Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela dell'ambiente come diritto umano: la giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo

I fenomeni di degrado ambientale sempre più spesso si ripercuotono con violenza sugli individui, incidendo negativamente sulle loro vite, sul loro benessere e sulla loro salute. Da qui l'interesse degli esperti di diritti umani che, a partire dai primi anni Settanta del secolo scorso, hanno iniziato a studiare il legame tra diritti umani e protezione dell'ambiente, al fine di individuare le possibili sinergie tra i due settori di regolamentazione giuridica. In questo contesto, una parte della dottrina è giunta a teorizzare l'esistenza del diritto umano alla protezione dell'ambiente, inteso come pretesa giuridica dell'individuo a vivere in un ambiente tutelato e sostenibile.
L'obiettivo della presente tesi è quello di indagare il contributo che la giurisprudenza degli organi di Strasburgo, e nello specifico della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, ha dato alla valorizzazione e specificazione del rapporto tra diritti umani e protezione dell'ambiente, nel contesto più generale del riconoscimento e dell'affermazione, a livello europeo, del diritto umano alla protezione dell'ambiente e dei “diritti ambientali”, ovvero di quei diritti funzionali che forniscono agli individui strumenti di tipo procedurale per poter partecipare in maniera informata ed esercitare un controllo democratico sui processi decisionali in materia di ambiente.
Malgrado l'assenza nella Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) (1950) di una specifica disposizione dedicata all'ambiente, gli organi di Strasburgo, attraverso un'interpretazione di tipo evolutivo, sono riusciti a ricomprendere la tutela dell'ambiente all'interno dell'ambito della Convenzione. Ciò e avvenuto, da un lato, inserendo la tutela dell'ambiente all'interno della sfera dei diritti e delle libertà fondamentali della persona e, dall'altro, elevando la stessa a interesse generale capace di condizionare la libertà degli individui e l'azione degli Stati in un'ottica di contemperamento tra interessi individuali e generali che trae ispirazione dai principi dello sviluppo sostenibile. Motori principali di questa importante evoluzione giurisprudenziale sono stati la dottrina dello “strumento vivente”, che impone di interpretare la Convenzione « alla luce delle condizioni attuali », e la teoria degli “obblighi positivi”, che implica per gli Stati il dovere di dare protezione effettiva ai diritti degli individui. Attraverso questi due strumenti, gli organi di controllo della CEDU hanno, da un lato, “reinterpretato” e “mobilitato” alcune delle più importanti disposizioni convenzionali con l'obiettivo di fornire all'individuo tutele, sia sostanziali che procedurali, da forme di inquinamento e degrado ambientale nocive per la vita, per la salute e per il benessere della persona; dall'altro, gli stessi organi hanno attribuito alla protezione dell'ambiente la qualità di “scopo legittimo”, capace di giustificare l'adozione di misure limitative di alcuni diritti umani contenuti nella Convenzione. Inoltre, attraverso il riconoscimento, in via giurisprudenziale, dei “diritti ambientali” di accesso alle informazioni, partecipazione ai processi decisionali e accesso alla giustizia in materia ambientale, nonché con l'ampliamento della sfera delle libertà civili dei soggetti che partecipano al dibattito pubblico sui temi ambientali di interesse generale, la Corte ha orientato la sua azione nella direzione dello sviluppo di un modello di tutela “partecipata”dell'ambiente.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il destino dell'Uomo è sempre stato legato in maniera inscindibile alle caratteristiche dell'ambiente che lo circonda. Condizioni ambientali favorevoli hanno determinato il fiorire delle più importanti culture umane, mentre, in altri casi, fattori ambientali avversi hanno indotto sconvolgimenti e provocato migrazioni di interi popoli in cerca di migliori condizioni di vita. Per secoli lo sviluppo della civiltà umana è progredito in armonia con la natura e l'azione “razionalizzatrice” dell'Uomo sull'ambiente ha dato frutti positivi. Con l'avvento delle moderne società consumistiche e con l'esponenziale incremento della popolazione mondiale, quella relazione di interdipendenza positiva con l'ambiente è, in parte, venuta meno, lasciando il posto a logiche più aggressive di sfruttamento delle risorse naturali e ad un'azione dell'Uomo sull'Ambiente maggiormente incisiva. Questo mutamento nella relazione tra l'Uomo e il suo ambiente ha provocato la comparsa di fenomeni di inquinamento e degrado ambientale sino ad allora sconosciuti. Soltanto a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, l'Uomo ha iniziato a prendere coscienza degli effetti negativi che lo sviluppo economico, basato su logiche di tipo consumistico, è passibile di ripercuotere sull'ambiente. Da allora sono stati elaborati strumenti giuridici volti a mitigare le conseguenze dell'inquinamento e del degrado ambientale, tanto a livello nazionale, con lo sviluppo del diritto ambientale e con l'adozione di politiche ambientali mirate a ridurre l'impatto delle attività umane sull'ambiente, quanto a livello internazionale, attraverso la cooperazione internazionali tra gli Stati su alcuni temi ambientali di rilevanza globale, come l'estinzione di specie animali e vegetali, il fenomeno del buco nell'ozono ed il cambiamento climatico. Parallelamente, si è resa evidente la capacità dei fenomeni di inquinamento e di degrado ambientale di incidere negativamente sulla vita, sul benessere e sulla salute delle persone, sino al punto da privarle del godimento dei più basilari diritti umani. Si pensi agli effetti che fenomeni di contaminazione delle falde acquifere, di esposizione a emissioni nocive o di distruzione di interi ecosistemi possono avere sugli individui, soprattutto in zone del pianeta nelle quali le comunità sono ancora intrinsecamente dipendenti dall'ambiente che le circonda. In quegli stessi anni, esperti di diritti umani e attivisti hanno cominciato ad esaminare gli effetti dell'inquinamento e del degrado ambientale in termini di violazione di diritti umani e una parte della dottrina è giunta a sostenere l'esistenza di un diritto umano alla protezione 6

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Franceschini Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7226 click dal 18/05/2012.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.