Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tecnica delle associazioni libere: uno studio su personaggi politici

La ricerca che sto per introdurre consiste in uno studio finalizzato a rilevare gli atteggiamenti e le rappresentazioni mentali sui temi e i protagonisti della politica.
All’inizio del lavoro, ipotizzando un indice delle premesse teoriche all’indagine, immaginavo di impostare gli argomenti nel seguente modo: cenni di storia della psicologia politica, un paragrafo dedicato agli atteggiamenti (definizioni, formazione, struttura, teorie ecc.) e uno riepilogativo delle più importanti ricerche condotte sugli atteggiamenti verso la politica. Poi, documentandomi, mi sono resa conto che parlare di atteggiamenti e di storia della psicologia politica citando anche alcuni studi sull’argomento non sarebbe stato sufficiente: era la comunicazione il tema chiave che dovevo trattare, il nesso di congiunzione indispensabile tra la mente umana, con i suoi meccanismi, e il linguaggio politico; tutte le fonti sulla comunicazione e sulla comunicazione politica che ho successivamente consultato mi hanno portato invariabilmente ai mass media, nucleo tematico intorno a cui, nel tempo, si è sviluppato un fiorente corpus di ricerche e modelli. La ragione di tanto interesse è evidente: i mezzi di comunicazione di massa, televisione in testa, si sono imposti rapidamente come strumenti d’elezione per garantire un contatto, seppur mediato, fra noi e determinate realtà (tra cui, quella politica) altrimenti al di fuori della nostra sfera percettiva. Oggi la presenza dei mass media nella nostra vita ci sembra scontata, e assumiamo che un atteggiamento costruito a partire da nozioni impartite in televisione sia attendibile quanto uno derivato dall’esperienza diretta. Non conosciamo personalmente i leader politici, ma le valutazioni che formuliamo su di loro tendono ad essere stabili e refrattarie al cambiamento, a testimonianza della nostra scarsa consapevolezza sul potere di tali strumenti.
I mass media, inoltre, pur “servendo” il sistema politico, che ne sfrutta continuamente le potenzialità per auto-promuoversi, agiscono essi stessi sulla politica, piegandone gli stili comunicativi alle proprie regole; il politico televisivo deve comunicare rispettando modi, tempi e registri dettati dallo strumento che impiega, rivolgendosi non più a un definito gruppo di simpatizzanti, ma a un pubblico di possibili elettori numeroso ed eterogeneo. Una delle rivoluzioni più rappresentative dell’influsso mediatico sulla comunicazione politica rimane comunque il cosiddetto fenomeno della personalizzazione: il risalto prima attribuito a programmi, idee e coalizioni si sposta sugli attori protagonisti del panorama politico e sulle loro caratteristiche personali. Il linguaggio della politica esalta quindi l’immagine e l’apparenza più che i fatti e i contenuti, condizionando a sua volta chi percepisce e interpreta i suoi messaggi: gli atteggiamenti risultanti da una dieta a base di telegiornali e approfondimenti giornalistici privilegeranno anch’essi la dimensione caratteriale dei politici, che in un clima fatto di alleanze aleatorie e dichiarazioni contraddittorie, si assume essere almeno duratura nel tempo.
A conclusione di questo discorso, ciò che intendo rilevare sono sì gli atteggiamenti verso la politica e i suoi protagonisti nelle loro varie componenti, ma senza tralasciare il contesto di relazioni reciproche e interattive che lega tra loro mass media, sistema politico e pubblico; l’intento, anzi, è proprio quello di far notare come i condizionamenti prodotti dai mass media sulla comunicazione politica, prima fra tutti la già citata personalizzazione, si ripercuotano anche sull’organizzazione delle conoscenze e degli atteggiamenti, e in che modo.

Nel primo capitolo, ripercorrerò sinteticamente i passaggi principali che hanno accompagnato lo sviluppo della psicologia politica negli anni, tra evoluzioni di pensiero e cambiamenti nell’oggetto d’indagine.
Il secondo capitolo, dopo aver definito gli atteggiamenti, tratterà il processo che dalla percezione fa sì che si formulino veri e propri giudizi, non trascurando le distorsioni che possono inficiare tali operazioni mentali.
Nel terzo capitolo, approfondirò il tema dei mass media attraverso il loro ruolo nella storia e l’illustrazione di alcuni importanti modelli teorici, per poi terminare con un paragrafo sul loro legame con la comunicazione politica.
Nel quarto capitolo, verranno presentati alcuni studi sugli atteggiamenti verso argomenti e protagonisti politici.
Il quinto capitolo consisterà nell’introduzione e l’esposizione dei risultati veri e propri della ricerca, opportunamente commentati e suddivisi in base alla distinzione tra quantitativo e qualitativo.
Infine, il sesto capitolo concluderà il lavoro con una discussione sintetica dei dati principali, valutati anche in rapporto ai modelli teorici e ai risultati degli studi citati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Presentazione La ricerca che sto per introdurre consiste in uno studio finalizzato a rilevare gli atteggiamenti e le rappresentazioni mentali sui temi e i protagonisti della politica. All’inizio del lavoro, ipotizzando un indice delle premesse teoriche all’indagine, immaginavo di impostare gli argomenti nel seguente modo: cenni di storia della psicologia politica, un paragrafo dedicato agli atteggiamenti (definizioni, formazione, struttura, teorie ecc.) e uno riepilogativo delle più importanti ricerche condotte sugli atteggiamenti verso la politica. Poi, documentandomi, mi sono resa conto che parlare di atteggiamenti e di storia della psicologia politica citando anche alcuni studi sull’argomento non sarebbe stato sufficiente: era la comunicazione il tema chiave che dovevo trattare, il nesso di congiunzione indispensabile tra la mente umana, con i suoi meccanismi, e il linguaggio politico; tutte le fonti sulla comunicazione e sulla comunicazione politica che ho successivamente consultato mi hanno portato invariabilmente ai mass media, nucleo tematico intorno a cui, nel tempo, si è sviluppato un fiorente corpus di ricerche e modelli. La ragione di tanto interesse è evidente: i mezzi di comunicazione di massa, televisione in testa, si sono imposti rapidamente come strumenti d’elezione per garantire un contatto, seppur mediato, fra noi e determinate realtà (tra cui, quella politica) altrimenti al di fuori della nostra sfera percettiva. Oggi la presenza dei mass media nella nostra vita ci sembra scontata, e assumiamo che un atteggiamento costruito a partire da nozioni impartite in televisione sia attendibile quanto uno derivato dall’esperienza diretta. Non conosciamo personalmente i leader politici, ma le valutazioni che formuliamo su di loro tendono ad essere stabili e refrattarie al cambiamento, a testimonianza della nostra scarsa consapevolezza sul potere di tali strumenti. I mass media, inoltre, pur “servendo” il sistema politico, che ne sfrutta continuamente le potenzialità per auto-promuoversi, agiscono essi stessi sulla politica, piegandone gli stili comunicativi alle proprie regole; il politico televisivo deve comunicare rispettando modi, tempi e registri dettati dallo 4

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Stefania Panarotto Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 486 click dal 22/05/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.