Skip to content

L’impairment test degli strumenti finanziari nei bilanci delle banche

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Ronca
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Enrico Laghi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

Si tratta di una disamina della disciplina dettata dagli IAS/IFRS vigenti in materia di contabilizzazione dell'impairment test degli strumenti finanziari, assumendo come punto di vista privilegiato quello delle banche italiane quotate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE Ultima tappa del decennale processo di armonizzazione della normativa contabile comunitaria, l’adozione dei principi contabili internazionali ha rappresentato una novità di portata rivoluzionaria, sia sotto il profilo contabile che in ambito fiscale. Si tratta infatti di un set di regole contabili in tanto radicalmente innovative in quanto dichiaratamente pensate perché i principali fruitori (“stakeholders”) del bilancio siano gli investitori - attuali e potenziali - in capitale di rischio (e non i creditori, come nella tradizione civilistica nazionale). Cosicchè, come ha osservato G. Zanda, “nell’ambito dei differenti soggetti interessati alle informazioni di bilancio, il Framework evidenzia che tali soggetti non sono tutti sullo stesso piano: lo IASB privilegia, volutamente, le aspettative informative degli investors, ipotizzando un allineamento tra le esigenze di questa tipologia di utilizzatori e quelle della maggior parte degli altri destinatari del bilancio. Ciò sembra rispondere alla fondamentale esigenza dell’economia di mercato in cui i conferenti il capitale di rischio appaiono i principali protagonisti che necessitano ampie informazioni al fine di una efficiente allocazione delle risorse”. Un bilancio che, per espressa previsione normativa, intende porsi quale strumento utile per le decisioni economiche degli investitori, non può che essere orientato a rappresentare, nello stato patrimoniale, il valore del patrimonio a fine esercizio espresso a valori economici, e, nel conto economico, la variazione, registrata nell’esercizio per effetto della gestione, del valore economico del capitale netto iniziale. Il marcato orientamento al mercato degli IAS/IFRS, dunque, fa si che al tradizionale modello contabile basato sul “costo storico”, si sostituisca un paradigma contabile nel quale il criterio del fair value rappresenta un costante driver di valutazione delle poste di bilancio, talvolta alternativo al criterio del “costo storico”, tal altra obbligatorio ed incondizionato modello contabile di valutazione. Da quanto supra premesso occorre prendere le mosse per rilevare che, con l’esplosione della crisi finanziaria e reale che ha interessato le principali economie mondiali a far data dal settembre 2008 1 , il predetto paradigma del fair value è stato oggetto di dure critiche, insinuando, tra studiosi e addetti ai lavori, più di un dubbio sulla opportunità di ripristinare un sistema contabile maggiormente ancorato al più prudente criterio del costo. Infatti, in condizioni turbolente di mercato, laddove i prezzi non esprimono tali condizioni in ragione dell’incapacità del mercato di “diffondere” correttamente il valore, il principale 1 Crisi, è appena il caso di ricordarlo, innescata dal default di alcune delle più importanti banche d’affari americane (su tutte, Lehman Brothers)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi