Skip to content

Occupazione e Over 40: le implicazioni psicosociali

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Mengoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Giuseppina Speltini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

Questo lavoro nasce da un vissuto personale, in quanto quarantenne che in un momento di crisi lavorativa, non trovando lavoro, ha deciso di iscriversi all'università come investimento per i prossimi venti anni; ne è seguita la percezione di non essere l'unica ad avere la sensazione che ci fosse qualcosa di anomalo nel mercato del lavoro attuale, che porta tendenzialmente ad escludere i quarantenni e oltre dalla maggior parte di possibilità lavorative: in qualunque ambito si parli di lavoro, si parla solo di giovani.
La riflessione che ne è derivata, grazie anche agli approfondimenti che gli studi universitari mi hanno dato la possibilità di fare, ha riguardato l'ipotesi di un bisogno ancora inesplorato, che sembra emergere a livello sociale, e ha voluto tradursi in una breve ricerca ed analisi della situazione attuale.
Perché occuparsi dei lavoratori quarantenni, anzi Over 40, e del loro rapporto col mondo del lavoro? Per quale motivo? Visto che non se ne parla, probabilmente il problema non sussiste. O forse proprio il fatto che qualcuno cominci a manifestare apertamente un disagio indica che siamo in presenza di un fenomeno che sta nascendo e che è semplicemente trascurato dagli osservatori ufficiali perché ancora mancano i grandi numeri e non è di moda.
Il momento storico che stiamo vivendo è caratterizzato da una rivisitazione del mondo del lavoro e delle politiche ad esso inerenti: la crisi, la precarietà, il welfare, tutto sembra stia subendo un terremoto tale da rimettere in discussione principi e normative sulle quali è costruita la società che conosciamo. Questo è risaputo e si stanno facendo fior fiore di dibattiti, studi, analisi, ricerche su come risolvere questioni riguardanti categorie di individui con caratteristiche e problematiche comuni come, ad esempio, le donne, i giovani, i pensionati o chi alla pensione ci dovrà arrivare, insomma tutto ciò che può riguardare le pari opportunità.
Accantonando per questa volta la distinzione fra uomini e donne, cosa intendiamo per giovani? Cosa per adulti? Se i giovani, una volta chiarito il concetto, hanno determinate problematiche e necessità e gli anziani anche, che fine ha fatto la fascia di esseri umani che sta nel mezzo? Se essere non più giovani e non ancora anziani porta ad ipotizzare nuove politiche del welfare, perché non vengono prese in considerazione le relative politiche del lavoro? Se per i primi il problema è l'inserimento nel mondo del lavoro e per i secondi l'uscita da esso con il relativo pensionamento, quali sono le difficoltà per la cosiddetta "fascia di mezzo"? Non stiamo parlando delle chiusure aziendali causate dalla crisi, che coinvolgono in blocco tutti i lavoratori indipendentemente da età, sesso, formazione o anzianità aziendale, ma di come si sta evolvendo l'identità lavorativa di un Over 40 in quanto tale.
L'intenzione di questa esposizione è quella di fornire le basi per una riflessione, partendo da una panoramica sulla situazione attuale e sulle cause che possono aver portato a questo disagio, considerando poi i fattori psicologici che entrano in gioco e quali strumenti, individuali e non, possano essere utili per affrontare e superare le difficoltà legate a tale problematica, ed infine proporre una riflessione sulla formazione per tutta la vita e portare esempi di come un movimento partito dalla base stia cominciando a manifestarsi. L'approccio è di tipo qualitativo poiché non esistono ancora abbastanza dati o ricerche specifiche al riguardo, la bibliografia specializzata è scarsa e quindi ho scelto di approfondire l'argomento utilizzando le cognizioni acquisite attraverso gli studi universitari, integrando il materiale con la raccolta di informazioni sul campo, articoli, fonti web e testimonianze.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Lo stato dell’arte E’ un dato di fatto che stiamo vivendo in una società che inneggia alla giovinezza attraverso i mass media, la pubblicità, prodotti per la bellezza e per la salute. Anche la medicina e le migliori condizioni di vita acquisite progressivamente fanno sì che si invecchi più lentamente, meglio, e si viva più a lungo. Innumerevoli sono i trattati, gli studi, i dati sull’invecchiamento progressivo della nostra società e sulle conseguenze socioeconomiche che questo fenomeno sta causando. Si parla e si studia di tutto, dai problemi dell’educazione dei bambini a come fare sì che gli anziani, quelli veri, quelli che a ragion veduta si può dire che abbiano una “certa età” e specifiche esigenze ad essa legate, possano sentirsi utili alla società o quanto meno non abbandonati da essa. In realtà stiamo assistendo ad un processo di svecchiamento delle società, proprio perché vivendo meglio e più a lungo le potenzialità stanno aumentando. Come ha osservato Norberto Bobbio (1996) la soglia della vecchiaia si è spostata di circa un ventennio quindi la vecchiaia non burocratica ma psicologica comincia quando ci si approssima agli “ottanta”. Di conseguenza discipline quali l’andragogia, ovvero l’educazione degli adulti, e la psicologia del ciclo di vita (Hendry e Kloep, 2008) si stanno rivelando più che mai attuali e centrali nell’affrontare un’epoca di continui cambiamenti e con un sempre maggior invecchiamento anagrafico della popolazione. Ma anche il fenomeno dell’ageism, che verrà approfondito più avanti, sembra diffondersi sempre di più e radicarsi profondamente nel nostro tessuto socio-culturale. In questo specifico ambito a noi interessa approfondire il concetto di gioventù e vecchiaia in ambito lavorativo. A che punto siamo? Proviamo a riassumere alcuni concetti principali. 1.1 Le politiche attive 1.1.1 I giovani Nel campo imprenditoriale o manageriale gli individui vengono definiti giovani fino a 40 anni. Ad essi lo Stato, le Regioni, le Province e anche i Comuni 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disoccupazione
lifelong learning
over 40
lavoratori maturi
formazione adulti
psicologia lavoro
andragogia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi