Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partecipazione dei lavoratori alla gestione dell'azienda

L’obiettivo principale di questa tesi è studiare l’attuale disciplina italiana sulla partecipazione dei lavoratori all'azienda. Il lavoro si è sviluppato seguendo un percorso storico-logico. Storico, perché nel primo capitolo - L’introduzione nell’ordinamento italiano della partecipazione dei lavoratori all’impresa -, si è cercato di ripercorrere le prime esperienze di partecipazione dei lavoratori all’impresa in Italia, nonché i primi tentativi del legislatore italiano di legiferare sul tema in esame, tentativi, che, sebbene non si sono tradotti in vere e proprie leggi, sono comunque sfociati nell’introduzione del principio partecipativo nell’art. 46 della Costituzione del 1948.
Dall’introduzione di quest’ultimo principio (Istituto) nella carta costituzionale, il legislatore italiano – a differenza di altri paesi europei – non ha mai attuato una legge organica e sistematica sulla partecipazione dei lavoratori all’azienda. Le norme che oggi disciplinano la partecipazione in Italia sono, infatti, poche, sporadiche, ma soprattutto di derivazione comunitaria. Queste ultime norme, in particolare quelle che si occupano della partecipazione dei lavoratori alle decisioni aziendali, sono state analizzate nel secondo capitolo - La partecipazione dei lavoratori alla gestione delle imprese nell’ordinamento italiano – mentre quelle che disciplinano (nella maggioranza sono norme del codice civile che fanno capo al diritto societario) la partecipazione finanziaria dei lavoratori sono state analizzate nel terzo capitolo intitolato “la partecipazione finanziaria dei lavoratori nella legislazione italiana”.

Nell’ultimo capitolo - Verso una via italiana alla partecipazione dei lavoratori nell’impresa? –, dopo aver fatto un cenno sulla specificità degli ordinamenti giuridici di altri paesi europei circa la disciplina della partecipazione dei lavoratori all’impresa (in particolare la Francia e la Germania), si è cercato di analizzare i vari progetti di legge presentati – nell’attuale legislatura - in parlamento con lo scopo di dotare l’Italia di una legge organica sulla partecipazione dei lavoratori all’impresa.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’obiettivo principale di questa tesi è studiare l’attuale disciplina italiana sulla partecipazione dei lavoratori all’azienda. Il lavoro si è sviluppato seguendo un percorso storico-logico. Storico, perchØ nel primo capitolo - L’introduzione nell’ordinamento italiano della partecipazione dei lavoratori all’impresa -, si è cercato di ripercorrere le prime esperienze di partecipazione dei lavoratori all’impresa in Italia, nonchØ i primi tentativi del legislatore italiano di legiferare sul tema in esame, tentativi, che, sebbene non si sono tradotti in vere e proprie leggi, sono comunque sfociati nell’introduzione del principio partecipativo nell’art. 46 della Costituzione del 1948. Dall’introduzione di quest’ultimo principio (Istituto) nella carta costituzionale, il legislatore italiano – a differenza di altri paesi europei – non ha mai attuato una legge organica e sistematica sulla partecipazione dei lavoratori all’azienda. Le norme che oggi disciplinano la partecipazione in Italia sono, infatti, poche, sporadiche, ma soprattutto di derivazione comunitaria. Queste ultime norme, in particolare quelle che si occupano della partecipazione dei lavoratori alle decisioni aziendali, sono state analizzate nel secondo capitolo - La partecipazione dei lavoratori alla gestione delle imprese nell’ordinamento italiano – mentre quelle che disciplinano (nella maggioranza sono norme del codice civile che fanno capo al diritto societario) la partecipazione finanziaria dei lavoratori sono state analizzate nel terzo capitolo intitolato “la partecipazione finanziaria dei lavoratori nella legislazione italiana”. Nell’ultimo capitolo - Verso una via italiana alla partecipazione dei lavoratori nell’impresa? –, dopo aver fatto un cenno sulla specificità degli ordinamenti giuridici di altri paesi europei circa la disciplina della partecipazione dei lavoratori all’impresa (in particolare la Francia e la Germania), si è cercato di analizzare i vari progetti di legge presentati – nell’attuale legislatura - in parlamento con lo scopo di dotare l’Italia di una legge organica sulla partecipazione dei lavoratori all’impresa.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Mambulu Ekutsu Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1489 click dal 29/03/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.