Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzo del silicio nella fisica delle alte energie: ingegnerizzazione e costruzione del calorimetro QcalT

In questo lavoro di tesi, mi sono occupato dello studio del progetto KLOE-2 ed in particolare di una parte fondamentale del medesimo che è il calorimetro a tile denominato QcalT. Il QcalT, come si vedrà nella dissertazione, è interposto intorno ai quadrupoli in prossimità della zona di collisione, per la ricostruzione dei fotoni derivanti dal decadimento del KL→ 2π0.

Mostra/Nascondi contenuto.
IV Introduzione Da qualche anno, nei laboratori di Frascati è stato sviluppato un innovativo schema di collisione per macchine elettrone-positrone, anche detto “crab-waist”, che consentirebbe di aumentare sensibilmente la luminosità di DAΦNE pur mantenendo inalterate le correnti di progetto. Nelle ultime campagne di prese dati, la luminosità raggiunta da DAΦNE è stata di un fattore 5 inferiore a quella di progetto. Con l’introduzione del crab-waist, è nato un nuovo elaborato di ricerca identificato con il nome KLOE-2. Questo esperimento si presuppone di completare il programma di fisica iniziato da KLOE e di esplorare nuovi settori della fisica dei “kaoni”. Dal punto di vista strumentale, l’apparato KLOE è in grado di lavorare e prendere dati con i nuovi valori di luminosità ma, nonostante questo, si è deciso di migliorare alcuni aspetti dell’esperimento sviluppando una serie di nuovi sotto-rivelatori per aumentare le performance di KLOE. In questo lavoro di tesi, ci siamo occupati dello studio del progetto KLOE-2 ed in particolare di una parte fondamentale del medesimo che è il calorimetro a tile denominato QcalT. Il QcalT, come si vedrà nella dissertazione, è interposto intorno ai quadrupoli in prossimità della zona di collisione, per la ricostruzione dei fotoni derivanti dal decadimento del K L → 2π 0 . Nella tesi vengono presentati diversi aspetti della costruzione del QcalT. Uno studio di questo tipo, consente di esplorare diverse materie scientifiche interessate dalla progettazione di massima del rivelatore, fino alla sua messa in opera. Si sono poste dapprima delle solide basi atte a capire come il processo tecnologico ha interloquito con la rivelazione.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Dario Stranieri Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 626 click dal 19/10/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.