Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politica estera e strategie commerciali della RPC in Africa

"Politica estera e strategie commerciali della RPC in Africa" è una tesi compilativa, il cui scopo è quello di analizzare l'approccio e la politica usati da compagnie statali e private cinesi nelle relazioni economiche e commerciali con il continente africano, per mettere in evidenza i vantaggi e gli svantaggi che emergono dal rapporto tra Cina e Africa e le coseguenze, che ne derivano, in entrambi i Paesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE "We have turned east, where the sun rises, and given our backs to the west, where the sun sets" 1 . “Ci siamo voltati verso est, dove il sole sorge, volgendo le spalle all'ovest, dove il sole tramonta”: queste parole sono state pronunciate da Robert Mugabe, politico dello Zimbabwe, per spiegare le relazioni tra Africa, Occidente e Cina. Questa frase potrebbe essere il perfetto riassunto, anche se troppo sintetico, dell'elaborato che segue, il cui scopo è proprio quello di descrivere i freschissimi rapporti tra Cina e Africa, che stanno sostituendo quelli storici tra il continente nero e i paesi occidentali. La Cina descritta in questo contesto, è la Cina di oggi. Non si tratta più della vecchia Cina che produceva indumenti a basso costo o prodotti di scarsa qualità, ma del paese in cui si concentra la maggior parte della vastissima produzione mondiale, che comprende prodotti che vanno dal settore tessile a quello tecnologico. Questa spinta è stata data da Deng Xiaoping e dalle le sue riforme del 1978, le quali hanno aperto la Cina ad una visione globale dell'economia e hanno determinato una crescita economica che, fino ad oggi, non si è mai fermata. La Cina di oggi ha deciso di cercarsi una posizione stabile tra i paesi più potenti a livello internazionale. La sua costante espansione, sia interna che esterna, è visibile ogni giorno: dispone di treni ad alta velocità, ha costruito in tempo record i grattacieli del Pudong 2 di Shanghai, che simboleggiano proprio la crescita cinese, è il maggiore creditore degli Stati Uniti, investe in paesi europei afflitti dalla crisi economica, compra parte del debito pubblico italiano e addirittura compra parte dell'Inter, la squadra di calcio milanese... Ma la sua ascesa è ancora più evidente in Africa. Dal 2010 la Cina è il principale partner commerciale del continente africano, soprattutto per quanto riguarda le materie prime. L'Africa è ancora un paese in via di sviluppo; povertà e corruzione politica sono ancora molto forti, tanto da impedire lo sviluppo dei mezzi necessari per sfruttare le grandi risorse del sottosuolo. A ciò, si aggiungono le guerre interne, alcune ancora in corso di svolgimento. 1 Fonte Paolo Woods – Photography, http://www.paolowoods.net/. 2 Pudong (浦东, Pǔdōng ) è un distretto della città di Shanghai sulle rive del fiume Huangpu. Prima degli anni '90 era una zona agricola sottosviluppata, oggi è il quartiere dedicato all'economia e al commercio. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Maffioletti Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 775 click dal 30/11/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.