Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto dei principi contabili IAS/IFRS sulle performance aziendali: i casi Ducati Motor Holding S.p.A. e Sabaf S.p.A.

Il presente lavoro si prefigge di analizzare le problematiche riguardanti l’impatto dei principi contabili internazionali IAS/IFRS sulle performance aziendali misurate attraverso indicatori economico-finanziari.
A seguito delle innovazioni derivanti dal processo di armonizzazione contabile attuato dall’Unione Europea mediante l’introduzione dei principi contabili internazionali emanati dallo IASB, la concezione di reddito e di patrimonio, da alcuni punti di vista, si discosta in maniera sostanziale da quella dei principi contabili nazionali. Un bilancio IASB si trova pertanto a divergere da un bilancio OIC a causa di possibili differenze nei criteri di inclusione o esclusione di alcune poste di bilancio, nelle diverse modalità di collocazione degli elementi patrimoniali e reddituali all’interno degli schemi, nonché nei criteri di valutazione. Dal momento che la considerazione delle grandezze economico-patrimoniali e degli equilibri emergenti nel bilancio inevitabilmente influenza il comportamento degli stakeholders, questi effetti contabili assumono un valore strategico.
In particolare, col fine di favorire l’apporto di capitali alle aziende, anche da parte di investitori stranieri, i principi contabili IAS/IFRS prediligono un concetto di capitale corrente e un concetto di reddito potenziale, che include alcuni componenti, positivi o negativi, effettivamente realizzati e altri potenzialmente realizzabili. Ciò dovrebbe permettere agli investitori di vedersi riconoscere da subito tutti i profitti maturati lungo la durata del proprio investimento e anche di disporre di informazioni più significative per l’apprezzamento del valore economico dell’investimento stesso.
Per quanto riguarda la struttura del lavoro, il primo capitolo è dedicato all’armonizzazione contabile in atto a livello internazionale, con riferimento particolare all’UE e all’Italia. Il secondo capitolo tratta le principali caratteristiche, in termini di postulati, del bilancio d’esercizio IAS/IFRS. Nel terzo capitolo viene descritto, a larghe linee, il ruolo e il funzionamento delle analisi di bilancio, nonché le peculiarità derivanti dall’impatto degli IAS/IFRS sulle performance misurate dagli indicatori economici-finanziari. Infine, nel quarto capitolo viene sviluppata l’analisi per indici sui bilanci individuali d’esercizio (2004) di Ducati Motor Holding S.p.A. e Sabaf S.p.A.. I due bilanci infatti, essendo stati redatti sia secondi i principi contabili nazionali OIC, sia secondo gli IAS/IFRS, permettono di comprendere la misura dell’impatto del processo di armonizzazione contabile sulla performance aziendale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il presente lavoro si prefigge di analizzare le problematiche riguardanti l’impatto dei principi contabili internazionali IAS/IFRS sulle performance aziendali misurate attra- verso indicatori economico-finanziari. A seguito delle innovazioni derivanti dal processo di armonizzazione contabile at- tuato dall’Unione Europea mediante l’introduzione dei principi contabili internazionali emanati dallo IASB, la concezione di reddito e di patrimonio, da alcuni punti di vista, si discosta in maniera sostanziale da quella dei principi contabili nazionali. Un bilancio IASB si trova pertanto a divergere da un bilancio OIC a causa di possibili differenze nei criteri di inclusione o esclusione di alcune poste di bilancio, nelle diverse modalità di collocazione degli elementi patrimoniali e reddituali all’interno degli schemi, nonché nei criteri di valutazione. Dal momento che la considerazione delle grandezze economico-patrimoniali e degli equilibri emergenti nel bilancio inevitabilmente influenza il comportamento degli stakeholders, questi effetti contabili assumono un valore strategico. In particolare, col fine di favorire l’apporto di capitali alle aziende, anche da parte di investitori stranieri, i principi contabili IAS/IFRS prediligono un concetto di capitale corrente e un concetto di reddito potenziale, che include alcuni componenti, positivi o negativi, effettivamente realizzati e altri potenzialmente realizzabili. Ciò dovrebbe permet- tere agli investitori di vedersi riconoscere da subito tutti i profitti maturati lungo la durata del proprio investimento e anche di disporre di informazioni più significative per l’apprezzamento del valore economico dell’investimento stesso. Per quanto riguarda la struttura del lavoro, il primo capitolo è dedicato all’armonizzazione contabile in atto a livello internazionale, con riferimento particolare all’UE e all’Italia. Il secondo capitolo tratta le principali caratteristiche, in termini di postulati, del bilancio d’esercizio IAS/IFRS. Nel terzo capitolo viene descritto, a larghe linee, il ruolo e il funzionamento delle analisi di bilancio, nonché le peculiarità derivanti dall’impatto degli IAS/IFRS sulle performance misurate dagli indicatori economici- finanziari. Infine, nel quarto capitolo viene sviluppata l’analisi per indici sui bilanci indivi- duali d’esercizio (2004) di Ducati Motor Holding S.p.A. e Sabaf S.p.A.. I due bilanci infatti, essendo stati redatti sia secondi i principi contabili nazionali OIC, sia secondo gli IAS/IFRS, permettono di comprendere la misura dell’impatto del processo di armonizza- zione contabile sulla performance aziendale.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Lelli Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2841 click dal 21/02/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.