progettare e costruire dei percorsi rivolti ai genitori al fine di offrire loro l'opportunità di raccontarsi come tali. Il presupposto teorico dal quale siamo partiti richiama sotto numerosi punti di vista il paradigma
dialogico-narrativo. I genitori, incontrandosi settimanalmente e discutendo su alcuni punti-chiave o "parole-generatrici" rivivono la loro genitorialità, la condividono ri-attualizzandola, la analizzano con altri genitori, favorendo quello che definiamo processo di coscientizzazione. Questo progetto partendo dall'esperienza degli autori appartenenti alla corrente della Pedagogia Dialogica come Freire, Capitini, e Dolci e della Psicologia Umanistica, si pone l'obiettivo di costruire un percorso laboratoriste di gruppo centrato su tre assiomi imprescindibili: a) non-direttività; b) approccio narrativo; c) dialogicità. Alla luce di questi tre concetti chiave gli obiettivi di questa proposta sono: 1) valorizzazione dell'esperienza genitoriale; 2) coscientizzazione genitoriale; 2) sostegno reciproco fra i partecipanti. Si vengono così a creare quelle condizioni favorevoli che consentono ai genitori di avviare sia un processo di condivisione delle differenti esperienze di genitorialità, sia una re-visione e ad una presa di consapevolezza dei loro vissuti personali.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La risorsa più preziosa e utile nel lavoro con gli adulti è la loro esperienza; ciò significa, prevalentemente, che fare leva sulle loro conoscenze e capacità può rappresentare la chiave di volta di qualsiasi intervento. Questo comporta necessariamente focalizzarsi sull’altro, coinvolgerlo e valorizzarlo. Sovente come operatori siamo convinti di possedere già le soluzione per qualsiasi problematica, un po’ come dei medici di fronte ad una malattia conosciuta. In realtà nell’ambito delle scienze umane spesso non è possibile, ed a volte è del tutto infruttuoso, possedere una simile concezione, la quale porta spesso alla costruzione di pericolosi rapporti verticali esperto-inesperto. Oggigiorno la psicologia sta pian piano abbandonando questa concezione mutuata dall’ambito medico-clinico, per spostarsi verso una dimensione più relazionale nel quale l’alterità diventa potenzialità implicita e risorsa da valorizzare. Certo nella storia delle scienze umane si sono incontrati degli autori che con le loro riflessioni hanno, per così dire, anticipato questa nuova modalità d’intendere l’intervento. Si tratta di persone profondamente convinte della natura estremamente positiva dell’essere umano e che hanno adottato, nelle loro riflessioni e nei loro interventi, una «filosofia» di stampo prettamente umanistico. Questo lavoro di tesi rappresenta la sintesi di un percorso riflessivo finalizzato alla ricerca e ri-scoperta del pensiero di alcuni autori, i quali possono essere facilmente inclusi in una visione umanistica e profondamente positiva dell’essere umano. Abbiamo spaziato, nel corso di questo lavoro, in campi non propriamente attinenti all’area psicologica, soffermandoci spesso in ambiti pedagogici e filosofici; ciò è dovuto, prevalentemente, al fatto che siamo profondamente convinti che l’area pedagogica così come quella filosofica possano offrire interessanti spunti di riflessione qualora s’intenda pensare la prassi psicologica. Il percorso riflessivo al quale si faceva riferimento poc’anzi si è concretizzato col tentativo di costruire uno spazio stabile che consentisse ai genitori di confrontarsi e di dialogare apertamente su alcune tematiche concernenti l’educazione dei figli, il quale si è più specificatamente tradotto nell’esperienza del laboratorio «Genitorialità, Scuola e Famiglia». Si tratta, fondamentalmente, del tentativo di costruire un percorso il più possibile centrato sulla persona e capace di valorizzare la sua soggettività, di farla riemergere per arrivare ad una maggiore consapevolezza della stessa. A nostro avviso non può sfuggire il parallelismo con l’approccio centrato sulla persona che caratterizza

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Daniele Bullegas Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1464 click dal 13/01/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.