Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di internazionalizzazione di una PMI. Il caso Bawer SpA.

L’internazionalizzazione della Piccola e Media impresa (PMI) è un processo articolato in più fasi, che parte dallo studio delle potenzialità intrinseche all’impresa e prosegue con la ricerca degli strumenti d’ausilio, fino alla definizione del percorso strategico più idoneo al profilo strutturale.
Il presente lavoro di ricerca si propone di individuare le fasi di avvio di tale processo per poi definire le tecniche maggiormente utilizzate dalle imprese di piccole e medie dimensioni, utili all’inserimento nel contesto internazionale ed al consolidamento della propria presenza.
Il primo capitolo si dedica all’analisi del profilo strutturale di una PMI, così come definito dalla normativa comunitaria ed in base al modello organizzativo adottato, analizza le motivazioni che spingono all’internazionalizzazione, gli strumenti di intervento predisposti dalle istituzioni, sia pubbliche che private, e le strategie di entrata che la ridotta dimensione consente di attivare.
Il secondo capitolo incentra lo studio sugli aspetti tipici del mercato estero, come quello valutario e della definizione dei termini contrattuali, relativamente ad un impresa che si è già affacciata al mercato estero ed ha creato le prime occasioni di contatto con i partner internazionali e gli stakeholder. Si considerano, infine, le possibili strategie di insediamento produttivo all’estero per un’impresa che intende sfruttare il proprio potenziale di crescita ed acquisire quote maggiori di mercato.
Il terzo capitolo analizza il percorso evolutivo della BAWER S.p.A., PMI del mezzogiorno che è riuscita nel giro di un decennio, tra ambizioni e difficoltà, ad ottenere un successo non indifferente su scala globale, superando la crisi che ha investito l’economia mondiale negli ultimi anni ed affermandosi in diversi settori di mercato con la vendita di prodotti che utilizzano l’acciaio come materia prima.
Entrare in un mercato internazionale è talvolta necessario per poter sopravvivere alla concorrenza aggressiva tipica dell’attuale economia globale. Per un’impresa diviene dunque indispensabile attuare mirate politiche strategiche di investimento che consentano di creare un valore aggiunto e di mettersi al riparo dalle fluttuazioni del mercato.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 Le PMI verso il mercato globale 1.1 PMI e spinte all’internazionalizzazione Negli ultimi anni lo scenario economico mondiale è mutato rapidamente. Con l’avvento della globalizzazione la concorrenza si è fatta più spietata, tanto da spingere le singole imprese a compiere il passo obbligato verso l’internazionalizzazione degli investimenti. “In passato, gli imprenditori si sono chiesti se potevano permettersi di espandersi all'estero; ora, gli imprenditori dovrebbero porsi la domanda inversa: posso permettermi di non espandermi all'estero?” 1 . A ragione della scelta di espansione internazionale intervengono due tipi di motivazioni 2 : • reattive, ossia di spinta alla ricerca di condizioni di mercato più favorevoli, particolarmente in situazioni di saturazione del mercato d’origine; • proattive, ossia motivazioni che inducono le imprese a ricercare attivamente le opportunità di sviluppo che un mercato presenta. 1 F. Tenger, "PMI: espansione all'estero?" (2008), www.kmu.admin.ch (Portale PMI della Segreteria di Stato dell’economia SECO - Confederazione Svizzera). 2 G. Aiello, “L’internazionalizzazione delle imprese del dettaglio” (Franco Angeli, 2006), pag. 66.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Massari Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8282 click dal 10/04/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.