Skip to content

La secessione nel diritto internazionale. Il caso del Sudan

Informazioni tesi

  Autore: Carmen Marino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali
  Relatore: Bruno Grandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

La Repubblica del Sudan del Sud nasce ufficialmente il 9 luglio 2011 a seguito del referendum, tenutosi tra il 9 e il 15 gennaio dello stesso anno. Il percorso che ha condotto all'indipendenza e alla formazione di una nuova nazione è stato lungo e tortuoso. Prima dell'indipendenza il Sud Sudan faceva parte del più grande stato africano: il Sudan. Le ragioni che hanno portato il popolo della regione meridionale a chiedere l'indipendenza hanno radici molto profonde, e riguardano soprattutto la diversità etnica, religiosa e culturale tra un nord di credo islamico e un sud di credo prevalentemente cristiano e animista. La lotta per l'indipendenza del Sudan del Sud è durata un cinquantennio, durante il quale si sono susseguite due tra le più atroci guerre civili degli ultimi anni. La guerra tra i popoli del Sudan ha portato alla secessione del Sudan del Sud.
La secessione è probabilmente ad oggi uno tra i temi più controversi del diritto internazionale, in quanto ess si pone tra due principi che costituiscono le fondamenta del diritto internazionale: il diritto all'autodeterminazione, sancito dalla Carta delle Nazioni Unite, e il principio di integrità territoriale che è considerato un principio fondamentale da molte Organizzazioni internazionali tra le quali l'Organizzazione dell'Unione Africana che ha avuto un ruolo fondamentale nel processo di pace tra Khartoum e Juba.
Nonostante il riconoscimento della Repubblica del Sudan del Sud da parte della comunità internazionale, ad oggi non esiste un diritto alla secessione riconosciuto dal diritto internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La Repubblica del Sudan del Sud, nasce ufficialmente il 9 luglio 2011 a seguito del referendum, tenutosi dal 9 al 15 gennaio 2011. Il percorso che ha condotto all’indipendenza e alla formazione di una nuova nazione è stato lungo e tortuoso. Prima dell’indipendenza il Sudan del Sud faceva parte del più grande stato africano, il Sudan. Le ragioni che hanno portato il popolo della regione meridionale a chiedere l’indipendenza hanno radici molto profonde, e riguardano soprattutto la diversità etnica, religiosa e culturale tra nord e sud; infatti, a fronte di un nord basato sulla sharia, si è da sempre contrapposto un sud di credo prevalentemente animista e cristiano. La lotta per l’indipendenza è iniziata intorno al 1955 quando, dopo la liberazione del Sudan dalla dominazione anglo-egiziana, il governo centrale si rifiutò di rispettare gli accordi di costituire uno stato federale lasciando ampia autonomia al sud. Tale evento comportò l’aumento delle tensioni che si trasformarono presto in un vero e proprio conflitto durato diciassette anni, fino al 1972, anno in cui nacque il South Sudan Liberation Movement (SSLM), la prima struttura unificata per le forze separatiste; in quello stesso anno furono firmati gli Accordi di Addis Abeba, che ponevano fine al conflitto, e concedevano al Sud una singola regione amministrativa con vari e definiti poteri amministrativi. Tuttavia la tregua non durò a lungo, infatti, il nuovo leader del governo di Khartoum, Numairi, decise di non mantenere gli accordi di Nairobi, imponendo di fatto la sharia a tutto il Sudan. Così durante i primi anni ottanta l’ala militare del Splm, il Sudan People’s Liberation Army (Spla) reagì con forza a questa imposizione; nel giro di pochi anni la rivolta si espanse a tutta la regione meridionale. Il conflitto del Sudan, meglio noto come seconda guerra civile sudanese, è stata una tra le più violente e lunghe dalla fine della seconda guerra mondiale. Il conflitto termina nel 2005 con la firma del Comprehensive

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto internazionale
uganda
nazioni unite
egitto
libia
secessione
eritrea
etiopia
kenia
darfur
sudan
khartoum
spla
uti possidetis
comprehensive peace agreement
somaliland
autodeterminazione dei popoli
sud sudan
kordofan, abyei, blu nile state
principio di integrità territoriale
consultazione popolare
juba
organizzazione dell'unità africana
prassi secessionista

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi