Skip to content

Populismo e democrazia: ricognizione di un nesso problematico

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Mazzucchelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Giancarlo Minaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

A partire dalla seconda metà del '900 molte democrazie europee hanno visto sorgere nuovi movimenti o partiti politici che vennero ben presto qualificati come "populisti". Tale ridenominazione fa riferimento principalmente alla particolarità di tali partiti di posizionare il "popolo" al centro dei propri appelli e discorsi. Il popolo viene infatti considerato, da parte dei partiti populisti, l'unica fonte di legittimazione politica. L'orientamento anti-elites o anti-politico e la presenza di una forte leadership sono gli altri elementi che, generalmente, contraddistinguono il movimento populista. La storia ha conosciuto diverse forme e diversi casi di populismo. I primi esempi vengono generalmente ricondotti ai movimenti sviluppatisi in Russia (narodniki) e negli Stati Uniti (People's Party) intorno alla seconda metà del XIX secolo. In Europa il primo movimento populista si sviluppò in Francia, con il cosiddetto "poujadismo". Altri esempi - tra i più influenti - di leader politici populisti (europei e non) sono: Jean-Marie Le Pen (sempre in Francia), Jorg Haider (Austria), Silvio Berlusconi e Umberto Bossi (Italia), Juan Domingo Peròn (Argentina), Getulio Vargas (Brasile), Ross Perot (Stati Uniti), Hugo Chavez (Venezuela).
La parte centrale della mia tesi verterà sul rapporto tra il populismo e la democrazia. Il nesso tra i due concetti risulta alquanto problematico e delicato. Entrambi si presentano, infatti, come “il governo del popolo, per il popolo e da parte del popolo”. L’importanza che il populismo attribuisce al popolo ci potrebbe indurre addirittura a considerarlo come uno dei movimenti democratici per eccellenza, tuttavia i leader dei partiti populisti risultano essere, il più delle volte, come astuti demagoghi carismatici che, utilizzando svariati appelli in difesa del “popolo”, puntano, in realtà, al raggiungimento di obiettivi (economici e/o politici) esclusivamente personali. Il contrasto tra populismo e democrazia è principalmente dovuto alle differenti aspirazioni dei populisti (che mirano ad un mutamento del sistema democratico rappresentativo a favore di una democrazia diretta, in modo tale da attribuire un’importanza fondamentale alla sovranità popolare) rispetto a quelle dei “democratici” che, al contrario, temono una deriva populista che potrebbe portare ad una “tirannia del popolo”.
La terza parte del mio elaborato è, infine, interamente dedicata all’analisi e al confronto delle politiche di due dei principali esempi di leader populisti europei: Jean-Marie Le Pen in Francia e Silvio Berlusconi in Italia. Verranno ripercorse le carriere dei due leader politici, ponendo maggiore attenzione, anche grazie ad una breve ricognizione del loro linguaggio, sugli elementi populisti in comune, nonché sulle significative differenze che intercorrono tra i due tipi di populismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE “Il naso della plebaglia è la sua immaginazione, chi la prende per questo naso può portarla dove vuole” Edgar Allan Poe Il fenomeno del populismo ha sempre rappresentato per la scienza politica un argomento di difficile trattazione. Le difficoltà derivano anzitutto da una concettualizzazione a dir poco problematica, essendo assai arduo circoscrivere un ambito definitorio che possa descriverne al meglio le caratteristiche e gli elementi più caratterizzanti. La vaghezza del termine ha così spinto ad accostare il populismo a diversi contesti e a diverse discipline, determinando, di conseguenza, un utilizzo poco chiaro dello stesso concetto. La sovrautilizzazione del termine ha, dunque, aumentato le difficoltà di chiarire il suo esatto contenuto. Per far fronte a queste problematiche concettuali, la scienza politica ha progressivamente delimitato il campo d’analisi attraverso un processo di individuazione spazio-temporale, riferendo sempre più spesso il termine “populismo” ad un gruppo di partiti che, in particolar modo a partire dalla seconda metà del Novecento, si sono sviluppati prevalentemente in Europa. La particolarità di tali partiti, che giustifica la ridenominazione di “populisti”, è da ricercare nella loro tendenza e prerogativa di posizionare il popolo al centro dei propri appelli e discorsi. Nasce, a questo punto, la necessità di definire e delineare il concetto di popolo per i populisti. Il riferimento al popolo, nei discorsi populisti, può avere un duplice aspetto: il popolo può essere considerato in quanto demos, ovvero come l’insieme di tutti i comuni cittadini, oppure come ethnos, quando ci riferiamo al popolo-nazione, cioè al popolo inteso come identità nazionale. Nel primo caso (popolo come demos) siamo di fronte ad una

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fascismo
partiti politici
comunicazione politica
demagogia
populismo
televisione
immigrazione
democrazia
nazionalismo
autoritarismo
partecipazione politica
lega nord
linguaggio politico
carisma
silvio berlusconi
discorsi politici
umberto bossi
juan domingo peron
leader politici
jean marie le pen
fenomeno populista
astensionismo elettorale
max weber
antipolitica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi