Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Media e partecipazione. La spinta al cambiamento sociale attraverso la rete

Nella società contemporanea il produrre e consumare informazione è considerato sempre più come un'azione politica.
Rispetto al passato qualunque individuo può essere un produttore di informazione grazie ai mezzi ed alle piattaforme tecnologiche più avanzate e recenti. Quindi la visione presentata dai media mainstream può crollare sotto i colpi dell'informazione dal basso, attuata dal comune cittadino.
Attraverso una rilettura delle ricerche degli studiosi del settore dei nuovi media e della sociologia, si cercherà di spiegare perché e come la comunicazione può diventare Comunic-Azione.
Dopo una presentazione di come, sotto la spinta della globalizzazione e dell'innovazione tecnologica, siano cambiate le dinamiche dell'espressione sociale attraverso i media, si ripercorrerà la storia delle dinamiche dell'attivismo in rete e si accenneranno ad alcuni esempi di collettivi di Mediattivisti e delle loro pratiche di lotta in rete a favore di una democrazia partecipata.
Infine si concluderà ripercorrendo le tappe della rivoluzione dei Gelsomini in Tunisia a cavallo tra il 2010 e il 2011, sottolineando l'importanza avuta nel raggiungimento degli obbiettivi della sollevazione dall'unione di nuovi e vecchi mezzi di informazione e di nuove e vecchie pratiche di attivismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE “Ai martiri Agli innamorati della libertà A mio padre, l'uomo della mia vita A mia madre che due volte mi ha messa al mondo A mio fratello perché fa parte della mia vita A Leila e Abdennaceur che hanno condiviso la mia angoscia durante la rivoluzione Ai blogger e ai cyberattivisti che ci hanno creduto e hanno agito Alle mie amiche e amici Ai prigionieri politici che marciscono nelle celle delle prigioni dei dittatori folli Ai popoli arabi che si battono per una primavera araba Ai popoli oppressi, ovunque essi siano Alla pace, alla libertà, alla parola libera” Con questa dedica la giovane professoressa e blogger tunisina Leena Ben Mhenni inizia a raccontare come ha vissuto la “rivoluzione dei gelsomini”, come la sua volontà di essere parte attiva del miglioramento della condizione sociale collettiva si sia unita a quella di migliaia di altri cittadini, e di come abbiano utilizzato anche i mezzi tecnologici per cercare di realizzare le proprie ambizioni. Nel corso della storia la pressione esercitata dai cittadini verso le istituzioni politiche ha portato spesso a cambiamenti importanti per la società. Per il raggiungimento di questi obiettivi è di fondamentale importanza “fare rete”, coinvolgere quante più persone possibile, far si che la rivendicazione di una questione sia supportata da un'ampia fascia della popolazione in modo che possa entrare a pieno titolo nelle agende politiche ufficiali.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Luca Pasinetti Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1471 click dal 03/05/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.