Skip to content

L’ex Istituto Medico Pedagogico di Aguscello: una storia fra marginalità e leggenda

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Solera
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Anita Gramigna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

La ricerca ha per oggetto l'unico Istituto Medico Pedagogico che sia mai stato presente sul territorio ferrarese tra gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso, attualmente famigerato quale presunto luogo di infestazioni o fenomeni paranormali. La tesi si articola su due piste: la prima smonta le leggende metropolitane circolanti su internet ed in TV circa il luogo in questione (soprattutto relativamente alle informazioni presentate come storiche), la seconda indica il modello concettuale sottostante ad un'Istituto di questo tipo (il modello reclusivo-segregativo) come superato, inefficace ed inefficiente.

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Solera
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Anita Gramigna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nel territorio provinciale di Ferrara, più precisamente nella periferia sud-est della città, si trova un sito molto particolare, conosciuto per lo più dagli studenti delle scuole secondarie e dagli universitari della zona, che talvolta ne hanno fatto la mèta di “pellegrinaggi dell’orrore”. Si tratta delle rovine di un ex Istituto Medico Pedagogico, una sorta di manicomio minorile gestito dalla sezione ferrarese della Croce Rossa, e attivo per un quindicennio, tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta. Sul luogo circolano svariate dicerie, concordi nel denunciare che nel sito si sarebbe dipanata una storia di dolore, emarginazione e violenze. Scegliendo di “vedere” l’Istituto in questione sotto la lente della Pedagogia Sociale e della Marginalità, si è tentato di svolgere una ricerca di etnografia pedagogica, mediante la quale ricostruire la “vera” storia dell’Organizzazione, valutare criticamente la fondatezza o meno delle voci circolanti su di essa, e proporre alcune riflessioni di carattere pedagogico ed antropologico. Il primo capitolo introduce l’argomento mediante la presentazione del lessico e della semantica della marginalità; si vedrà in particolare quale dovette essere il modello concettuale sottostante alla realizzazione ed alla conduzione di un I.M.P.P. come quello in esame. Nel secondo capitolo, anche attraverso l’ausilio di un’opera pittorica di Caspar David Friedrich, autore del Romanticismo tedesco (celebre per i numerosi paesaggi espressivi dell’elemento del “sublime” romantico), adottando la prospettiva teorica di Gregory Bateson si illustrerà come la relazione tra l’inquietante visione frontale degli attuali ruderi del Pedagogico e le caratteristiche dell’istituzione totale che in esso fu ospitato possa risultare densa di significati. Il capitolo successivo raccoglie tutte le voci sul sito in questione, reperite in particolare in due mezzi di comunicazione di massa: internet e la televisione. Riguardo a quest’ultima, si porranno in luce le caratteristiche di un servizio andato in onda nella trasmissione “Mistero” su Italia 1, a proposito dell’immobile lì definito come “l’inferno di Aguscello”. Il quarto capitolo costituisce il cuore dell’elaborato, in quanto presenta una dettagliata ricostruzione della storia dell’Istitito Medico Pedagogico di Aguscello basata su diverse fonti d’archivio. Nel quinto capitolo, infine, si propongono alcune riflessioni sul fenomeno studiato. Nella prima parte, utilizzando una relazione pubblicata nell’ottobre del 1971 dall’équipe dell’I.M.P.P., si illustrerà come la proposta “medico-pedagogica” di un’istituzione di questo tipo non possa che risultare, dalla prospettiva della Scienza dell’Educazione, asfittica, unilaterale ed assai carente. Nella seconda parte, adottando la “lente” dell’Antropologia Culturale e della Storia delle Religioni, si proporrà un’ipotesi che ci aiuti ad interpretare il “movimento” creatosi attorno ai ruderi di Aguscello.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

estetica
marginalità
ferrara
croce rossa
pedagogico
gregory bateson
aguscello
pedagogia sociale
minorati
manicomio minorile
istituto totale
seminario di ferrara
modello reclusivo-segregativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi