Skip to content

Studio per la riqualificazione paesaggistica del Borgo Sant'Antonio (PG)

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Cagiola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Aldo Ranfa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

La tesi si occupa della riqualificazione e valorizzazione degli orti urbani presenti a ridosso delle mura medievali del Borgo Sant’Antonio di Perugia, il quale è situato all’interno del Rione di Porta Sole.
All’inizio del lavoro viene ripercorsa la storia degli orti, oltre a quella del Borgo stesso e dei suoi importanti manufatti architettonici, senza tralasciare nel contesto la storia dell’intera città di Perugia, partendo dalla sua origine fino ad arrivare ai giorni nostri.
Nell’analisi storico - architettonica si è cercato di porre l’attenzione sull’evoluzione temporale e nella destinazione d’uso degli spazi verdi urbani situati tra le mura e gli edifici, cercando di ricostruire la loro storia attraverso le informazioni giunte a noi da parte di storici, catasti e mappe antiche.
Dopo aver ricostruito la storia di questi giardini, è stata effettuata una analisi diretta degli orti, realizzando un censimento delle specie vegetali più importanti e riportando una descrizione accurata della condizione attuale in cui questi spazi verdi vengono mantenuti.
Sono state raccolte in questa fase anche le opinioni e le idee degli attuali proprietari degli orti, i quali hanno dato risposta a domande inerenti i propri giardini e l’uso che essi ne fanno, ma soprattutto riguardo alla proposta di modificarli.
Una volta raccolto tutto il materiale necessario all’analisi, si è proceduto descrivendo la proposta d’intervento, che prevede la riqualificazione ad orti medievali, così come si presentavano all’epoca, e la creazione di un percorso turistico guidato attraverso il quale poter entrare all’interno dei giardini e riscoprire la loro natura.
Nell’elaborazione dell’idea di lavoro, si è tenuto conto delle risorse a disposizione, ma anche delle criticità presenti.
Nella parte conclusiva della tesi sono riportati tutti i risultati raggiunti, ed è stato fatto un bilancio di quelle che sono state le aspettative soddisfatte e non, sottolineando quelli che sono i potenziali sviluppi futuri della proposta.
In appendice è riportata un interessante testimonianza fornita da un abitante del Borgo Sant’Antonio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO 1. Analisi della condizione storica ed attuale del Borgo Sant’Antonio e dei suoi orti 1.1 Ricerca storico-architettonica sul Rione di Porta Sole e sui manufatti del Borgo Nel delineare la storia degli elementi che caratterizzano il Borgo Sant’Antonio, è impossibile tralasciare una ricerca approfondita sulla storia di Perugia, rivolgendo l’attenzione ai momenti che hanno maggiormente riguardato la nascita e lo sviluppo del Borgo. Parlando della lunghissima storia della città, si deve ovviamente partire dalla fondazione di questa per opera degli Umbri, intorno all’ VIII secolo a.C.; questi dovettero però, ben presto cedere all’affermarsi del popolo etrusco (GUARDABASSI, 1935). Il vero e proprio nucleo di Perugia si formò intorno alla seconda metà del VI secolo a.C., periodo nel quale esisteva solamente la città antica, circondata dalla cerchia delle mura (edificata tra il IV ed il III secolo a.C.), che tuttora cinge la parte alta della città, «un anello di macigno rimasto pressochØ intatto, palese e scoperto in gran parte, interrato o nascosto dalle stratificazioni medievali in altre parti» (GURRIERI, 1982). Lungo questa primigenia cerchia muraria, all’interno della quale non era compreso Borgo Sant’Antonio, si poteva entrare attraverso sette porte (di cui cinque principali), tutte di solenne architettura, come la Pulchra o di Augusto, la Marzia, la Cornea, la Eburnea, la Luzia o Trasimena, quella del Sole (rivolta verso nord-est) ed un’ultima andata demolita nel 1540 durante la costruzione della Rocca Paolina (GURRIERI, 1982).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

paesaggio
verde urbano
perugia
riqualificazione
analisi storica
orti urbani
borgo sant'antonio
ricerca architettonica
censimento specie vegetali
pick our own
toponomastica viabilita'
orti medievali
percorso guidato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi