Skip to content

La tutela dell'ambiente come diritto umano: la giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo

Informazioni tesi

  Autore: Marco Franceschini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Luisa Vierucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

I fenomeni di degrado ambientale sempre più spesso si ripercuotono con violenza sugli individui, incidendo negativamente sulle loro vite, sul loro benessere e sulla loro salute. Da qui l'interesse degli esperti di diritti umani che, a partire dai primi anni Settanta del secolo scorso, hanno iniziato a studiare il legame tra diritti umani e protezione dell'ambiente, al fine di individuare le possibili sinergie tra i due settori di regolamentazione giuridica. In questo contesto, una parte della dottrina è giunta a teorizzare l'esistenza del diritto umano alla protezione dell'ambiente, inteso come pretesa giuridica dell'individuo a vivere in un ambiente tutelato e sostenibile.
L'obiettivo della presente tesi è quello di indagare il contributo che la giurisprudenza degli organi di Strasburgo, e nello specifico della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, ha dato alla valorizzazione e specificazione del rapporto tra diritti umani e protezione dell'ambiente, nel contesto più generale del riconoscimento e dell'affermazione, a livello europeo, del diritto umano alla protezione dell'ambiente e dei “diritti ambientali”, ovvero di quei diritti funzionali che forniscono agli individui strumenti di tipo procedurale per poter partecipare in maniera informata ed esercitare un controllo democratico sui processi decisionali in materia di ambiente.
Malgrado l'assenza nella Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) (1950) di una specifica disposizione dedicata all'ambiente, gli organi di Strasburgo, attraverso un'interpretazione di tipo evolutivo, sono riusciti a ricomprendere la tutela dell'ambiente all'interno dell'ambito della Convenzione. Ciò e avvenuto, da un lato, inserendo la tutela dell'ambiente all'interno della sfera dei diritti e delle libertà fondamentali della persona e, dall'altro, elevando la stessa a interesse generale capace di condizionare la libertà degli individui e l'azione degli Stati in un'ottica di contemperamento tra interessi individuali e generali che trae ispirazione dai principi dello sviluppo sostenibile. Motori principali di questa importante evoluzione giurisprudenziale sono stati la dottrina dello “strumento vivente”, che impone di interpretare la Convenzione « alla luce delle condizioni attuali », e la teoria degli “obblighi positivi”, che implica per gli Stati il dovere di dare protezione effettiva ai diritti degli individui. Attraverso questi due strumenti, gli organi di controllo della CEDU hanno, da un lato, “reinterpretato” e “mobilitato” alcune delle più importanti disposizioni convenzionali con l'obiettivo di fornire all'individuo tutele, sia sostanziali che procedurali, da forme di inquinamento e degrado ambientale nocive per la vita, per la salute e per il benessere della persona; dall'altro, gli stessi organi hanno attribuito alla protezione dell'ambiente la qualità di “scopo legittimo”, capace di giustificare l'adozione di misure limitative di alcuni diritti umani contenuti nella Convenzione. Inoltre, attraverso il riconoscimento, in via giurisprudenziale, dei “diritti ambientali” di accesso alle informazioni, partecipazione ai processi decisionali e accesso alla giustizia in materia ambientale, nonché con l'ampliamento della sfera delle libertà civili dei soggetti che partecipano al dibattito pubblico sui temi ambientali di interesse generale, la Corte ha orientato la sua azione nella direzione dello sviluppo di un modello di tutela “partecipata”dell'ambiente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il destino dell'Uomo è sempre stato legato in maniera inscindibile alle caratteristiche dell'ambiente che lo circonda. Condizioni ambientali favorevoli hanno determinato il fiorire delle più importanti culture umane, mentre, in altri casi, fattori ambientali avversi hanno indotto sconvolgimenti e provocato migrazioni di interi popoli in cerca di migliori condizioni di vita. Per secoli lo sviluppo della civiltà umana è progredito in armonia con la natura e l'azione “razionalizzatrice” dell'Uomo sull'ambiente ha dato frutti positivi. Con l'avvento delle moderne società consumistiche e con l'esponenziale incremento della popolazione mondiale, quella relazione di interdipendenza positiva con l'ambiente è, in parte, venuta meno, lasciando il posto a logiche più aggressive di sfruttamento delle risorse naturali e ad un'azione dell'Uomo sull'Ambiente maggiormente incisiva. Questo mutamento nella relazione tra l'Uomo e il suo ambiente ha provocato la comparsa di fenomeni di inquinamento e degrado ambientale sino ad allora sconosciuti. Soltanto a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, l'Uomo ha iniziato a prendere coscienza degli effetti negativi che lo sviluppo economico, basato su logiche di tipo consumistico, è passibile di ripercuotere sull'ambiente. Da allora sono stati elaborati strumenti giuridici volti a mitigare le conseguenze dell'inquinamento e del degrado ambientale, tanto a livello nazionale, con lo sviluppo del diritto ambientale e con l'adozione di politiche ambientali mirate a ridurre l'impatto delle attività umane sull'ambiente, quanto a livello internazionale, attraverso la cooperazione internazionali tra gli Stati su alcuni temi ambientali di rilevanza globale, come l'estinzione di specie animali e vegetali, il fenomeno del buco nell'ozono ed il cambiamento climatico. Parallelamente, si è resa evidente la capacità dei fenomeni di inquinamento e di degrado ambientale di incidere negativamente sulla vita, sul benessere e sulla salute delle persone, sino al punto da privarle del godimento dei più basilari diritti umani. Si pensi agli effetti che fenomeni di contaminazione delle falde acquifere, di esposizione a emissioni nocive o di distruzione di interi ecosistemi possono avere sugli individui, soprattutto in zone del pianeta nelle quali le comunità sono ancora intrinsecamente dipendenti dall'ambiente che le circonda. In quegli stessi anni, esperti di diritti umani e attivisti hanno cominciato ad esaminare gli effetti dell'inquinamento e del degrado ambientale in termini di violazione di diritti umani e una parte della dottrina è giunta a sostenere l'esistenza di un diritto umano alla protezione 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritti umani
cedu
protezione dell'ambiente
corte europea dei diritti dell'uomo
convenzione europea dei diritti umani
ecologia
sviluppo sostenibile
diritto alla salute
diritto alla vita
strasburgo
diritti ambientali
environmental rights
grande camera
diritto umano alla protezione dell'ambiente
diritto al rispetto della vita privata e familiare
lopez ostra c. spagna
tatar c. romania
di sarno e altri c. italia
guerra c. italia
interpretazione evolutiva
consiglio d'europa
conferenza di rio su ambiente e sviluppo 1992
conferenza di stoccolma sull'ambiente umano
convenzione di aarhus 1998

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi