Skip to content

Fusioni e acquisizioni: Valutazione delle sinergie con la metodologia delle opzioni reali

Informazioni tesi

  Autore: Carmine Lombardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Arturo Capasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

Come valutare le sinergie tra imprese con l'applicazione della metodologia delle opzioni reali.
L’elaborato si pone l’obiettivo di analizzare le sinergie tra imprese tramite una metodologia basata sulle opzioni reali, approccio che guarda alle business combination in un’ottica del tutto diversa rispetto a quella tradizionale.
[...] La disciplina internazionale, il suo campo di applicazione e il relativo procedimento di valutazione delle combinazioni tra imprese sono presentati brevemente nella premessa del primo capitolo.
In seguito, nel corso dello stesso capitolo, si introducono le operazioni di fusione e acquisizione, accennando alle diverse tipologie di operazioni ed illustrando le varie motivazioni che ne sono alla base.
Vengono poi spiegati i possibili vantaggi competitivi derivanti da questi processi e le categorie principali di sinergie generate da un processo di integrazione.
Nel capitolo successivo si inizia con un breve accenno storico sulla teoria delle opzioni reali e sui fattori che ne hanno determinato la nascita, per poi passare alle opzioni finanziare.
Il discorso si sofferma sulle opzioni call e put e sulle reciproche differenze, lasciando poi il passo all’analisi delle opzioni reali e alle analogie tra queste e le opzioni finanziarie.
Nel corso del capitolo viene proposta una tassonomia delle opzioni reali, che sono distinte in opzioni di investimento e disinvestimento, opzioni operative, strategiche e contrattuali. Ampio spazio è dedicato alla presentazione dei vari tipi di opzioni reali, illustrate e spiegate con esempi tratti, in alcuni casi, dal testo di Amaran e Kulatilaka (Real Option, Managing Strategic Investment in an Unceretain World).
Nel terzo capitolo, il cuore dell’elaborato, l’analisi dell’avviamento e della sua natura introduce il discorso sui problemi legati alla sua contabilizzazione e le disposizioni previste dal FASB. Ci si sofferma brevemente sull’impairment test dell’avviamento, sulle criticità ad esso legate e le distorsioni che, in determinati casi, tale procedura genera.
Si arriva, infine, al focus dell’elaborato: la proposta di una contabilizzazione dell’avviamento basata sulle opzioni reali. Tale approccio implica una visione dell’avviamento come un elemento di valore capace, alla stregua di investimenti strategici, di generare occasioni e valore in epoche future.
L’approccio proposto, distinguendo l’avviamento generato da quello acquisito, divide quest’ultimo in cinque elementi: due collegati all’impresa acquisita (il fair value delle attività nette acquisite e quello degli intangibili specifici) e due (il valore della continuità aziendale della società target ed il valore di mercato delle sinergie derivanti dall’operazione) che danno vita al c.d. core goodwill, mentre il quinto è un valore residuale, rappresentato dal potenziale sovrapprezzo pagato dall’acquirente, e frutto di scelte soggettive.
Si conclude dimostrando che il metodo basato sulle opzioni reali, rispetto alla tradizione, garantisce un adeguato riconoscimento al valore creato dall’opzione di crescita generata da un processo di integrazione fra imprese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’argomento oggetto di studio è stato scelto dopo la lettura di un interessante articolo dei Prof. Francesco Baldi e Lenos Trigeorgis dal titolo “Assessing the Value of Growth Option Synergies from Business Combinations and Testing for Goodwill Impairment: A Real Options Perspective”, pubblicato sul “ Journal of applied corporate finance”. L’articolo propone l’applicazione della teoria delle opzioni reali, un’estensione dei concetti delle opzioni finanziarie ad attività reali, al mondo delle fusioni e acquisizioni e alla valutazione dell’avviamento acquisito tramite tali operazioni. La lettura dell’articolo ha prodotto una forte curiosità sul come una teoria che pone le proprie basi sulle opzioni finanziare, ed è solitamente applicata alla valutazione di investimenti, possa essere applicata alle fusioni e acquisizioni. L’elaborato si pone l’obiettivo di analizzare le sinergie tra imprese tramite una metodologia basata sulle opzioni reali, approccio che guarda alle business combination in un’ottica del tutto diversa rispetto a quella tradizionale. Le fusioni e acquisizioni sono regolate dall’IFRS 3 (principio contabile emanato nel 2004 dallo IASB 1 ) che ha lo scopo di definire l’informativa di bilancio di un’impresa impegnata in un’aggregazione aziendale. La disciplina dettata dall’International Accounting Standards Board, che si applica solo nel caso in cui ciò che è stato acquisito rientra nella definizione di business prevista dallo stesso organismo 2 , stabilisce che le integrazioni fra imprese debbano essere contabilizzate al purchase method. 1 Lo IASB (International Accounting Standards Board) è un comitato di 14 membri che ha sede a Londra e si occupa essenzialmente della stesura dei principi contabili IFRS e della convergenza dei vari principi contabili nazionali diffusi nel mondo 2 Un insieme integrato d'attività o di beni condotti e gestiti con l'obiettivo di assicurare:un rendimento agli investitori; oppure b) minori costi o altri benefici economici in modo diretto o proporzionale ai partecipanti o ai soci di entità di tipo mutualistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

finanza
opzioni
avviamento
fusioni
acquisizioni
opzioni reali
ifrs
iasb
sinergie
opzione di crescita
opzione di differimento
goodwill
lenos trigeorgis
ozioni stategiche
opzioni sinergiche
real option
opzione di abbandono
core goodwill
growth option

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi