Skip to content

La sindrome di Asperger al cinema. Analisi di tre film.

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Chierici
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Chiara Tognolotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

La volontà di elaborare una tesi sulla Sindrome di Asperger nasce da un mio profondo interesse ad approfondire questa patologia. Il punto di vista adottato per affrontare questo argomento è stato quello cinematografico, che mi ha permesso di ricostruire, passo dopo passo, i molteplici aspetti che l’essere una persona considerata diversa comporta e di mostrare come è necessario privilegiare il senso della persona, come singolarità di problemi che possono e devono essere affrontati costruttivamente.
L’idea di raccontare queste sindromi attraverso il cinema nasce, quindi, dalla convinzione che questa particolare forma di arte permetta a ciascuno di noi di mettere in discussione la nostra visione del mondo: il cinema è in grado, in altre parole, di allargare il nostro sguardo, di farci comprendere come esistano altri possibili orizzonti di senso. La visione di un film è una straordinaria occasione di apertura al mondo e un grande stimolo all’autoriflessione, al riconoscimento di sogni ed emozioni che accompagnano la vita.
La chiave di lettura per poter giungere a questa considerazione sarà l’analisi di tre film: Mary and Max, Ben X e Il mio nome è Khan. Nel fare ciò ho cercato di trattare sia l’aspetto scientifico della patologia, sia l’aspetto umano: le storie di vita di Max, Ben e Rizvan sono ricche di spunti che consentono di allargare la visione che, generalmente, si ha sullo spettro autistico.
Nel primo capitolo si prenderanno in esame i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo, con particolare riferimento alla Sindrome Autistica e alla Sindrome di Asperger.
Nel secondo capitolo verranno analizzati singolarmente i tre film sopra citati facendo emergere somiglianze e differenze tra le storie che ci vengono raccontate.
In particolare, in Mary and Max dopo una breve introduzione volta a illustrare la rappresentazione dei disabili nei cartoni animati e nei mass-media in generale, si analizzeranno le caratteristiche personali dei due protagonisti; ci si soffermerà sulle caratteristiche della sindrome di Asperger in Max e su come la diversità del protagonista venga presentata dal regista, sul rapporto esistente tra disabilità ed autobiografia e, infine, sul significato educativo che possiede questo film animato.
Per quanto concerne l’analisi di Ben X, essa avverrà seguendo lo stesso stile già usato in Mary and Max. I motivi che mi hanno spinta a scegliere di analizzare questo film sono molteplici: esso permette di analizzare non solo la sindrome di Asperger, ma anche il rapporto esistente tra handicap e società: nell’approfondire questa tematica, si terrà conto di come il concetto di disabilità sia legato ai processi rappresentazionali che si formano all’interno dell’immaginario collettivo in un determinato momento storico. In virtù di ciò si farà riferimento a come, nel corso del tempo, queste rappresentazioni collettive si sono sviluppate, dando poi forma agli atteggiamenti umani e alle risposte istituzionali verso i disabili. Infine, verranno analizzati due aspetti: l’adolescenza e la costruzione dell’identità e il fenomeno del bullismo di cui è vittima il protagonista.
Con Il mio nome è Khan la riflessione verrà estesa non soltanto alla sindrome di Asperger ma anche alla diversità in senso lato. L’analisi di questo film mi permetterà, infatti, di dimostrare come l’esperienza negativa vissuta dal protagonista non può essere ricondotta alla sindrome di Asperger, ma al credo religioso del protagonista. In particolare, questo film mi ha permesso di analizzare una categoria concettuale che si pone alla base della concezione che spesso si ha nei confronti della diversità: il pregiudizio. In merito a ciò ho fatto riferimento sia all’evoluzione del termine sia ai vari approcci che hanno tentato di spiegarlo e di consideralo come frutto di un processo di apprendimento, che in quanto tale può essere modificato o annullato. Nel trattare questa tematica, infine, si seguiranno i recenti approcci che, oggi, tendono a porre al centro di ogni riflessione non più i problemi della persona disabile, ma i suoi “bisogni di normalità”, prendendo in considerazione, dunque, non tanto le parti malate o deficitarie del soggetto disabile, quanto piuttosto le parti sane o potenzialmente tali. Ciò perché ritengo che questa rappresentazione della persona disabile richiami una prospettiva antropologica, nella quale l’essere umano è riconosciuto come portatore di bisogni, di desideri, di idee, ma anche di paure, di fragilità e di limiti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La volontà di elaborare una tesi sulla Sindrome di Asperger nasce da un mio profondo interesse ad approfondire questa patologia. Il punto di vista adottato per affrontare questo argomento è stato quello cinematografico, che mi ha permesso di ricostruire, passo dopo passo, i molteplici aspetti che l’essere una persona considerata diversa comporta e di mostrare come è necessario privilegiare il senso della persona, come singolarità di problemi che possono e devono essere affrontati costruttivamente. L’idea di raccontare queste sindromi attraverso il cinema nasce, quindi, dalla convinzione che questa particolare forma di arte permetta a ciascuno di noi di mettere in discussione la nostra visione del mondo: il cinema è in grado, in altre parole, di allargare il nostro sguardo, di farci comprendere come esistano altri possibili orizzonti di senso. La visione di un film è una straordinaria occasione di apertura al mondo e un grande stimolo all’autoriflessione, al riconoscimento di sogni ed emozioni che accompagnano la vita. Gli obiettivi che intendo perseguire sono molteplici: in primo luogo intendo mostrare come tra disabilità ed ambiente sociale vi sia una stretta relazione: più la società è in grado di accogliere ciascun individuo, con 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi