Skip to content

L'Estetica e la Poetica Teatrale di Diderot: immagini, idee, giudizi, sogni

Informazioni tesi

  Autore: Raffaella Tenaglia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Elio Franzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 219

In qesta tesi viene principalmente affrontato il tema del sapere secondo Diderot, che è totalmente diretto verso l’orizzonte originario della gnoseologia, verso la dimensione preliminare alla scientifica suddivisione del mondo in categorie: quindi verso il territorio proprio dell’estetica. L’interrogazione sul problema in sé della conoscenza, quindi intorno alle sue condizioni e modalità d’essere, si solleva quasi costantemente nelle opere diderottiane di carattere palesemente speculativo, come da quelle fittizie. La filosofia estetica di Diderot, lumière del Settecento, segue in particolare le tracce lasciate secoli e decenni prima di lui, da Leonardo, Bacone, Vico, Batteux, i contributi teorici dei quali costituiscono il filone dell’Estetica dell’Espressione. Tale specifica branca filosofica vede nell’arte, nell’espressione artistica, un’interpretazione della natura, cioè un’imitazione analogica, non manieristica, della dinamica di produzione della natura. Una volta definito il generale orientamento della speculazione estetica diderottiana verso l’espressione umana, si pone al centro della presente tesi la presentazione delle costruzioni e descrizioni filosofiche di Diderot intorno a quelle particolari dinamiche artistiche, mediante cui si generano le espressioni (i processi e gli oggetti artistici) predilette dal suo sguardo critico e creativo: la pittura e, in particolare, il teatro. Esaminato in generale il cerchio di espressioni che si estende esternamente a Diderot, appare ancor più fruttuoso scendere nella spirale delle forme che nascono all’interno della fantasia del filosofo, il quale si fa artista-drammaturgo e fecondo teorico teatrale. La trattazione degli elementi – sistematici, innovativi e paradossali – della sua personale poetica teatrale è filosoficamente significativa, dal momento che contribuisce alla comprensione della visione estetica e morale di Diderot.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
13 Primo Capitolo Il secolo dei Lumières, l’epoca di Denis Diderot: il contesto storico, filosofico, culturale del Settecento francese I. Denis Diderot, tra l’epilogo del Secolo d’Oro e l’era della Ragione A Versailles si spengono le luci dell’ultimo giorno del Re Sole. Fuori dalla corte si attende solo un cenno che autorizzi l’accensione dei fuochi per celebrarne il commiato. Gli istanti che scandiscono l’estrema ora di Luigi il Grande, in quel 1° settembre del 1715, li si potrebbe pure immaginare sottoforma di pensieri e ricordi, seguendo il cui flusso il sovrano sembra prendere serenamente congedo dal mondo e dal nuovo secolo. Un ultimo piacevole giro sulla giostra della memoria, per allontanare almeno alla fine le insofferenze patite nella direzione politica del Paese, segnata da pubblici fallimenti e conflitti intestini. E allora, con pacifica nitidezza, il vecchio Luigi XIV ripensa alle feste spettacolari dal gusto barocco del secolo precedente, con cui si scacciava la noia dalle mura di corte e si umiliava l’indigenza al di fuori di esse. Sempre continuando a immaginare con la fantasia il suo epilogo, il tiranno per meglio convincersi a sollevarsi dal trono, richiama alla memoria gli allestimenti di meravigliosa e geniale bellezza, ai quali aveva assistito durante gli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
estetica
sublime
parigi
enciclopedia
salon
lettera
poetica
diderot
denis
giudizi
sordomuti
rappresentazione
paradosso
espressione
rapporti
francese
attore
filosofo
lumi
situazione
genio
geroglifico
reve

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi