Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sport e Sviluppo Economico in Italia tra anni Cinquanta e Sessanta

Questo lavoro nasce dalla considerazione del rilievo che lo sport – ed il calcio in particolare – hanno avuto nella storia e nell'evoluzione della società italiana e non solo. Si pone l'obiettivo di esaminare le relazioni tra l'evoluzione dello sport e la trasformazione in senso moderno della società italiana, in particolare i nessi tra il professionismo calcistico e l'emergere di una moderna economia dei consumi di massa.
La tesi è divisa in tre capitoli. Il primo capitolo analizza come sia stato studiato lo sport in generale prendendo in esame vari aspetti come il rapporto del fenomeno sportivo con l'ideologia, l'economia, l'identità nazionale e il tifo. Inoltre, all'interno di questo capitolo, viene analizzato il concetto di ''campione'' nello sport e i suoi vari significati. In questo capitolo un'attenzione particolare viene data al ciclismo che per un periodo è stato il vero sport nazionale nel nostro Paese. Il secondo capitolo, invece, scende più nello specifico partendo dalle origini del gioco del calcio nel nostro paese. Si parla dei primi sodalizi sportivi nati nel nostro Paese e quindi anche dei primi campionati disputati. C'è poi un paragrafo dedicato a come il regime fascista organizzò il calcio; proprio gli aspetti organizzativi e di ''governance'', oltre naturalmente a quelli economici di questo sport sono molto importanti in questa tesi. Il terzo ed ultimo capitolo è il ''cuore'' di questa tesi di laurea. Vengono infatti analizzate le vicende del calcio italiano a partire dal Secondo Dopoguerra fino all'anno 1990. Viene esaminato con particolare attenzione il periodo del cosiddetto ''Miracolo Economico Italiano'', a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, in cui l'Italia fece un grande passo avanti verso la ''modernità'' con la diffusione di beni come l'automobile, il frigorifero e la televisione. In questo periodo il calcio italiano ottenne dei grandi successi a livello internazionale grazie a squadre come l'Inter di Angelo Moratti, il Milan di Andrea Rizzoli e la Juventus della Famiglia Agnelli.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 1.1 Introduzione Lo sport è uno dei fenomeni che caraterizzano la Modernità e solo in tempi recenti questo fenomeno è stato analizzato dal punto di vista storico in maniera approfondita. La Storia dello Sport, come afferma Gianni Silei 1 , ‘’Rappresenta un aspeto tut’altro che marginale atraverso il quale è possibile cogliere non solo l’evoluzione delle pratiche legate al loisir o alle atvità svolte da atleti professionisti ma anche e sopratuto il complesso articolarsi dei processi di socializzazione e, in un arco temporale più ampio, dei fenomeni di modernizzazione e trasformazione della società’’. Lo sport dunque rappresenta un importante strumento per capire la società di massa e le sue trasformazioni. I primi studi sullo sport si devono tra gli anni Trenta e Cinquanta allo storico olandese Johan Huizinga ( Homo Ludens, 1938) e al sociologo francese Roger Caillois ( I Giochi e gli Uomini, 1958) che sostenevano che le conquiste più grandi dell’uomo hanno avuto origine da un impulso al gioco, impulso che osserviamo nella sua forma più pura nei bambini e nei piccoli degli animali. Gli sport in questa visione erano visti quindi come creazioni da parte del nostro impulso al gioco. C’è poi da segnalare la posizione degli storici marxisti ortodossi secondo i quali le atvità sociali e culturali compreso lo sport dipendevano dal grado di evoluzione nell’uso dei materiali e in quello della tecnologia. Secondo questa posizione dei marxisti dunque 2 ‘’Lo sport non è altro che preparazione al lavoro, e rispecchia il bisogno di sopravvivere e progredire in un animale dotato di creatività’’. Un’altra concezione di stampo più tradizionale rispeto alle altre già menzionate affermava che lo sport fosse nato e si fosse affermato nell’Antica Grecia per poi scomparire e rinascere solo ai giorni nostri. Durante gli anni 1 Gianni Silei, Il Giro D’Italia e la Società Italiana,Piero Lacaita editore, Manduria-Bari-Roma,2010, pag.5 2 Richard D. Mandell, Storia Culturale Dello Sport, Editori Laterza, Roma-Bari, 1989, pag.4 4

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Zanibelli Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1866 click dal 26/04/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.