Skip to content

La tassazione duale del reddito d'impresa

Informazioni tesi

  Autore: Maddalena Antonietta Di Prenda
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Loredana Carpentieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

"La tassazione duale del reddito d'impresa". ...per discutere di ridotta efficienza, equità(A. Smith ed Einaudi) e certezza del sistema giuridico italiano, in particolare del sistema di tassazione del reddito, e per mettere in risalto le conseguenze negative sul sistema delle imprese caratterizzato da micro-dimensione, specializzazione nei settori tradizionali e sottocapitalizzazione. Le cause del nanismo dimensionale e della contenuta crescita qualitativa delle imprese sono sia di tipo interno che esterno; meritano una certa attenzione: le pratiche manageriali, le istituzioni, la legislazione, gli intrecci impresa-finanza-politica....argomento attualissimo che mette in risalto la prevalenza di interessi che si discostano molto da quelli puramente imprenditoriali e di mercato; il prezzo pagato per questo è stato la scomparsa della grande industria italiana. Le imprese che negli anni '80 sono sopravvissute grazie alla lira debole, all'erosione del costo del lavoro a discapito dello stesso lavoratore, oggi sono in affanno. La tassazione duale del reddito d'impresa (dit) era stata introdotta con la Riforma Visco con l'intento di ridurre la pressione fiscale e di ricapitalizzare le imprese italiane...ma come spesso accade in Italia..un argomento diventa più volte oggetto di proposte-riforme-riforme della riforma..creando confusione ed incertezza del diritto e quindi dei costi ulteriori per la programmazione fiscale delle imprese. La Dit introdotta nel 1997 è stata definitivamente abrograta nel 2003...e le imprese che avevano investito contando di ottenere ,grazie alla dit, una tassazione agevolata sul reddito ottenuto grazie al nuovo investimento? Il vero problema italiano è un altro: per le campagne elettorali fa sempre comodo avere come punto del programma la riduzione della pressione fiscale per poi realizzare una parte di quel punto con una mano, e riprendersi quanto appena concesso con l'altra mano; ad esempio nel 2007 i minori introiti derivanti dalla riduzione dell' IRES dal 33% al 27,5% sono stati compensati dall'allargamento della base imponibile...ma per molti di noi quale è stato il messaggio pervenuto ? Che il governo ha ridotto di alcuni punti la tassazione del reddito d' impresa!
Le imprese italiane forti un tempo della loro piccola e flessibile dimensione oggi fanno fatica a sopravvivere, il Governo Tecnico del 2011 ha inserito nel Decreto salva-Italia una misura detta ACE e che riprende la vecchia Dit, è solo un piccolo segno..c'è ancora tanto da rivedere..in primis l'etica con cui agiscono coloro che gestiscono quanto appartiene alla collettività!

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione “ Fiscalità delle imprese e programmazione fiscale “ pone la sua attenzione sul contribuente “ impresa” chiamato ad affrontare le sfide della globalizzazione, della concorrenza e dell’internazionalizzazione, e a controllare il proprio stato di salute attraverso il monitoraggio del contributo delle diverse aree della gestione aziendale e contabile alla formazione del reddito netto d’esercizio. Il reddito netto d’esercizio deve remunerare i fattori produttivi che hanno contribuito al suo conseguimento; fra questi vi è il fattore “Stato” remunerato mediante il versamento delle imposte. Tra le aree contabili che contribuiscono alla formazione del reddito netto, l’area della gestione fiscale riporta le imposte dovute sul reddito lordo prodotto dall’impresa. I temi - pressione fiscale sull’impresa, equità-efficienza ed effetti distorsivi delle imposte - hanno alimentato numerose discussioni, leggi, riforme, abrogazioni con un evidente risultato finale; confusione ed incertezza del diritto italiano. In questo lavoro si discuterà della “Tassazione duale del reddito d’impresa” ( DIT ); un esempio rappresentativo dell’impegno a favore della crescita delle imprese trasformatosi poi in uno dei tanti casi di storica inefficienza delle imposte e dell’incertezza del diritto che sottopongono a dura prova il sistema delle imprese italiane la cui crescita è ostacolata da cause interne ed esterne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

efficienza
equità
dit
debito pubblico
roe
indebitamento
irpef
art. 53 costituzione
einaudi
ires
sottocapitalizzazione
smith
tremonti bis
pressione fiscale
equilibrio finanziario
roc
tassazione duale
tassazione reddito d'impresa
sistema imprese italiane
certezza del diritto
scelte finanziamento
nanismo dimensionale
d.lg 466/97
d. lg344/03

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi