Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Black English & Standard English

L’elaborato analizza il Black English (BE), una varietà d’inglese associata alle comunità afro-americane nate nel nuovo continente in seguito al commercio degli schiavi del diciassettesimo secolo, e il percorso che tale gruppo etnico ha attraversato durante il Novecento, superando violenza e discriminazione con dignità, fino ad ottenere un riconoscimento politico, sociale e più concretamente legislativo, attraverso l’ottenimento dei diritti civili. Una prima analisi storica ripercorre le tappe principali degli afroamericani prima, durante e dopo il loro insediamento in alcune zone degli Stati Uniti d’America e nei Caraibi. L’excursus storico dei Blacks chiarisce la formazione del BE, che conserva tutt’oggi delle incertezze, attraverso l’analisi delle sue fasi di Pidgin e Creole language, e prende in considerazione le diverse ipotesi che hanno separato gli studiosi di questo campo. Nel secondo capitolo mi sono soffermato sulle caratteristiche lessicali, grammaticali e sintattiche che separano il BE dallo Standard English usato in America. L’analisi vuole dimostrare che l’inglese degli afroamericani è una varietà di tutto rispetto e le libera dai pregiudizi che la hanno contaminata per anni considerandola una deformazione dell’inglese priva di una sua autonomia. Partendo dai diversi nomi assegnati al BE, che nascondono una evidente visione razzista, ho discusso la possibilità di poter considerare tale varietà una lingua a sé stante e non più un dialetto dell’inglese, arricchendo il quesito con degli esempi specifici riguardanti altri casi linguistici. Il terzo capitolo si sofferma sul percorso degli afroamericani durante il Novecento, secolo in cui la violenza e la discriminazione arrivano a livelli critici, creando in loro la necessità di ritrovare un’identità.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’elaborato analizza il Black English (BE) , una varietà d’inglese associata alle comunità afro-americane nate nel nuovo continente in seguito al commercio degli schiavi del diciassettesimo secolo, e il percorso che tale gruppo etnico ha attraversato durante il Novecento, superando violenza e discriminazione con dignità, fino ad ottenere un riconoscimento politico, sociale e più concretamente legislativo, attraverso l’ottenimento dei diritti civili. Una prima analisi storica ripercorre le tappe principali degli afroamericani prima, durante e dopo il loro insediamento in alcune zone degli Stati Uniti d’America e nei Caraibi. L’excursus storico dei Blacks chiarisce la formazione del BE , che conserva tutt’oggi delle incertezze, attraverso l’analisi delle sue fasi di Pidgin e Creole language , e prende in considerazione le diverse ipotesi che hanno separato gli studiosi di questo campo. Nel secondo capitolo mi sono soffermato sulle caratteristiche lessicali, grammaticali e sintattiche che separano il BE dallo Standard English usato in America. L’analisi vuole dimostrare che l’inglese degli afroamericani è una varietà di tutto rispetto e le libera dai pregiudizi che la hanno contaminata per anni considerandola una deformazione dell’inglese priva di una sua autonomia. Partendo dai diversi nomi assegnati al BE , che nascondono una evidente visione razzista, ho discusso la possibilità di poter considerare tale varietà una lingua a sé stante e non più un dialetto dell’inglese, arricchendo il quesito con degli esempi specifici riguardanti altri casi linguistici. Il terzo capitolo si sofferma sul percorso degli afroamericani durante il Novecento, secolo in cui la violenza e la discriminazione arrivano a livelli critici, creando in loro la necessità di ritrovare un’identità. Grandi leader come Marthin Luther King , Malcom X e molti altri hanno aiutato a creare maggiore autoconsapevolezza in un gruppo etnico che ha rischiato la perdita di un’identità, fino alla fiducia nella lotta e nella rivoluzione. Mi è sembrato, quindi, fondamentale testimoniare l’attività politica e sociale delle diverse organizzazioni e movimenti artistici nati durante la metà del XX secolo come il Civil Rights Movement , il Black Power e il Black Art Movement. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Giovanni Particco Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3820 click dal 13/01/2012.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.