Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Essere ''badanti'' in Alta Valmarecchia. La migrazione femminile tra speranze, opportunità e vulnerabilità sociale

Il presente lavoro di tesi si propone indagare il fenomeno delle donne straniere che svolgono un particolare lavoro di cura, quello delle “badanti”, nel contesto territoriale dell’Alta Valmarecchia, in provincia di Rimini.
Si tratta di un fenomeno relativamente nuovo, che è emerso in Italia per far fronte all’aumento di soggetti anziani soli e bisognosi di assistenza ed all’insufficienza del nostro sistema di Welfare (pubblico e privato) nell’offrire risposte soddisfacenti ed efficaci ai bisogni di cura e di assistenza. La donna migrante che si dedica al lavoro di assistenza dell’anziano è portatrice di una doppia fragilità, quella dell’essere “donna” e soggetto migrante allo stesso tempo: tale doppia vulnerabilità viene studiata, alla luce dei contributi teorici di Robert Castel e di Amartya Sen, come condizione dinamica caratterizzata da un deficit di possibilità per accedere ad una piena autorealizzazione ed integrazione sociale.
La prima parte della tesi affronta un’analisi teorica dei fenomeni di esclusione sociale, désaffiliation e vulnerabilità e della crescente femminilizzazione del lavoro. Si affronta inoltre l’analisi del fenomeno del progressivo invecchiamento della popolazione in Italia e l’emergenza del bisogno di cura ed un excursus sul fenomeno dell’immigrazione, specialmente femminile, in Italia. Infine, vengono esposti i risultati di una ricerca qualitativa di sfondo condotta su un insieme di riferimento empirico di 20 donne che svolgono il lavoro di badante in Alta Valmarecchia, volta ad indagare le dimensioni di vulnerabilità economica, relazionale, culturale, spaziale ed istituzionale.

Metodologia seguita: analisi della letteratura esistente (libri e siti web); preparazione e somministrazione di interviste semi-strutturate, con analisi dei contenuti ed interpretazione dei risultati.

Principali risultati raggiunti: le donne straniere che svolgono il lavoro di badante, pur non essendo “oggettivamente” povere e non vivendo una situazione di esclusione economica, tuttavia non sono integrate a pieno titolo nel contesto sociale in cui si trovano a vivere e lavorare per un deficit di risorse culturali e relazionali da convertire efficacemente in funzionamenti. Emerge una forte divaricazione tra cittadinanza economica, intesa come accettazione nel sistema produttivo, e cittadinanza sociale, ossia la partecipazione al sistema dei diritti sociali: la cittadinanza economica acquisita stenta a tradursi in cittadinanza sociale. L’ipotesi di partenza di una doppia forma di vulnerabilità legata all’essere donna e migrante allo stesso tempo viene rafforzata dall’elaborazione delle interviste. Il forte peso del pregiudizio e dello stereotipo culturale e di genere va ad alimentare i fenomeni della segregazione occupazionale e la specializzazione etnica: nella società del rischio e dell’incertezza, le badanti appaiono predestinate a svolgere ruoli socialmente subordinati, in condizioni di qualità del lavoro peggiori rispetto a quelle dei residenti autoctoni, con processi di mobilità lavorativa e quindi sociale quasi assenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione. Il presente lavoro di tesi si propone di indagare il fenomeno delle donne straniere che svolgono un particolare lavoro di cura, quello delle “badanti”, nel contesto territoriale in cui vivo, e cioè l‟Alta Valmarecchia. Si tratta di un fenomeno relativamente nuovo, che è emerso negli ultimi decenni in Italia per far fronte all‟aumento di soggetti anziani soli e bisognosi di assistenza ed all‟insufficienza del nostro sistema di Welfare (pubblico e privato) nell‟offrire risposte soddisfacenti ed efficaci ai bisogni di cura e di assistenza. La fragilità fisio-psichica, economica e relazionale della condizione anziana oggi si incontra con un‟altra area di vulnerabilità a più dimensioni: quella della donna migrante. La donna migrante che si dedica ad un particolare lavoro, domestico e di cura, è portatrice di una doppia fragilità, quella dell‟essere “donna” e soggetto migrante allo stesso tempo: tale doppia fragilità che ha mosso il mio interesse di donna e studente sarà il leit motiv del mio lavoro. Il fenomeno dell‟immigrazione straniera è terreno di scontro tra rappresentazioni sociali e processi effettivi, tra percezioni diffuse e dati di fatto, tra apparenti evidenze e complessità dei fattori in gioco ed è suscettibile di produrre stereotipi, miti, dicerie e paure collettive. 1 All‟interno di questo fenomeno così complesso, che per lungo tempo è stato caratterizzato dalla figura maschile, si afferma una dimensione tutta femminile, al pari dell‟accentuata importanza della femminilizzazione del lavoro nel contesto del nostro mercato post-fordista. Si tratta di donne umili e coraggiose che spesso lasciano le loro famiglie in patria per svolgere nel nostro Paese un mestiere che le italiane, alle prese con il gravoso onere della doppia presenza 2 nella famiglia e nel lavoro, non vogliono e non possono più svolgere; eroine silenziose che si dedicano a sacrifici quotidiani e figure di riferimento per i nostri anziani e che non hanno una rilevante visibilità sociale in quanto i mass media pubblicizzano sovente l‟immagine negativa dello straniero “sporco, ostile e delinquente”, incapace di integrarsi a pieno titolo nella società. 1 Cfr. Ambrosini M., Utili invasori, Angeli, Milano, 1999, pag. 11. 2 Cfr. Balbo L., La doppia presenza, in “Inchiesta”, VI (1978), pag. 32.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giorgia Molari Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1578 click dal 13/02/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.