Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La stimolazione magnetica transcranica applicata allo studio e alla riabilitazione della malattia di Alzheimer

La stimolazione magnetica transcranica (TMS) è una tecnica per la stimolazione non invasiva del cervello. Essa sfrutta l’induzione di campi magnetici per attivare la corteccia cerebrale. La Tms, per le sue caratteristiche tecniche, è considerata all’interno del mondo scientifico uno strumento di grande interesse per indagare il funzionamento del sistema nervoso (Bricolo et al, 2010).
L’obiettivo che ci si propone in questa tesi è quello di evidenziare le possibilità riabilitative, oltre che conoscitive e diagnostiche, aperte dall’utilizzo della TMS su pazienti affetti dalla Malattia di Alzheimer (AD, Alzheimer Disease). Infatti, numerose ricerche sostengono che la TMS possa favorire la riabilitazione dei pazienti AD.
Nella presente tesi inizialmente sono descritte le manifestazioni cliniche, il decorso naturale dell’AD e il percorso diagnostico in uso per rilevare la presenza della patologia. Successivamente sono passate in rassegna le principali acquisizioni scientifiche sulla malattia, come le ipotesi eziologiche più accreditate e i meccanismi patogenetici sottostanti all’esordio e alla progressione dei sintomi dell’AD.
Nella seconda parte della tesi si descrivono le caratteristiche, le funzioni e le applicazioni della TMS. Infine si discutono le possibilità aperte dall’uso della TMS sull’AD. Infatti, la TMS è uno strumento sempre più utilizzato, poiché, consente lo studio e l’indagine delle alterazioni del sistema nervoso in vivo ed in modo non invasivo (Bonfiglioli e Castiello, 2005).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La stimolazione magnetica transcranica (TMS) è una tecnica per la stimolazione non invasiva del cervello. Essa sfrutta l’induzione di campi magnetici per attivare la corteccia cerebrale. La Tms, per le sue caratteristiche tecniche, è considerata all’interno del mondo scientifico uno strumento di grande interesse per indagare il funzionamento del sistema nervoso (Bricolo et al, 2010). L’obiettivo che ci si propone in questa tesi è quello di evidenziare le possibilità riabilitative, oltre che conoscitive e diagnostiche, aperte dall’utilizzo della TMS su pazienti affetti dalla Malattia di Alzheimer (AD, Alzheimer Disease). Infatti, numerose ricerche sostengono che la TMS possa favorire la riabilitazione dei pazienti AD. L’AD è una patologia neurodegenerativa primaria, progressiva ed irreversibile; di cui ancora non si conoscono completamente le cause e i meccanismi patogenetici (Castellani et al, 2010). Quello che è certo è che la sua diffusione è aumentata notevolmente negli ultimi decenni e il costo per il trattamento/gestione dei malati AD ha un impatto notevole sia a livello sociale sia individuale (St George Hyslop, 2000). Ragion per cui è sempre più urgente la ricerca di soluzioni terapeutiche risolutive o che almeno migliorino la sintomatologia dei malati.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Ilenia Stincone Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2609 click dal 19/03/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.