Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ambiente, eccentricità e nuovi spazi antropologici

Nella prima parte di questa tesi si è seguito da vicino la ricerca di Helmuth Plessner sulle “modalità di esistenza” della vita, in cui si rinvengono i motivi strutturali della differenziazione della sfera animale da quella dell’uomo, le ragioni per cui l’uomo è in grado di distanziarsi da se stesso, rendendo possibile la “totale riflessività del sistema di vita”, e i motivi per cui, invece, l’animale resta concentrato sulla propria attualità. La posizionalità eccentrica dell’uomo risulterà fondamentale per interpretare la complessità del comportamento umano, inoltre, nel lavoro svolto si sono messi in evidenza gli apporti del biologo e filosofo estone Jakob von Uexküll che, grazie a un’articolata teoria dell’ambiente (Umwelt), consentì una migliore comprensione delle relazioni di scambio ma anche di conflitto tra organismo e mondo, fornendo alcune importanti basi concettuali per la maturazione dell’antropologia filosofica nei primi anni del Novecento. Nella seconda parte della tesi ci siamo poi soffermati sugli aspetti politici dell’antropologia di Plessner, misuratosi perlopiù con Schmitt con l’opera del 1931 Potere e natura umana. Se Schmitt considerava la politica come il momento dell'intensificazione del conflitto, per cui bisognerebbe per la “serietà” (Ernst) del caso estremo determinare nettamente i confini tra chi è “amico” e chi è “nemico”, Plessner rende meno rigida la distinzione della “relazione” in seguito all'introduzione del concetto freudiano di “perturbante” (Unheimilich). Le tesi del sociologo Pierre Lévy, conosciuto soprattutto per aver articolato una riflessione sui nuovi mezzi di comunicazione in grado di produrre inediti spazi antropologici (Cyberspazio), sembrano voler riproporre la questione dell'alterità affrontata da Plessner in Potere e natura umana, ma da un punto di vista del tutto originale, l'altro è “qualcuno che sa”, e non necessariamente un possibile nemico. In conclusione, ciò che si è voluto dimostrare nelle ultime pagine della presente tesi di laurea è che Lévy sembrerebbe essere consapevole dei risultati a cui i fondatori dell’antropologia filosofica sono giunti. In particolare, il “cyberspazio” non rappresenta certamente la soluzione definitiva ai problemi di ordine sociale e politico tipici dell’uomo, ma il luogo virtuale in cui si evidenzia maggiormente la complessità di un essere alla ricerca permanente di soluzioni e conoscenze.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione In questa tesi sono stati approfonditi alcuni aspetti dell’opera piø rappresentativa di Helmuth Plessner, I gradi dell’organico e l’uomo 1 . In essa compare la categoria della posizionalità eccen- trica come chiave per interpretare la complessità del comportamento umano, che non soprag- giunge ma è bensì radicata nella sfera biologica. In questo modo la posizionalità eccentrica as- sume anche la funzione programmatica di dare una definizione unitaria della natura umana, che per un verso eviti la frammentazione derivante soprattutto dal dualismo cartesiano e, per l’altro, l’unificazione forzosa degli orientamenti monistici, dall’idealismo a Bergson o Spencer. L’autore espone una fenomenologia dell'essere vivente allo scopo di dedurre una “teoria dei mo- dali organici” che fornisca gli strumenti per esaminare la scala degli esseri, dalla base inorgani- ca sino alle varie manifestazioni del vivente, dove la nozione di forma assume via via un rilievo sempre maggiore in quanto collegato all’organizzazione corporea e dunque alla relazione con l’ambiente. SicchØ la fenomenologia della forma organica esamina prima il mondo vegetale, poi quello animale e infine quell’umano. Una “scala posizionale” che si basa sulla «coesione interio- re del vivente, sulla capacità di rapporto con il mondo esterno e sull'autonomia interiore del pro- prio sØ». 2 La tesi mette in evidenza gli apporti del biologo e filosofo estone Jakob von Uexküll che, grazie a un’articolata teoria dell’ambiente (Umwelt), consentì una migliore comprensione delle relazioni di scambio ma anche di conflitto tra organismo e mondo, fornendo alcune impor- 1 H. PLESSNER, Die Stufen des Organischen und der Mensch, in Gesammelte Schriften IV, Suhrkamp, Frankfurt a.M. 2003 (trad. it. I gradi dell'organico e l'uomo. Introduzione all'antropologia filosofica, a cura di V. Rasini, Bollati Bo- ringhieri, Torino 2006). 2 M. T. PANSERA, Antropologia filosofica, B. Mondadori, Milano 2001, p. 86.

Laurea liv.I

Facoltà: Filosofia

Autore: Daniele Varrella Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 577 click dal 29/11/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.