Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Affettività: una risorsa speciale per l'umanità

L'affettività è un elemento fondamentale nella strutturazione della personalità dell'individuo. Vengono discussi i diversi elementi costitutivi dell'integrazione socio affettiva della persona: emozioni, sentimenti, valori. Vengono inoltre evidenziati i diversi approcci terapeutici e considerate le diverse alterazioni cliniche connesse all'affettività. Il tutto è connesso ad una valutazione bioetica.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAPITOLO I LE ORIGINI E I FONDAMENTI 1.1 L’importanza dell’affettività per la specie umana. Questo lavoro è un ulteriore sviluppo di quanto intrapreso con la tesi dell’anno precedente e propone un approfondimento relativo ad altri aspetti dell’affettività che non ho presentato nella tesi precedente (vedasi in tesi precedente precedente il Cap.II). L’affettività è un tema che è ridiventato di attualità nell’ambito delle scienze e al pari delle emozioni, dei sentimenti e dei valori a cui è collegata, è attualmente oggetto di una vivissima attenzione, rivisitazione e approfondimento. Gli ambiti di studio e applicazione riguardano i contesti: sanitari, psicologici, sociali (famiglia, istruzione, lavoro). L’affettività nella specie umana ha verosimilmente origine fin dalla nascita e consiste inizialmente nel legame affettuoso che il bimbo già allo stadio fetale ha con i suoi genitori e in modo più intimo, con la madre. I genitori modificano i propri comportamenti affettivi e relazionali già al momento del concepimento, iniziando a predisporsi alla nuova vita con diversi orizzonti di valutazione e di responsabilità. Nei genitori l’affettività si esprime nell’accudimento del bambino. L’affettività è certamente una componente dell’amore. Nell’accudimento del bambino i genitori esprimono azioni che realizzano il legame relazionale e costituiscono le dimensioni: fisica, emotiva e valoriale della relazione con il bambino. L’affettività è una struttura portante dell’identità, essa è una delle componenti dello psichismo che <<racchiude>> gli affetti, le emozioni e i sentimenti di dolore e di piacere. Per quanto concerne lo sviluppo emotivo del bambino, egli già verso i tre mesi è in grado di differenziare stimoli che generano <<piacere>> e <<dispiacere>> e di rispondere in modo differenziato. Nella specie umana ogni esperienza è permeata dal <<tono affettivo>> con cui la persona vive l’esperienza nel presente. Il tono affettivo è anche il tono dell’umore e fin da piccoli esso si conforma lungo un continuum esperienziale con due polarità:  quella positiva, del piacere

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Mario De Cesare Contatta »

Composta da 34 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5734 click dal 18/07/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.